Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il banchiere anarchico e altri racconti

Mostra risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Pessoa, Fernando - Il banchiere anarchico e altri racconti

  1. #1
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13829
    Thanks Thanks Given 
    776
    Thanks Thanks Received 
    547
    Thanked in
    404 Posts

    Predefinito Pessoa, Fernando - Il banchiere anarchico e altri racconti

    Il primo racconto,"Il banchiere anarchico",è un dialogo a due con protagonista il banchiere stesso che cerca di spiegare la propria anarchia teorica e pratica al suo interlocutore.
    Difficile capire se le riflessioni e le argomentazioni riportate siano valide o meno .Teoricamente lo sembrano quasi,ma bisognerebbe poi provarle per rendersi conto del loro effettivo valore.
    <<Sacrificare un piacere,il solo fatto di sacrificarlo,non è naturale;sacrificare un piacere per un altro,bè,questo è secondo natura:significa,fra due cose naturali,se non si possono avere entrambe,sceglierne una;il che va benissimo >>
    <<Lavorando separati e per lo stesso fine anarchico abbiamo due vantaggi: quello dello sforzo congiunto e quello della non creazione di una nuova tirannia >>

    Il secondo racconto,"Una cena molto originale",mi ha ricordato lo stile narrativo di Poe.Avevo subito capito in cosa consisteva l'originalità della cena,offerta dal presidente di una società gastronomica ai soci .Un po' raccapricciante,ma,secondo me,fa sorridere lo stesso.

    Nel terzo,"Il furto nella Villa delle Vigne",mancano dei frammenti ed è la scoperta del colpevole di tale furto da parte di un dottore che comunque alla fine lascia al colpevole stesso la possibilità di scegliere se costituirsi o meno.

    Ovviamente non c'è paragone con la sua opera meravigliosa "Il libro dell'inquietudine" .
    Ma sono stata attratta dal titolo e ho pensato di leggerlo lo stesso.
    Ultima modifica di Minerva6; 08-07-2016 alle 02:03 PM. Motivo: aggiunta spazio nel titolo

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4327
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    722
    Thanks Thanks Received 
    446
    Thanked in
    301 Posts

    Predefinito

    Il libro che ho letto io conteneva anche un dialogo tra una futura madre e il diavolo. Sono certa di non averlo capito, ma mi è parso il migliore del volume. Il "banchiere" non mi ha convinto, nemmeno stilisticamente. Non ho letto altro dii Pessoa, ma questi racconti mi hanno tolto la voglia di conoscerlo più a fondo..

  3. #3
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13829
    Thanks Thanks Given 
    776
    Thanks Thanks Received 
    547
    Thanked in
    404 Posts

    Predefinito

    No,Spilla,non farlo,non perdere l'occasione di leggere "Il libro dell'inquietudine".
    Per me è stato una rivelazione.Non è piaciuto a tutti,ma almeno prova,poi mi dirai se è il tuo genere.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4327
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    722
    Thanks Thanks Received 
    446
    Thanked in
    301 Posts

    Predefinito

    Grazie, Minerva, penso che seguirò il tuo consiglio. Ma tra un po'...

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5746
    Thanks Thanks Given 
    1130
    Thanks Thanks Received 
    381
    Thanked in
    231 Posts

    Predefinito

    Mi è piaciuto molto Il banchiere anarchico...in effetti condivido questo soliloquio, un'analisi logica della nosrta società e delle sue contraddizioni :Aiutare qualcuno, amico mio, è considerarlo incapace; ma se non è incapace e lo trattate come tale o lo considerate tale, allora questa è, nel primo caso una tirannia e, nel secondo caso, una forma di disprezzo. In un caso si limita la libertà dell'altro; nel secondo caso si parte, per lo meno inconsapevolmente, dal principio che l'altro è disprezzabile e indegno o incapace della libertà."
    Veramente bello il racconto del diavolo :Solo i sogni sono sempre quello che sono. E' il lato di noi in cui nasciamo e in cui siamo sempre naturali e nostri. (...)Il buon sognatore non si sveglia. Io non mi sono mai svegliato. Dio stesso dubito che non dorma."
    Il terzo racconto mi ha ricordato moltissimo E.A.Poe!

  6. #6
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18815
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    230
    Thanks Thanks Received 
    643
    Thanked in
    384 Posts

    Predefinito

    Il banchiere anarchico già dal titolo è un paradosso, credere a quello che dice il banchiere in questo racconto dove teorizza che la realtà si basa sulla finzione e quindi l'unica libertà che può auspicare un vero anarchico è liberare sè stessi, come ha fatto lui liberandosi dal bisogno di denaro diventando ricco perché l'egoismo è una forma naturale e non essendo quindi sociale non fa parte delle finzioni? Il bello di Pessoa è questo: la finzione è realtà, la realtà è finzione. Che poi la logica serrata da lui usata sia finzione questo fa parte del sillogismo stesso. Ci ha preso sottilmente in giro?

  7. #7
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10204
    Thanks Thanks Given 
    381
    Thanks Thanks Received 
    415
    Thanked in
    295 Posts

    Predefinito

    Il banchiere anarchico è un racconto che ha come oggetto un monologo interessante da seguire, chiaro e limpido, sembra non fare una piega, quantomeno nella forma. La sostanza è un po' diversa, sembra che il banchiere abbia scelto la via più comoda e più semplice passando per un percorso mentale che mostra - forse a se stesso - la sua scelta come, appunto, anarchica, quasi umanitaria nel senso che, non potendo fare niente per la collettività, egli sceglie di agire egoisticamente come se non ci fosse altra scelta e fosse l'unico modo di concretizzare il suo ideale. Non so se il personaggio incarni il modo di pensare di Pessoa, mi sembra di vedere una certa ironia, seppur indulgente, nel presentarlo.
    L'ora del Diavolo è sicuramente un racconto di una certa raffinatezza, poco chiaro per me anche perché pare che nel manoscritto manchino alcune parti, ma contiene riflessioni abbastanza reali e insieme poetiche.
    Forse Una cena molto originale è quello che ho preferito, anche se dà sull'horror, diciamo che il mio povero neurone non aveva idea del colpo di scena finale, e ciò ha fatto sì che me lo godessi pienamente.
    Non so se continuerò con Pessoa, certamente ha un modo di scrivere schietto e interessante.

  8. #8
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2654
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    251
    Thanked in
    165 Posts

    Predefinito Una cena molto originale

    Come mio primo approccio a Pessoa ieri sera ho letto due suoi racconti: "Una cena molto originale" e "Il furto nella Villa delle Vigne".
    Quello della cena mi è piaciuto molto, un racconto alternativo, con un finale devastante e inaspettato. Lo stile mi è parso molto english.
    Il secondo racconto invece è un frammento da venti pagine di racconto giallo, senza azione, in pieno stile Poe, ma abbastanza insignificante.

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2292
    Thanks Thanks Given 
    52
    Thanks Thanks Received 
    92
    Thanked in
    68 Posts

    Predefinito

    Non ho apprezzato particolarmente questi racconti. Quello del banchiere anarchico che dà il titolo al volume con la sua logica ironica e arguta è sicuramente il migliore ma non molto piacevole da leggere per me.
    Quello del diavolo non l'ho capito veramente. Quello della cena originale divertente ma prevedibile.

Discussioni simili

  1. Pessoa Fernando - Tabaccheria
    Da Clik nel forum Poesia
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 10-21-2010, 09:02 AM
  2. Pessoa, Fernando - Ora assurda
    Da Apart nel forum Poesia
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 02-11-2010, 12:41 AM
  3. Pessoa, Fernando - Se qualcuno
    Da alessandra nel forum Poesia
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 09-25-2009, 12:00 AM
  4. Pessoa, Fernando - Faust
    Da Darkay nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 01-15-2008, 07:55 AM
  5. Pessoa, Fernando - Autopsicografia
    Da zaratia nel forum Poesia
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 09-20-2007, 03:53 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •