Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Notte buia, niente stelle

Mostra risultati da 1 a 14 di 14

Discussione: King, Stephen - Notte buia, niente stelle

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2010
    Località
    Brescia
    Messaggi
    263
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito King, Stephen - Notte buia, niente stelle

    Mi sono accostata a questo libro con la solita trepida speranza di trovarci il King che mi piace e non sono rimasta delusa. Sono banale se dico che sono quattro racconti bellissimi? E va bene, adoro essere banale: sono bellissimi. Sono particolarmente King, anche se io ci ho visto una sorta di “crepuscolarità”, un’aura oscura ma brillante (o, se preferite, brillante ma oscura), una sottile patina di di-sperazione (anche se King nella postfazione lo nega); insomma buio pesto, senza neppure il conforto di una misera stellina di magnitudo apparente +30. Ma più che scrivere analiticamente dei racconti vorrei fare una riflessione sul perché mi piace King, e mi soccorre in questo un libello che ho avuto la fortuna di leggere in questi giorni travagliati, Storie Infinite, raccolta di piccoli saggi e riflessioni di Michael Ende sulla letteratura fantastica.

    Ende parte da un’idea che io ho sempre nebulosamente condiviso fin da quando ho cominciato a sviluppare una certa capacità critica, e che è andata via via assumendo contorni sempre più netti: l’artista o lo scrittore non devono predicare a favore di una visione del mondo (…) l’unica cosa che mi indigna (…) è quando sento che l’autore prova a darmi qualche insegnamento. Ecco, è una cosa che indigna anche me. Per questo motivo, oltre che per motivi stilistici, rifuggo la maggior parte degli autori contemporanei che si propongono come magistri vitae. L’Italia non solo non fa eccezione, ma anzi è dolorosamente in prima linea nel perpetrare questa violenza alla letteratura; gli scrittori si propongono a priori come latori di un messaggio politico-sociale (nelle loro opere o nei loro interventi di altro tipo), magari avanzando anche la provenienza da un presunto lato buono del Belpaese (e questa frecciata non è diretta solo a chi lo dice esplicitamente: tutti i letterati o pseudo tali d’Italia sono politicizzati o peggio e ritengono di far parte di una specie di foedus sanctitatis – ma quanta presunzione! La sanctitas sta negli oscuri, prima di tutto).

    Continua Ende: c’è un valore comune che precede ogni critica sociale ed è il valore dell’uomo. Compito del poeta è ricreare continuamente questo valore (…). Se non lo si fa, questo valore perde i colori e la sua consistenza, perde la sua realtà e le conseguenze sono la bestialità e la barbarie.

    A me King piace perché fa esattamente questo: ricrea sempre il valore dell’uomo, difende la “riserva della letteratura fantastica”, conserva e tramanda i colori e la consistenza dell’uomo (anche quando sono foschi e tenebrosi), mi tiene lontana dalla bestialità e dalla barbarie, pericoli sempre vicini e molto reali per l’essere umano. E fa tutto questo senza cercare d’indottrinarmi, mai, che si stia esprimendo in un romanzo, racconto, in un messaggio, in un articolo, in un’intervista, in un sito internet. E non perché King rappresenti una letteratura meramente “escapista”, ma perché, ancora una volta con Ende (grazie di essere esistito anzi di esistere), le opere di King sono opere che non dimostrano o confutano alcunché, ma sono qualcosa (come esempi Ende cita Iliade, Odissea, Faust, Le Mille e Una Notte, i romanzi di Balzac e Dostoevskij, Shakespeare).

    Inoltre le opere di King sono piene di umorismo. Alla faccia di chi non è in grado di capirlo, apprezzarlo, sopportarlo, esso è IL pilastro di una buona vita e, come dice ancora Ende (scusa se saccheggio il tuo libello!), non può essere mai fanatico né dogmatico (cosa che purtroppo avviene spesso), ma è sempre umano e amichevole; è quell’atteggiamento interiore che ci permette di ammettere senza rancore la nostra inadeguatezza. Non è la stessa cosa della saggezza, ma le è parente stretto.

    Tutto questo è King, e lo è anche in questi quattro bei racconti.

    1922 è forse la perla nera di questa raccolta, di sicuro il più articolato e il più “classicheggiante” in senso Kinghiano. Non c’è nessun esempio di umanità positiva in questo racconto, neppure il figlio, che anzi risulta ancor più colpevole in quanto si lascia plagiare contro la propria madre e non ha risentimenti personali nei suoi confronti. Inoltre riesce a distruggere la sua vita, quella della sua donna e del loro bambino. Sono troppo dura? Non più di quanto lo sia la storia (e il mio giudizio non significa che non abbia anche compassione di loro). Una storia dura, durissima, tra le più dure mai scritte da King, perché non viene stemperata da nessun empito di vero amore, nessun momento lirico.

    Big Driver: il film di Jodie Foster citato nel racconto (che vidi al cinema) innescò una personalissima valutazione sul tema della violenza e della giustizia. Non è sede per parlarne, ma per vari e personalissimi motivi anche la vicenda di Tess è stata di fondamentale importanza per una certa riflessione che fa parte di un percorso catartico. Questo è King. (p.s. mentre leggevo avevo in mente, sempre, le parole che dice Hattori Hanzo a Beatrix in merito alla vendetta nel momento in cui le consegna la spada).

    Fair extension: mi immedesimo sempre nelle storie che leggo, sempre, e se non riesco a farlo in nessun punto della storia significa che non è una buona storia. Penso che quasi tutti abbiano provato a immaginare cosa succederebbe se potessero fare un “patto col diavolo”. Non è per nulla una storia banale, in ogni caso: anzi, come ho detto in più di un’occasione, una delle migliori caratteristiche di King è che riesce a rielaborare topoi letterari trasformandoli in piccoli gioielli come questo. Gioielli tanto brillanti quanto tagliente è la cattiveria di Dale, che lascia senza fiato. Insomma, distruggere il tuo nemico può anche andar bene, ma assistere con soddisfazione allo spettacolo della Chera rovinosa che si impadronisce dei suoi innocenti familiari…beh, questa è pura malvagità. Una malvagità gioiosa, che quasi toglie a Dave l’umanità, avvicinandolo ad una figura fantastica di Male Inumano. Si direbbe che Dave prenda da Elvid ben più che un’equa estensione del suo tempo, un bonus, per così dire, di tipo virale, anzi parassitario.

    A good marriage: davvero un buon matrimonio! Che c’è di meglio di un marito che ti regge la bacinella per il vomito e ad ogni scarica va a sciacquartela? Io ho un marito meraviglioso, che tuttavia si guarderebbe bene da fare una cosa del genere (il che, forse, significa che non è un brutale serial killer psicopatico! ). Come scrive il Nostro nella postfazione, bisogna rassegnarsi all’idea che un efferato assassino sia capace, del tutto spontaneamente e in perfetta buona fede, di aiutare le anziane signore ad attraversare la strada, e ci sono poche cose, che fanno parte della natura umana, più vere di questa. L’animo umano è una selva selvaggia e aspra e forte ed è bene che ognuno di noi lo ricordi, sempre, sia in pieno sole, quando tutto sembra reale e sciocco, sia sotto un cielo nero e senza stelle, dove tutte le nostre ombre escono da noi e si fondono lassù, con l’oscurità.

    Concludo ribadendo (come ho fatto altrove sul web) che non ho affatto gradito la rimozione di Tullio Dobner come traduttore di King (dato che non c'era alcun valido motivo per cambiare la voce storica di King), e ancor meno la squillante pubblicità fatta al nuovo traduttore, il cui nome figura addirittura sulla sovraccoperta dell'edizione italiana (onore non tributato ad altri pur bravissimi traduttori). Infatti ho deciso di leggere King in originale (anche se, comprensibilmente, ho messo qui il titolo italiano), anche e soprattutto perché la Sperling non merita i miei sudati soldi, se posso evitarlo.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    milano
    Messaggi
    1572
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Pienamente d'accordo sul giudizio positivo del libro. Anch'io li ho trovati quattro racconti bellissimi, mi è sembrato che King in questi racconti un pò si discosta dal genere strettamente soprannaturale ( a parte un pò nel terzo ) per abbracciare atmosfere decisamente più noir e riuscendoci benissimo.
    Ciascun racconto emoziona, tiene inchiodato , percuote il lettore. Il primo è forse quello che ho preferito, il terzo è di una " cattiveria " bellissima
    Sono proprio soddisfatto del ritorno del Re dopo qualche scivolata ( anche se già con The Dome mi era piaciuto molto )

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    144
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito

    Bene, grazie Bobbi sei stata molto convincente, DEVO leggerlo...subito, non posso certo aspettare di prenotarlo in biblioteca...quanto costera'? 20 eurini come minimo e vabbe' se il Re e' tornato, si puo' fare

    A presto!

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2010
    Località
    Brescia
    Messaggi
    263
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da darida Vedi messaggio
    Bene, grazie Bobbi sei stata molto convincente, DEVO leggerlo...subito, non posso certo aspettare di prenotarlo in biblioteca...quanto costera'? 20 eurini come minimo e vabbe' se il Re e' tornato, si puo' fare

    A presto!
    Purtroppo hai ragione: costa 21 euro, nonostante la resa editoriale scarsa e il numero non alto di pagine. Su amazon.it lo puoi trovare, comunque, a 14,63 euro, e dato che amazon.it sta facendo parecchi sconti per lanciare il nuovo sito in italiano, magari puoi approfittarne per prendere altri libri (per quanto ne so ha sconti su ogni libro, o almeno sui libri che ho verificato io!)

  5. #5
    Fairy Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Brescia
    Messaggi
    464
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Leggetelo leggetelo, scrivete tanti commenti, così poi se è bello lo leggo anche io! ahahah! Ho così tanti libri in lista d'attesa che non so mai a quale dare la precedenza e la lista si allunga sempre di più...

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    144
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito

    4 racconti belli cattivi, questo e' il re che mi piace

    Ci ho pensato a lungo e ho stravolto alcune volte la mia classifica di gradimento; alla fine non la stilerò nemmeno adesso. tutti i racconti sono quasi a pari merito.Una piccolissima riserva per il finale sottilmente didattico del Maxicamionista,-mi riferisco al ruolo della segretaria del locale- che mi piace di King è quello di non avere alcun fine moralizzante, quindi la scivolatina anche piccola la sento, veniale però

    1922 e Un bel matrimonio sono racconti ai quali non cambierei una virgola:tenuta di suspance, narrazione fluida, battito leggermente accelerato...controllo roditori in atto

    Un riconoscimento speciale per La giusta estensione,la storia è nota, ma non immaginavo una cattiveria così estrema. Sarò sincera, alla fine mi aspettavo, se non un vero ribaltamento,almeno un contentino che, giustamente, non c'è stato. implacabile

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2010
    Località
    Brescia
    Messaggi
    263
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Pensa che a molti La giusta estensione non è piaciuto perché "solita storia del patto col diavolo". Per come la vedo io la bellezza di questa storia sta proprio nell'utilizzo del topos letterario, ma rielaborato in maniera impeccabile.

  8. #8
    Señora Memebr
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Viterbo
    Messaggi
    2218
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Che votone!!!! Ho sempre un po' di diffidenza nei confronti di questo ragazzone che scrive bene, per carità, ma poi si stanca e confeziona finali a tirar via....
    se questo non è il caso penso proprio che lo leggerò!

  9. #9

    Predefinito

    Ho finito giusto adesso di leggere il secondo racconto: bello....di quelli che ti agganciano come King sa fare. Meno male perché invece il primo racconto non mi aveva entusiasmato per niente.
    P.S.
    Alla mia libreria ho preso la versione originale perché mi hanno detto che non è uscita ancora l'edizione italiana....ma è vero? O mi hanno contato balle?

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2010
    Località
    Brescia
    Messaggi
    263
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    eh?! ma no, è uscita a novembre l'edizione italiana.
    Comunque se vuoi il mio parere hai fatto bene. Il traduttore è cambiato e devo dire che, a parte il contorno di polemiche che ne è seguito, a me alcune scelte di traduzione non hanno entusiasmato (io ho letto entrambe le versioni), sebbene sia sicuramente una buona traduzione.

  11. #11

    Predefinito

    Non ho letto tantissimo di King ma se sono tutti così leggerò tutto.
    Veramente una bella raccolta, come molti ho preferito tra tutti l'ultimo racconto ma anche gli altri mi hanno tenuta incollata alle pagine per ore.

  12. #12
    free member
    Data registrazione
    Nov 2008
    Località
    merate (lc)
    Messaggi
    824
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Niente da dire i racconti sono belli e tengono con il fiato sospeso anche se non sono sicuramente originali. Comunque una piacevole lettura con un King a ottimi livelli

  13. #13
    Junior Member
    Data registrazione
    Oct 2011
    Località
    Pistoia, Larciano
    Messaggi
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Mangiato in una settimana, come tutti i suoi libri... Comincia a essere il quarto libro di King che ho letto e devo dire che mi è piaciuto molto anche questo, non è al primo posto, ma mi è piaciuto molto! Qualsiasi altro commento sulla sua bravura sarebbe molto probabilmente superfluo!

  14. #14
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    11873
    Thanks Thanks Given 
    503
    Thanks Thanks Received 
    540
    Thanked in
    264 Posts

    Predefinito

    Anch'io l'ho divorato in una settimana. Quattro racconti belli cattivi e "tensivi" non c'è che dire. Bellissimo 1922 ma da evitare se avete la fobia dei ratti. . Maxicamionista mi ha messo i brividi, è impressionante come King riesca a "entrare" nella pelle e nella psicologia di Tess, donna aggredita e violentata, le pagine che descrivono i momenti (terribili) immediatamente successivi alla violenza sono monumentali secondo me. Con "La giusta estensione" i lettori di IT ritrovano la "cara" Derry e, manco a dirlo, nientepopodimenoche Satana abita qui e fa il venditore ambulante, ma incredibile ma vero, il protagonista del racconto come cattiveria e sadismo gli fa concorrenza. E infine dopo aver letto "Un bel matrimonio" tutto d'un fiato (perchè è pressochè impossibile interrompersi) chiudi il libro e ti poni degli interrogativi sul tuo compagno di una vita.
    Amanti di King leggete questi racconti. Li amerete. 4/5

Discussioni simili

  1. King, Stephen - Carrie
    Da ayla nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 09-09-2017, 09:41 PM
  2. King, Stephen - It
    Da Pezzo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 78
    Ultimo messaggio: 04-10-2017, 10:55 AM
  3. King, Stephen
    Da Sir_Dominicus nel forum Autori
    Risposte: 164
    Ultimo messaggio: 07-09-2016, 01:21 AM
  4. King, Stephen - Blaze
    Da puffetta nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 06-21-2013, 01:21 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •