Edito da Mondadori.
Da una idea di Otto Klement e Jay Bixby, nasce un film (diretto da Richard Fleischer) e un libro (scritto, appunto, da Asimov).
Gli Americani (non è specificato ma è sottinteso) hanno inventato una macchina per ridurre infinitamente esseri viventi e cose e l’adoperano per ridurre infinitesimamente un batiscafo con dentro dei dottori che vengono iniettati in uno scienziato in coma per salvargli la vita; i cattivi, ovviamente, sono i Russi (ma anche questo è sottinteso).
Bellissima la trama, agghiacciante la psicologia dei personaggi.
Consiglio il film.
Saluti