Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Stagioni

Mostra risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Rigoni Stern, Mario - Stagioni

  1. #1

    Predefinito Rigoni Stern, Mario - Stagioni

    "Questo libro è il percorso di una vita. Nato da un profondo rispetto della natura, del suo equilibrio e della sua grazie, rievoca grandi avvenimenti della Storia e piccole vicende personali, in un flusso scandito dall'alternarsi delle stagioni.
    Accanto alla campagna di Russia e alla drammatica esperienza del Lager riemergono nella memoria di Rigoni episodi apparentemente marginali, che tuttavia danno il senso di un'esistenza vissuta fino in fondo: dai suoi giochi di ragazzo alle prime battute di caccia, da una visita alla Reggia di Versailles al "bel gallo" regalato all'amico Vittorini, che però, a mangiarlo, si rivela "selvatico e coriaceo"...
    E poi ancora antichi riti e vecchie tradizioni, uomini e affetti di altre epoche, alberi e animali destinati ad annunciare il nuovo clima e la nuova stagione, luoghi e paesaggi forse dimenticati ma sempre carichi di storia e di ricordi: su tutto lo sguardo, a volte divertito a volte malinconico, dell'autore, testimone del suo tempo e di un passato che continua a riaffiorare."

    Questo libro si articola in 4 capitoli, come le 4 stagioni dell'anno, a partire dall'inverno. In ciascun capitolo, si susseguono spezzoni di vita attuale e passata dell'autore.
    Ci sono le descrizioni dei cambiamenti della natura, flora e fauna, nei loro cicli vitali; sono parti da cui trapelano amore e rispetto, parti che dovrebbe leggere ognuna di quelle persone che non capisce la natura e di conseguenza non la rispetta; le consiglio anche a chi, come me, ama la montagna in ogni stagione, perché in queste pagine se ne può respirare pienamente l'atmosfera.
    Ci sono poi i ricordi passati: teneri e notalgici quelli dell'infanzia con le sue difficoltà e la sua spensieratezza; più intensi e commoventi quelli della guerra, in particolare della durissima campagna di Russia, dei compagni perduti, della permanenza nel lager, del ritorno a casa. Mi ha colpita molto la scena del ragazzo che torna dalla guerra "magro e ammalato anche nell'animo perché troppe crudeltà aveva visto e la vita non gli sembrava valesse la pena viverla", e di come alla fine di una giornata di caccia "la ragazza venne vicino a lui, sentì una mano che cercava la sua e dentro sentì sciogliersi il freddo del Lager, la fame e quello strano malessere che da tanti mesi l'accompagnava con la febbre".
    Infine ci sono i ricordi più attuali, apparentemente marginali ma estremamente pieni di vita. Bellissimo quello della visita ad una Reggia di Versailles vuota e inondata dal sole caldo del tramonto; commovente quello della gita sull'Ortigara con il parente del nonno che aveva condiviso con lui quel campo di battaglia, sebbene in epoche diverse.

  2. #2
    Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    97
    Thanks Thanks Given 
    6
    Thanks Thanks Received 
    6
    Thanked in
    5 Posts

    Predefinito

    Tanta poesia e delicatezza in questo racconto intimo dello scrittore sulla sua terra. Una lezione di umanità attraverso la conoscenza della natura. Lettua consigliata!

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Firenze
    Messaggi
    878
    Thanks Thanks Given 
    17
    Thanks Thanks Received 
    40
    Thanked in
    31 Posts

    Predefinito

    Quattro stagioni per riorganizzare i ricordi di una vita.
    Quattro stagioni per seguire la vita della montagna e dei suoi abitanti, messi tutti sullo stesso pari, animali e uomini, con uguale dignità e rispetto.
    Un libro silenzioso, come lo sono le montagne tanto care all’autore.
    Riempito solo dei rumori tipici di quei luoghi, versi di animali, spari, neve che cade, mucche che muggiscono, silenzioso anche nei ricordi più drammatici delle guerre, in un’ideale comunione fra gli alpini morti fra quei monti nella I Guerra Mondiale e quelli morti nella campagna di Russia della II.
    Ho trovato molto particolare lo stile di Rigoni Stern, una prosa precisa, asciutta, senza una sbavatura, che non lascia trasparire quasi emozione, perché l’emozione nasce non dal tono del racconto ma dal racconto in sé. Molto tecnica anche in alcuni punti, con termini precisi per indicare animali, alberi, luoghi.
    Una prosa quasi didascalica, la poesia nasce dalle montagne, dal freddo, dal vento, dai camosci in amore, dagli amici lasciati caduti in battaglia, dall’odore del caglio nelle malghe.
    Un libro anche con un intento “ecologico”, di quell’ecologia che nasce da chi i luoghi li vive in prima persona, e non ha bisogno di usare immagini sorprendenti o accattivanti, né falsamente buoniste per spiegarti come rispettare ciò che hai intorno.
    Mi sono chiesta se c’era un qualche intento dell’autore nel disporre le stagioni proprio in questo ordine, inverno, primavera, estate e autunno.
    Non ho trovato una risposta, ma ho trovato molto bello che finisse con l’autunno, secondo me la stagione più indicata per le cose che volgono al termine, come un racconto o come una vita che dopo tanto cammino si ferma a ripensare ai momenti più duri, alla dolcezza dell’infanzia, alle promesse della giovinezza, alla certezza della maturità.

    Francesca

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2292
    Thanks Thanks Given 
    52
    Thanks Thanks Received 
    92
    Thanked in
    68 Posts

    Predefinito

    Un libro breve, delicato e molto intenso. Denso di descrizioni, ricordi di una vita che riaffiorano dalle montagne, dai boschi e dagli animali che li popolano. Un libro che è quasi poesia, da assaporare e assimilare lentamente, proprio come la vita che scorre su quelle montagne all'alternarsi delle stagioni, le stagioni meteorologiche e quelle della vita.

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    2120
    Thanks Thanks Given 
    210
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    134 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da velvet Vedi messaggio
    Un libro breve, delicato e molto intenso. Denso di descrizioni, ricordi di una vita che riaffiorano dalle montagne, dai boschi e dagli animali che li popolano. Un libro che è quasi poesia, da assaporare e assimilare lentamente, proprio come la vita che scorre su quelle montagne all'alternarsi delle stagioni, le stagioni meteorologiche e quelle della vita.
    Perfetto
    Non avrei saputo scriverlo meglio

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2301
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    164
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito

    Innanzitutto questo libro non è un romanzo, non c’è infatti alcuna storia di cui seguire lo sviluppo. Ci sono invece tanti brevi ricordi della vita dell’autore legati alle diverse stagioni. E per ogni stagione ci sono ricordi legati all’infanzia, altri al periodo di guerra ed altri alla vecchiaia. Perché in fondo le stagioni, il cambiamento e la natura stessa li percepiamo diversamente in base alla nostra età.
    Non ci sono colpi di scena, non c’è una trama avvincente, e non ci sono finali inaspettati, c’è solo tanta poesia, quella della Natura e delle stagioni. Una poesia semplice quindi fatta di suoni – il flop della neve che cade dalle cime dei larici, o la musica del vento fra le chiome degli alberi piuttosto che il verso di qualche animale – di colori – dal bianco della neve alle infinite tonalità dei boschi d’autunno o delle livree nuove degli animali – e di odori – da quello dei funghi a quello delle bacche, ma anche dei formaggi di malga e della selvaggina.
    Stagioni è un bel libro su come vivere il rapporto con la montagna in modo corretto, partendo dal rispetto per gli animali e le piante che ne sono gli “abitanti” principali. Può sembrare strano – e forse qualcuno storcerà anche il naso – ma in quel rispetto si inserisce anche la caccia, perché - entro certi limiti ed in certe forme - non solo non turba l’equilibrio della Natura, ma diventa anche necessaria.
    Qualcuno nei commenti sopra si chiedeva perché quest’ordine delle stagioni. Secondo me Rigoni Stern è partito dall’inverno perché l’inverno è la stagione in cui i terreni si riposano sotto la neve e “prendono forza” per la nuova stagione produttiva. L’inverno è quindi la stagione in cui si prepara la vita, che si svilupperà nella primavera (giovinezza) e darà i suoi frutti nell’estate (maturità) per terminare con l’autunno la stagione della meditazione e dei ricordi (vecchiaia).
    Consigliato
    Ultima modifica di Minerva6; 04-01-2017 alle 01:45 PM.

Discussioni simili

  1. Rigoni Stern, Mario - Le Stagioni di Giacomo
    Da zaratia nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 08-29-2017, 11:32 AM
  2. Rigoni Stern, Mario - Il sergente nella neve
    Da serra nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 04-12-2017, 07:04 PM
  3. Rigoni Stern Mario - Aspettando l'alba
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-30-2010, 11:54 AM
  4. Rigoni Stern, Mario - Racconti di guerra
    Da fabiog nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-21-2009, 10:21 PM
  5. E' morto Mario Rigoni Stern!
    Da Poirot nel forum Amici
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 06-20-2008, 07:12 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •