Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

serena-cruz-o-la-vera-giustizia

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Ginzburg, Natalia - Serena Cruz o la vera giustizia

  1. #1
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14081
    Thanks Thanks Given 
    851
    Thanks Thanks Received 
    647
    Thanked in
    468 Posts

    Predefinito Ginzburg, Natalia - Serena Cruz o la vera giustizia

    Ho iniziato a leggerlo credendo fosse un romanzo,per poi rendermi conto invece che si trattava di un saggio su un fatto di cronaca giudiziaria realmente accaduto in prov di Torino nel 1989.
    Sono presenti nell'opera,infatti,le testimonianze di famosi politici,giornalisti,psichiatri e scrittori che a quel tempo si interessarono del caso dell'affidamento,ritenuto poi "illegale",di Serena Cruz,una bambina filippina che all'età di 3 anni fu tolta alla famiglia che l'aveva adottata, perchè i giudici del Tribunale minorile ritennero falsa la dichiarazione di paternità rilasciata dal padre adottivo e quindi impossibile farla restare con loro.
    Molti giornali dell'epoca seguirono il caso e la Ginzburg si appassionò particolarmente alla vicenda,fino a criticare la legge 184 sulle adozioni.Essa infatti pretende troppo dai genitori che vogliono adottare un bambino,quando poi può succedere che i genitori "veri" mettono al mondo figli che in seguito vengono maltrattati senza che nessun ente faccia dei controlli.
    Il suo giudizio era quindi favorevole a far restare la bambina nella famiglia adottiva dalla quale era molto amata,piuttosto che farle trascorrere gli anni seguenti in giro per case- famiglia.
    Nella seconda parte cita anche altri episodi simili in Italia e non,in cui ci sono sempre stati problemi con i bambini adottati,e a volte sono stati trattati diversamente.
    E' un tema ancora oggi molto attuale e delicato,che dovrebbe essere risolto nel modo migliore per evitare disagi e sofferenze sia ai bambini,sia ai futuri genitori che vogliono donare loro amore.
    Ho trovato il suo stile narrativo molto simile a quello parlato di Carlo Lucarelli,durante i suoi programmi di cronaca nera e giudiziaria,tanto che,durante la lettura,a volte mi sembrava di sentire la sua voce.

    Mi ha colpito,tra le altre,questa frase:
    << Il mettere al mondo il proprio figlio o arbortire,penso che deve essere la madre a deciderlo,e nessun altro lo può decidere al posto suo.Non il padre,non i parenti,non i giudici,non i tribunali.Lei sola ha il diritto di scelta,una scelta quanto mai caotica e cieca,anarchica e solitaria.>>

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19020
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    748
    Thanked in
    464 Posts

    Predefinito

    io mi ricordo molto bene il dibattito di quegli anni sul caso di Serena Cruz, fu un caso emblematico della burocrazia assurda che le coppie dovevano affrontare per poter adottare un bambino, aspettando anni e compiendo viaggi allucinanti con l'unico intento di poter ottenere il permesso di adozione. Dove la forma prevaleva sulla sostanza che era il diritto di ogni bambino di avere una famiglia che si prenda cura in modo adeguato di lui.

  3. #3
    blonde member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Mantova
    Messaggi
    81
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Non ho letto questo libro, ma, visto che ho un figlio adottivo, lo farò senz’altro e ti ringrazio Minerva di averlo recensito. Il tema è MOLTO delicato credetemi e sono d’accordo con voi e con la Ginzburg nel criticare il verdetto dei giudici che non hanno pensato a quello che stavano facendo passare a quella bambina. Per dovere di cronaca vi informo che Serena Cruz è poi tornata a vivere, per sua scelta, all’età di 18 anni, con la prima famiglia adottiva i Giubergia.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Ginzburg, Natalia - Lessico Famigliare
    Da *cuorepensante* nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 04-11-2014, 04:37 PM
  2. SeRena! - Bonjour :)
    Da SeRena! nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 07-16-2010, 10:53 PM
  3. De la Cruz, Melissa - Sangue blu
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-17-2009, 01:03 PM
  4. Ginzburg, Natalia - La città e la casa
    Da giulialettrice nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-30-2008, 04:19 PM
  5. Cruz Smith, Martin
    Da abramita nel forum Autori
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 05-29-2008, 05:07 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •