Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Un anno sull'Altipiano

Mostra risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Lussu, Emilio - Un anno sull'Altipiano

  1. #1

    Predefinito Lussu, Emilio - Un anno sull'Altipiano

    Sto leggendo (sì, non l'ho ancora finito!) questo libro che non mi piace. Sono sincero: non mi piace. Molte volte diventa pedante e comunque poco scorrevole. Però ci sono dei vantaggi, come in ogni libro, d'altronde: riesce, in qualche modo a descrivere in maniera cruda e realistica quello che fu il Grande Orrore della Grande Guerra. Vi sono delle parti che ho sottolineato e che presto inserirò (basta avere un po' di voglia, dopo tutto !).

    Prima aspetto i commenti di qualcuno che ha letto questo libro di Emilio Lussu.

    Questa è la copertina del libro. Se qualcuno può inserirla, lo faccia e, magari, me lo spiega anche come fare, và!

    Ultima modifica di Fabio; 01-06-2011 alle 12:07 AM.

  2. #2

    Predefinito

    Mi è piaciuto molto... l'ho letto subito dopo "niente di nuovo sul fronte occidentale" e benchè meno romanzato e più crudo, mi ha colpito... consigliato a chiunque vuole leggere un testo memorialistico, semplice scarno ed essenziale... dopo aver letto questo libro difficilmente si può prendere alla leggera la guerra e i suoi orrori, anche quelle di oggi così incredibilmente diverse da quella ormai lontanissima e dimenticatissma guerra.
    Nonostante infatti il numero di morti altissimo nessuno dei politici di allora pagò, non ci fu nessuna fucilazione per chi accettò un simile carnaio... ormai non ci sono più e nessuno li ricorda

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2008
    Località
    Guidonia (Roma)
    Messaggi
    198
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Smile

    Ho letto il libro qualche anno fà e non mi colpì particolarmente. In generale le memorie sulla prima guerra mondiale provengono da racconti e diari di ufficiali. Così mi è capitato spesso di chiedermi come la pensassero i soldati. Da questo -insolito- punto di vista un diario molto asciutto ed meravigliosamente vuoto di retorica è quello scritto da Mussolini durante la sua permanenza in trincea proprio come soldato semplice. Con un pizzico di fortuna lo si trova anche in volume sciolto.
    Un libro invece totalmente a se stante, e per questo -a mio avviso- imperdibile, è Nelle tempeste d'acciaio di Ernst Junger
    Ciao!

  4. #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kodiak Vedi messaggio
    Ho letto il libro qualche anno fà e non mi colpì particolarmente. In generale le memorie sulla prima guerra mondiale provengono da racconti e diari di ufficiali. Così mi è capitato spesso di chiedermi come la pensassero i soldati. Da questo -insolito- punto di vista un diario molto asciutto ed meravigliosamente vuoto di retorica è quello scritto da Mussolini durante la sua permanenza in trincea proprio come soldato semplice. Con un pizzico di fortuna lo si trova anche in volume sciolto.
    Un libro invece totalmente a se stante, e per questo -a mio avviso- imperdibile, è Nelle tempeste d'acciaio di Ernst Junger
    Ciao!

    Interessante consiglio. Di Mussolini nonostante io sia appassionato di storia del fascismo non ho mai letto nulla, e Junger lo conosco poco.

  5. #5
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Lussu, Emilio - Un anno sull'Altipiano

    Trama:
    Questo romanzo racconta i fatti accaduti e vissuti dall'autore nell'anno tra il maggio del 1916 e il luglio del 1917. Dopo un breve riposo ad Aiello i soldati della Brigata Sassari vennero chiamati a combattere sull'Altipiano di Asiago. Su di esso gli austriaci definirono un fronte compatto comandati dallo spietato e insano di mente generale Leone, furono costretti a trincerarsi a loro volta. L'assenza di artiglieria obbligava le compagnie a cimentarsi in assalti che procuravano sempre gravi perdite nelle fila dei militari italiani. L'arrivo di alcuni pezzi di artiglieria permise di avviare un attacco contro il nemico, tuttavia con scarsi risultati. Anche il grande assalto preparato dal generale finì in fumo, e i pochi soldati rimasti dovettero aspettare il buio della notte per poter tornare all'interno delle proprie file. Seguì un periodo di riposo privo di attacchi, che ricominciarono in agosto, ma senza successi totali. Ai soldati fu concesso un periodo di riposo e arrivo un nuovo comandante. L' inverno arrivò. Si mormorava di una mina che sarebbe dovuta esplodere la notte di Natale sotto le linee italiane, ma per fortuna non brillò e i soldati poterono andare in licenza. Il ritorno in trincea fu accompagnato da una piccola rivoluzione operata da Ottolenghi. Dopo questa pausa i soldati si prepararono per l' XI battaglia della Bainsizza.

    Finito di leggere per studio. L'ho trovata una ottima possibilità per leggere questo documento sulla dura vita di trincea nella prima guerra. Il libro, secondo me, è scritto in maniera scorrevole, oltre ad essere indubbiamente una ricchissima testimonianza per tutte le persone che vogliono sapere e che non vogliono dimenticare..

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Siena
    Messaggi
    1654
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    discussione già esistente.
    accorpare, please!

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    1638
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    51
    Thanks Thanks Received 
    106
    Thanked in
    50 Posts

    Predefinito

    Alla fine maggio 1916, la mia brigata – reggimenti 399° e 400° – stava ancora sul Carso. Sin dall'inizio della guerra, essa aveva combattuto solo su quel fronte. Per noi, era ormai diventato insopportabile. Ogni palmo di terra ci ricordava un combattimento o la tomba di un compagno caduto. Non avevamo fatto altro che conquistare trincee, trincee e trincee. Dopo quella dei "gatti rossi", era venuta quella dei "gatti neri", poi quella dei "gatti verdi". Ma la situazione era sempre la stessa. Presa una trincea, bisognava conquistarne un'altra. Trieste era sempre là, di fronte al golfo, alla stessa distanza, stanca. La nostra artiglieria non vi aveva voluto tirare un sol colpo. Il duca d'Aosta, nostro comandante d'armata, la citava ogni volta, negli ordini del giorno e nei discorsi, per animare i combattenti.

    La prima guerra mondiale descritta dalla parte italiana. Scenario l'altopiano di Asiago.
    Poco o nulla di superfluo in queste memorie dove l'autore cerca di tenersi lontano dalla retorica.
    Un ottimo strumento, a cento anni dalla 'grande guerra', per ricordare.

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2324
    Thanks Thanks Given 
    43
    Thanks Thanks Received 
    179
    Thanked in
    107 Posts

    Predefinito

    "Il lettore non troverà in questo libro né il romanzo né la storia. Sono ricordi personali riordinati alla meglio (…)"

    Ho letto questo libro incuriosita dal giudizio che ne dava Mario Rigoni Stern: “il più bel libro sulla Prima Guerra Mondiale”. Visto che io ho sempre pensato che non si potesse scrivere sull’argomento un libro più bello di “Niente di nuovo sul fronte occidentale” di Remarque ho voluto leggere il libro di Lussu per capire se dovevo cambiare idea.
    Mi sono invece accorta che un qualsiasi confronto fra i due libri sarebbe stupido. Il libro di Remarque – per quanto bellissimo – è e resta un romanzo. E in quanto tale è solo verosimile, Paolo Baumer non è mai esistito anche se sono esistiti tanti Paolo Baumer. Questo personaggio da infatti il nome a tutta una generazione di ragazzini che a diciotto anni si sono ritrovati catapultati in una realtà più grande di loro.
    Il libro di Lussu invece non è un romanzo, ma una sorta di “diario di guerra”. Lussu racconta quello che lui ha visto, fatto, sentito. Se il romanzo di Remarque fa capire l’assurdità di una guerra – e ancor di più di una guerra di trincea come è stata la Prima Guerra Mondiale – il “diario” di Lussu – con la sua prosa scarna ed essenziale - ci mostra anche l’incompetenza dei generali – almeno di quelli italiani - con la loro inutile retorica e l’assurdità dei loro comandi. E allora si scopre - come dice il tenente Ottolenghi – che spesso “i veri nemici non sono oltre le trincee”.
    La guerra in questo libro ha il sapore stordente del cognac. Bevuto per combattere, per darsi coraggio, per non pensare, per accettare l’assurdità dei comandi e talvolta anche per abitudine, in un gesto automatico inconsapevole. “Anch’io sentivo delle ondate di follia avvicinarsi e sparire. A tratti sentivo il cervello sciaguattare nella scatola cranica come l’acqua agitata in una bottiglia”. A leggere questo “diario” ci si chiede davvero dove tanti abbiano trovato la forza per sopravvivere a tutta quella follia.
    Dicevo che sarebbe stupido continuare a chiedersi se sia più bello il libro di Lussu o quello di Remarque perché ci sono libri – e quello di Lussu è uno di questi – che vanno letti non tanto, o non solo, per la loro bellezza, ma quanto per conoscere, per imparare e per ricordare.

    “Non è vero che l’istinto di conservazione sia una legge assoluta della vita. Vi sono dei momenti in cui la vita pesa più dell’attesa della morte”.

    Consigliatissimo

  9. The Following User Says Thank You to bouvard For This Useful Post:


Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Lussu, Emilio - Marcia su Roma e dintorni
    Da Sir_Dominicus nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 12-25-2016, 10:54 PM
  2. Gadda, Carlo Emilio - Quer pasticciaccio brutto de Via Merulana
    Da Dallolio nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 06-15-2011, 07:44 PM
  3. "marcia su roma e dintorni" scritto da emilio lussu
    Da leonardodavinci nel forum Salotto letterario
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-10-2008, 07:04 PM
  4. Creech, Sharon - Un anno in collegio
    Da Lois Lane nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-20-2008, 06:21 PM
  5. Calderòn, Emilio - La mappa degli dei
    Da lucas corso nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 10-02-2007, 08:24 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •