Trama:
Quando dalle acque tranquille di un lago del Quebec affiora un involucro di plastica contenente resti umani, il compito di identificarli spetta a Temperance Brennan. Un lavoro di routine, per la brillante antropologa forense. Ma l'immagine di quel corpo tumefatto la inseguirà per giorni, per chilometri visto che John Charles Lowery risulti essere già morto nel lontano 1968, mentre prestava servizio nell'inferno del Vietnam. Dove la sua passione per i ragni gli era valsa il soprannome di Spider. A chi appartengono, allora, le spoglie restituite quarant'anni prima alla famiglia Lowery e sepolte nel North Carolina? L'indagine sulle ossa senza nome porta Tempe da Montréal alle bianche spiagge delle Hawaii, dove ha sede il JPAC, l'ente responsabile dell'identificazione dei cittadini americani morti in guerra. Nei laboratori hawaiiani la vera storia di Lowery assume i contorni di uno scandalo che rischia di infangare per sempre la sua reputazione di soldato e di uomo. E di portare alla luce una trama segreta di sparizioni e identità violate che ancora oggi qualcuno è disposto a coprire a prezzo del sangue.
Commento:
Libro da leggere in pochi giorni perchè altrimenti tra intrighi e intrugli si rischia di perdere il filo. Due storie parallele, una piuttosto semplice lineare l'altra più intrigata, troveranno alla fine un punto in comune. Il libro mi è piaciuto anche se ho rischiato più volte di perdere il bandolo della matassa. Bones, torna finalmente a fare il suo mestiere (negli ultimi romanzi della Reichs era diventata una super eroina più che un'antropologa) Tornano le descrizioni scientifiche e mediche che ho sempre apprezzato di questa autrice. Interessante lo scenario di fondo, ovvero il recupero e l'identificazione dei soldati americani dispersi nel mondo dalla seconda guerra mondiale in poi. Voto: 3 stellete