Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Dio ha misurato il tuo regno

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Banffy, Miklos - Dio ha misurato il tuo regno

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    milano
    Messaggi
    1572
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito Banffy, Miklos - Dio ha misurato il tuo regno

    Il romanzo è ambientato nell'Ungheria di inizio Novecento, un periodo scosso dall'instabilità politica e da regurgiti di nazionalismo in cui la classe aristocratica si dedica a feste, balli, duelli e intrighi amorosi mentre, inconsciamente, si sta dirigendo verso il baratro che la inghiottirà con lo scoppio della Grande Guerra.
    Tre sono le principali figure del romanzo : Balint Abady che , abbandonata la carriera diplomatica, torna nelle sue terre in Transilvania per dedicarsi alla loro cura e nel contempo inizia la carriera di deputato; Laszlo Gyeroffy, musicista dotato, ma di debole carattere e Adrienne, bella,giovane, ma imprigionata in un matrimonio infelice.
    Il romanzo segue le loro storie che si avvicendano a quelle di altri personaggi della nobiltà austro ungarica tutti caratterizzati o da un forte senso della tradizione o da una forte insicurezza.
    E' un romanzo che mi ha catturato solo all'inizio, ma procedendo nella lettura ha finito per raggiungere il livello " noia ". Le varie vicende sono spesso ripetitive, i vari personaggi non hanno mai un vero grande cambiamento. Sicuramente era nell'intenzione dell'autore esprimere questo senso di " vuoto " nella società dell'epoca, ma più di 800 pagine per esprimere questo vuoto son forse un pò troppe
    Ultima modifica di fabiog; 11-17-2010 alle 11:55 PM.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Martin, George - Il regno dei lupi
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 09-21-2015, 01:00 AM
  2. Brooks, Terry - Il magico regno di Landover
    Da Lois Lane nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 12-13-2011, 12:32 AM
  3. Hocke, Martin - Il regno dei gufi
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-13-2009, 04:04 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •