Trama:
“Nel terribile inverno del 1659, Satana sembra aver scelto come dimora Malzieu, uno sperduto villaggio delle Ardenne. Cadaveri di ragazzine affiorano dalla neve e una giovane vedova viene assalita da spaventose convulsioni. Per padre Jerome è opera del demonio, tanto più che la donna accusa il cognato Mathias Vigneules di averla stregata. Quando a indagare viene chiamato il feroce inquisitore di giustizia Pierre Bossuat, per Mathias comincia una lenta discesa nell'incubo. Ma inaspettatamente Melchior Percheval, un avvocato di fama dalla mente lucida, giunge dalla città per difenderlo. Cosa induce Percheval a rischiare la carriera per uno sconosciuto? Quali inconfessabili demoni, ben più concreti di quelli paventati da Bossuat, nasconde la sua scelta? Mentre Percheval fa i conti con il proprio passato, in paese la scia di morte si allunga. Convinto di fronteggiare una dilagante infezione demoniaca, l'inquisitore si appresta a compiere una spietata purificazione collettiva. Per l'avvocato, invece, ad agire nell'ombra sfruttando la credulità generale è uno spirito malvagio ma del tutto umano. Sullo sfondo dell'eterna lotta tra ragione e fanatismo, Percheval e l'amico medico Estienne mettono a repentaglio le loro vite in una corsa contro il tempo per scoprire la verità e impedire che altro sangue innocente venga versato.”

Commento:

Un libro questo scelto a caso in un momento di fretta e che si è rilevata una piacevole lettura. Fin dalle prime pagine ci si ritrova coinvolti in sospetti e credenze che seppur privi di fondamento portano a tragiche conseguenze. La losca figura dell'inquisitore che vuole vedere il diavolo in ogni angolo delle debolezze umane si scontra con l'oggettività dei fatti esposti dal protagonista. L'intero romanzo è una battaglia contro il tempo, una dsiperata ricerca di prove oggettive che contrastino le accuse di stregoneria rivolte ad alcuni abitanti del povero villaggio. A tratti il romanzo assume tinte piuttosto forti che rendono il racconto più drammatico. coinvolgente dall'inizio alla fine senza pagine inutili.
Voto,: 4 stellette