Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

il-paradiso-è-altrove

Mostra risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Vargas Llosa, Mario - Il paradiso è altrove

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    1643
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    53
    Thanks Thanks Received 
    109
    Thanked in
    52 Posts

    Predefinito Vargas Llosa, Mario - Il paradiso è altrove

    Il ... romanzo di Vargas LLosa tesse due trame contigue per sangue e ideali, due storie vere ed emblematiche. Flora Tristán, mente vivace attratta da ogni forma di sapere, nacque a Parigi nel 1803 figlia illegittima di un colonnello peruviano. Sposa di un litografo pieno di rancori, scelse la separazione in una società che non l'accettava e in Perù iniziò la sua carriera di scrittrice, denunciando con forza i soprusi cui erano sottoposte le donne e sognando la loro liberazione dalla discriminazione. Per il nipote, il pittore Paul Gauguin, l'utopia da realizzare fu una società in cui la bellezza fosse patrimonio di tutti.

    Ho trovato questo romanzo molto interessante e ricco di spunti relativi alla storia e all'arte. Due personaggi molto diversi (le loro vicende si alternano nei capitoli del libro, descrivendone gli ultimi mesi di vita, con numerosi "flashback" che ripercorrono le rispettive storie personali).
    Personaggi diversi eppure accumunati da una enorme determinazione nel ricercare un "paradiso".
    Una società più giusta ed egualitaria per Flora Tristán. Una nuova visione artistica del mondo filtrata dall'ispirazione tratta da una società primitiva per Gauguin.
    Poche volte i protagonisti trovano riscontro nella realtà alle loro aspirazioni, ma la determinazione è tale che la fede nella propria causa non li abbandona mai.
    Un bel romanzo, che ho molto apprezzato, specie nella seconda metà. Mi sento di consigliarlo.

  2. #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14089
    Thanks Thanks Given 
    856
    Thanks Thanks Received 
    652
    Thanked in
    471 Posts

    Predefinito

    Ero convinta che esistesse già la recensione a questo libro ,invece a quanto pare,siamo stati i primi a leggerlo insieme e poi commentarlo.
    Intanto metto il link del minigruppo di lettura per chi fosse interessato a saperne di più:
    http://www.forumlibri.com/forum/show...o-Vargas-Llosa.
    Ripeto quello che ho già scritto lì,cioè che ho apprezzato e mi sono sentita coinvolta soprattutto nella parte dedicata a Flora,ho scoperto una donna battagliera,capace di portare avanti con coraggio,passione e determinazione la sua lotta per i diritti sociali delle donne e degli operai (le fasce più deboli dell'epoca e forse anche di oggi).L'ho davvero molto ammirata !
    Anche la storia di Gauguin mi era sconosciuta,così come la maggior parte delle sue opere,ma,pur avendola trovata meno interessante (sarà che il suo stile pittorico non coincide con quello mio ideale e che io sono più propensa ad apprezzare le sculture ),mi ha fatto comunque piacere conoscerla.
    Lo consiglio anche io perchè essendo una storia vera,ma romanzata,non c'è il rischio di annoiarsi come potrebbe succedere nel caso di un saggio sui protagonisti.
    L'autore ha saputo interagire bene con i personaggi;il passaggio repentino dalla seconda alla terza persona,inizialmente mi aveva un po' confusa,poi però sono riuscita a calarmi nel suo stile narrativo e l'ho trovato insolito ma stimolante.

  3. #3
    W I LIBRI !
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Como
    Messaggi
    1338
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Interessante! aggiunto alla Wishlist...

  4. #4
    CON LA "C"
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Calabria Esaurita
    Messaggi
    1687
    Inserimenti nel blog
    8
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Terminato… magnifico!
    Mi dispiace averlo finito. I due personaggi descritti: Paul Gauguin e sua nonna Flora mi hanno conquistato, anche se, come ho già detto in qualche post precedente, avrei letto volentieri i due racconti separatamente. Saltare da un personaggio all’altro ha diradato il piacere della lettura. Ho preferito di gran lunga la parte del pittore, ma si sa, ho scelto questo libro principalmente per lui.
    Donna Florita è descritta come una donna in gamba, un’agitatrice sociale con un carattere battagliero, una tra le prime femministe. Esemplare precorritrice dei tempi, anche se lontana dal mio ideale di donna poiché priva d’istinto materno.
    Paul Gauguin è descritto come un uomo che ama la libertà, quella libertà ricercata ad ogni costo, tanto da diventare ribelli e ritrovarsi fuori dai canoni sociali. Quella libertà che apre la strada all’ingegno e alla fantasia, che apre la strada all’amore, anche all’amore che non ha sesso. Quella libertà così inseguita che non fa capire, fino alla fine, se si è davvero liberi.
    Non so voi, ma io durante tutto il racconto mi sono ritrovata a pensare che ai personaggi di fantasia si può rendere qualsiasi emozione, bruttura o bellezza. Si può affondare nella psicologia del personaggio, si può prendere spunto da chi si conosce, da una somiglianza, o dalla più fervida immaginazione, ma è giusto avere la presunzione di raccontare l’intimità di personaggi realmente esistiti? Fino a che punto si può entrare nei loro pensieri, nelle loro confidenze e nel perché del loro agire?
    Ho provato a pensare a me. Potrei scrivere mille pensieri e dipingere mille tele, ma chi potrebbe riferire al mondo cosa provo durante la pittura, nella mia solitudine, o cosa provo durante l’amore? Chi può raccontare la mia voglia di ridere o di piangere?
    Nessuno può conoscere il momento magico che mi pervade nel dipingere un quadro. Chi può spiegare davvero perché ho usato il nero o il giallo, o se non li abbia mescolati insieme e cancellati mille volte per ridipingere con nuova disperazione o nuova felicità? Sono domande che mi sono posta ogni volta che, affascinata dal racconto, chiudevo il libro.
    Quando guarderò i quadri di Gauguin li osserverò sicuramente con occhio diverso. In passato non mi spiegavo perché le sue donne tahitiane avessero strani lineamenti maschili, grazie a questo libro credo di aver capito e lo trovo magnifico. Certamente davanti a un suo dipinto mi soffermerò a ricercare i particolari, come la piccola immagine del corvo in Nevermore, o ad indagare i suoi pensieri… ma poi penso che sono i pensieri di Gauguin descritti da Mario Vargas Llosa, un uomo vissuto più di un secolo dopo, sarà lo stesso?.. Non so, è solo una mia piccola considerazione, ma credo di sì.
    Libro molto bello, capace di arricchire chi ama la pittura e i buoni libri, perché Mario Vargas Llosa, col suo modo di scrivere, sa davvero conquistare. Lo consiglio vivamente.

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5821
    Thanks Thanks Given 
    1241
    Thanks Thanks Received 
    427
    Thanked in
    257 Posts

    Predefinito

    Grazie della esaustiva recensione Franceska,la mia curiosità è stata più che solleticata,vedrò di procurarmelo.

  6. #6
    InLove Member
    Data registrazione
    Feb 2010
    Località
    Macondo
    Messaggi
    179
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Concordo pienamente con franceska in tutto ciò che ha scritto...mi limito a dire questo per evitare inutili ripetizioni di concetti che appesantiscono i nostri post!!

    Un discorso a parte per la condotta morale dei personaggi, a mio parere da considerare strettamente in relazione all'ideale che si sono prefissati; mi sento quindi di dare delle attenuanti sia a Paul sia a Flora...per inseguire la propria strada hanno fatto sbagli e trascurato affetti e doveri, ma hanno anche sacrificato piaceri e privilegi.

    Libro molto bello, consigliatissimo!
    Ultima modifica di white89; 05-25-2011 alle 11:37 AM.

  7. #7
    InLove Member
    Data registrazione
    Feb 2010
    Località
    Macondo
    Messaggi
    179
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Minerva6 Vedi messaggio
    Lo consiglio anche io perchè essendo una storia vera,ma romanzata,non c'è il rischio di annoiarsi come potrebbe succedere nel caso di un saggio sui protagonisti.
    L'autore ha saputo interagire bene con i personaggi;il passaggio repentino dalla seconda alla terza persona,inizialmente mi aveva un po' confusa,poi però sono riuscita a calarmi nel suo stile narrativo e l'ho trovato insolito ma stimolante.
    Quoto in pieno!

  8. #8
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5780
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    197
    Thanks Thanks Received 
    98
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    Un bel libro, l'alternarsi delle due storie è originale e permette al lettore di staccare. A mio parere, in certi punti si dilunga troppo.

  9. #9
    Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    97
    Thanks Thanks Given 
    6
    Thanks Thanks Received 
    6
    Thanked in
    5 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Meri Vedi messaggio
    Un bel libro, l'alternarsi delle due storie è originale e permette al lettore di staccare. A mio parere, in certi punti si dilunga troppo.
    Concordo con il commento di Meri, la storia di Koke e della nonna sono bene intrecciate tra di loro e il fatto di alternare i capitoli è divertente, consente di paragonare le due vicende e capire i punti in comune delle due esperienze... anche se alcune parti sono state un po' noiose.

    Consigliato!

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Vargas Llosa, Mario - Avventure della ragazza cattiva
    Da elesupertramp nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 07-16-2017, 07:14 PM
  2. Kundera, Milan - La vita è altrove
    Da Dory nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 03-10-2014, 03:48 PM
  3. Vargas Llosa, Mario - Chi ha ucciso Palomino Molero ?
    Da lettore marcovaldo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 07-20-2011, 04:22 PM
  4. Risposte: 62
    Ultimo messaggio: 01-15-2011, 09:46 PM
  5. XXXIV G.L.- Ballottaggio (Shakespeare vs. Vargas Llosa)
    Da elisa nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 47
    Ultimo messaggio: 12-07-2010, 12:04 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •