Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Visualizza il feed RSS

Servo Scrittore

Consiglio, Francesco - Le affettuose molecole del lecca lecca

Valuta questo inserimento
Il mio primo romanzo, 'Qualunque titolo va bene' è stato pubblicato nel 2010 ed ha avuto due recensioni che allego.

Ringrazio per l’attenzione riservatami e porgo distinti saluti.

Francesco Consiglio.

Mail: fconsiglio@live.it

* * *

Recensioni

QUALUNQUE TITOLO VA BENE, ROMANZO IACOBELLI 2010: RECENSIONE SU REPUBBLICA – EDIZIONE PALERMO, 4 aprile 2010

Un delitto, una donna di quarant’anni viene trovata uccisa. Dal referto di medicina legale parte il romanzo di Francesco Consiglio, scrittore di Realmonte che vive a Roma, molto frammentato, come indica anche l’autore nel sottotitolo, con notazioni ironiche, grottesche, talvolta melanconiche, momenti della vita di un piccolo gruppo di persone che avevano vissuto nella primissima adolescenza e negli anni del liceo a Pian della Repubblica, provincia di Agrigento. La narrazione - molto vivace, immediata, divagante, che fa uso di un registro orale – è condotta dal narratore, aspirante scrittore Franco Lamaiola, e si sviluppa in brevi capitoletti che parlano dei singoli personaggi, spesso raccontati dal suo punto di vista, di come la loro vita si è intrecciata alla sua, nella realtà e nei sogni, nelle fantasticherie sessuali, o in episodi concreti narrati con vivacità. A questa linea di narrazione si alternano claustrofobici capitoletti in cui il narratore parla di sé, dei suoi pessimi rapporti familiari ma soprattutto delle sue aspirazioni di scrittore, dei suoi tentativi, dei suoi modelli, primo fra tutti Chuck Palahniuk. Spesso la sua testa sembra doppiarsi, una parte che lo incita, che lo apprezza, e una parte che lo critica aspramente e vuole distruggere le sue illusioni. Ne emerge un’umanità spesso mediocre, chiusa nelle sue ossessioni, nei suoi desideri, incapace di rapporti autentici, ognuno chiuso in sé, malgrado il vitalismo ossessivo.

* * *

QUALUNQUE TITOLO VA BENE, ROMANZO IACOBELLI 2010: RECENSIONE SUL MENSILE LETTERARIO STILOS, marzo 2011

Il romanzo d'esordio di Francesco Consiglio, classe 1965 - siciliano d'origine e lancianese d'adozione, autore di racconti, giornalista, artistoide, agente immobiliare - non solo non ha un titolo vero e proprio (è stato pubblicato come Qualunque titolo va bene. Romanzo a pezzi), ma non si sviluppa in una trama degna di questo nome, non rientra in alcuna categorizzazione critica, non vede una netta separazione tra protagonista, voce narrante e autore, e neppure finisce: dopo il capitolo in cui si svela il colpevole (pretesto del romanzo è una morte misteriosa), iniziano una serie di capitoletti in cui si riprende il filo della storia e si racconta quanto succederà dopo ai personaggi della vicenda; e anche dopo, c'è un altro capitolo che si chiama ovviamente "Dopo la parola fine" e un altro ancora intitolato "Eccetera". E poi questo di Consiglio e del suo alter ego, Lamaiola, è uno dei pochissimi libri che ancora prima di venire pubblicati partono con una dotazione di tre recensioni a dir poco sospette: una apocrifa di Chuck Palaniuk, una stroncatura del padre dell'autore/protagonista, e un'autocritica dell'autore. E per non farsi mancare niente, la dedica del libro si trova nelle ultime pagine: "A mia nonna Lella". Che Qualunque titolo va bene sia un libro curioso lo dice già la quarta di copertina che lo definisce "un libro fuori dal canone", ma poiché è bene non fidarsi mai delle quarte, per rendersene conto da soli basta sfogliarlo: frammentario, diviso in capitoletti brevissimi dai titoli spesso lunghi (a volte mancano del tutto o si chiamano "Senza titolo"), ci si trovano riproduzioni di lettere, elenchi, trascrizioni di dialoghi e di intere puntate di programmi televisivi. Del resto il sottotitolo del libro è "Romanzo a pezzi". Il lettore tradizionalista che invece cominciasse a leggere il romanzo dall''inizio alla fine senza sfogliarlo preventivamente si troverebbe davanti uno strano ibrido che prende le mosse da un omicidio (quello della quarantenne Anna Grazia Diamanti) per poi abbandonare del tutto le regole del genere, ma anche di ogni tipo di narrazione standard, e spaziare dalla meta-letteratura (l'autore che riflette su quanto va scrivendo, approvandolo o criticandolo) all'autobiografia, con la storia di un gruppo di ragazzini cresciuti facendo marachelle e la vita di un piccolo paese dell'agrigentino: un meta-romanzo, direbbero quelli che parlano bene e vivono di definizioni. Un romanzo originale, dico invece io, che - sbrigate le operazioni critiche necessarie - mi sono divertita a seguire il flusso delirante della (non)narrazione, tra un'ambientazione paesana surreale (l'inesistente Pian della Repubblica: "novecentotredici case a schiera"), la descrizione di esilaranti dinamiche familiari, con il protagonista che vorrebbe essere figlio dei coniugi Cunningham della serie tv "Happy days", personaggi sopra le righe, finti carabinieri, veri inquirenti, violenti assassini (provvisti tuttavia di attenuanti), e decine di considerazioni amare sulla fatica dello scrivere e la difficoltà di sfondare come scrittori, costantemente in bilico tra la volontà di fare letteratura e la necessità di seguire il mercato: "Che sorpresa, - mi dice nella testa quella parte della testa che mi schifa, - devo dire che funziona, il tuo progetto di romanzo, il problema è l'intenzione di ficcarci dentro il giallo, a tutti i costi. C'è la moda del poliziotto che scrive, dell'avvocato che scrive […] - Pensaci, - mi dice quella parte della testa che mi schifa, - pensaci, aspirante. Lascia stare il giallo e osa: scrivi un romanzo per la Letteratura".
Frammentario, apparentemente sconclusionato, costruito su un continuo gioco di rimandi tra fiction e auto-fiction, scritto per confondere il lettore e divertirlo con una narrazione sconnessa e del tutto extra-referenziale che non manca però di una struttura solida ancorché arzigogolata, Qualunque titolo va bene ha la sua forza soprattutto in una scrittura felice che ricorre all'ironia come vero strumento retorico e utilizza il gioco ormai scoperto e abusato delle ripetizioni di parole e frasi - Paolo Nori docet - non tanto per ricalcare il linguaggio parlato o per dare ritmo al periodare che già da solo scorre piacevolmente, quanto per reiterare persino nello stile, quell'elogio della follia che è manifesto programmatico di tutto il libro: niente è come sembra, la letteratura scompone e scombina, lo scrittore è sostanzialmente un uomo che cerca di mettere d'accordo le voci nella sua testa per crearne una ex-novo che racconti delle storie. Le parole, insomma, vengono viste e usate come ossessioni gentili. Mi pare quindi che alla fine Francesco Consiglio abbia ascoltato "la parte della sua testa che lo schifa" e abbia scelto di "scrivere un romanzo per la Letteratura", senza prendersi (o prenderla) troppo sul serio.[/QUOTE]

Submit "Consiglio, Francesco - Le affettuose molecole del lecca lecca" to twitter Submit "Consiglio, Francesco - Le affettuose molecole del lecca lecca" to Digg Submit "Consiglio, Francesco - Le affettuose molecole del lecca lecca" to del.icio.us Submit "Consiglio, Francesco - Le affettuose molecole del lecca lecca" to StumbleUpon Submit "Consiglio, Francesco - Le affettuose molecole del lecca lecca" to Google Submit "Consiglio, Francesco - Le affettuose molecole del lecca lecca" to Oknotizie

Tag: No Aggiungi / Modifica tags
Categorie
Non categorizzato

Commenti