Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Nessuno scrive al colonello

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Garcia Marquez, Gabriel - Nessuno scrive al colonnello

  1. #1
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14084
    Thanks Thanks Given 
    856
    Thanks Thanks Received 
    650
    Thanked in
    470 Posts

    Predefinito Garcia Marquez, Gabriel - Nessuno scrive al colonnello

    E' un romanzo breve pubblicato nel 1961,in cui il protagonista,il colonnello del titolo, attende invano da più di 15 anni la sua pensione di guerra e si reca ogni settimana all'ufficio postale con la speranza di ricevere una lettera che gli comunichi tale notizia.
    Nel frattempo trascorre i giorni nella miseria,ma con dignità,accudendo un gallo da combattimento,l'unica cosa che gli è rimasta del figlio che gli hanno ammazzato,nella speranza di vederlo vincere e poter guadagnare qualcosa.
    Ma il realismo e la concretezza della moglie lo spronano a venderlo,per sbarcare il lunario.
    Cosa succederà poi non voglio aggiungerlo,altrimenti toglierò il gusto alla lettura.
    Sembra ambientato nell'800,piuttosto che nel 900 e si legge velocemente per la sua brevità e fluidità,lasciando però l'amaro in bocca per il finale che sembra quasi incompleto.Ma credo che per i lettori che amano Marquez,leggerlo sarà ugualmente piacevole.
    Viene nominato già il personaggio di Aureliano Buendia e la città di Macondo che poi confluiranno in Cent'anni di solitudine.
    Per me è stato il 2° romanzo di Marquez,dopo Cent'anni di solitudine appunto : ho letto ancora troppo poco per esprimere un giudizio definitivo sull'autore.
    Ultima modifica di Minerva6; 11-12-2015 alle 03:30 PM.

  2. #2
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6836
    Thanks Thanks Given 
    43
    Thanks Thanks Received 
    88
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    E' un libricino molto scorrevole, una storia surreale che parla di un uomo che, contro tutto e tutti, soprattutto contro il buonsenso, continua ad aspettare e sperare.. . e della moglie che non sa come farlo convertire alla realtà. Anche se il colonnello fa simpatia con la sua ingenuità io sto dalla parte della moglie..
    Marquez ha creato un personaggio particolare, da amare e odiare allo stesso tempo, fino all'ultima riga..

    "L'illusione non si mangia"
    "Non si mangia, ma alimenta"

    "Non porto cappello, per non dovermelo togliere davanti a nessuno"

  3. #3
    Member
    Data registrazione
    Nov 2012
    Località
    Napoli
    Messaggi
    83
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    In questo libro ho trovato un Marquez diverso dai precedenti L'amore ai tempi del colera e Cent'anni di solitudine. Mi è sembrato più facile da leggere e più accessibile, forse proprio perchè è un romanzo breve...
    Il colonnello è un personaggio molto caratteristico, un uomo dignitoso e tenace ai limiti dell'impossibile.
    Il libro comunque è molto piacevole da leggere e scorrevole, quello che ricorderò a lungo sarà appunto il protagonista.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2325
    Thanks Thanks Given 
    69
    Thanks Thanks Received 
    107
    Thanked in
    81 Posts

    Predefinito

    Anche se si tratta di un racconto breve, Marquez riesce a tratteggiare un personaggio unico, dignitoso ed ostinato, impossibile da dimenticare.
    L'ambientazione è Macondo, immaginario paese colombiano nella metà del 900, tra censura politica e religiosa e tanta povertà.

    Una curiosità da Wikipedia:
    Il romanzo fu scritto tra il 1956 e il 1957 a Parigi, dove l'autore, inviato della rivista colombiana El Espectador presso la quale aveva pubblicato i primi racconti, era rimasto senza stipendio perché la dittatura di Rojas Pinilla aveva chiuso il giornale.[1] Questa attesa inutile di un salario che non sarebbe più arrivato entra come esperienza nella scrittura del romanzo, come pure la reale esperienza di nonno Nicolás Márquez Iguarán, che era stato davvero un ufficiale di alto grado durante la Guerra dei mille giorni.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Garcia Marquez, Gabriel
    Da non_so_dove_volare nel forum Autori
    Risposte: 89
    Ultimo messaggio: 07-01-2017, 07:46 PM
  2. Garcia Marquez, Gabriel - Cent'anni di solitudine
    Da destino nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 98
    Ultimo messaggio: 12-27-2015, 04:46 PM
  3. Risposte: 25
    Ultimo messaggio: 02-25-2009, 10:50 PM
  4. Gabriel García Márquez
    Da aussie89 nel forum Autori
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-10-2008, 10:42 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •