Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

scheletri

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: King, Stephen - Scheletri

  1. #1
    Señora Memebr
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Viterbo
    Messaggi
    2218
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito King, Stephen - Scheletri

    Scheletri (“Skeleton Crew”, 1985) è stato il mio primo libro di Stephen King, preso in prestito alla biblioteca comunale del paese dove c’era un’intera collezione dei suoi libri. Avevo molti pregiudizi al riguardo, considerandolo uno scrittore commercialotto di quart’ordine. In seguito ho modificato questa mia opinione: King è un ottimo cervello, pieno di idee folgoranti (e anche furbette ma non è questo il peggio ), le coltiva amorevolmente per le prime 100 pagine poi... sembra perdere interesse, piano piano si stanca ed arriva al finale annoiato e deciso a chiudere lì, come va va.
    Chi legge però è carico di aspettative, vorrebbe promesse mantenute e invece (spesso) è costretto a rimanere a bocca asciutta. Io, ad esempio, lungi dall’arrendermi, ho provato ogni volta a concedere “la seconda possibilità” (che poi è diventata terza, quarta, ecc.) iniziando subito a leggere una sua nuova storia. Forse è proprio questo il giochetto che fa fare a certi scrittori (talentuosi > prolifici > discontinui) un sacco di grana.

    In ogni caso credo che Stephen King (come la maggior parte degli scrittori che hanno trattato e trattano il suo stesso genere) dia il meglio di sé nel racconto breve, fulminante, che non dà il tempo di stancarsi di un’idea ma consente di portarla avanti “viva” fino in fondo.

    “Scheletri” è, per l’appunto, una raccolta di 22 racconti del “brivido”, non la migliore di King perché troppo eterogenea e piena di smagliature (“A volte ritornano" e "Stagioni diverse" sono di qualità superiore) ma certamente consigliata se si è estimatori del genere.

    I racconti che – a mio parere – meritano di essere segnalati sono solo tre, ma si tratta di veri capolavori:

    Il primo, La nebbia ("The Mist"), dal quale il regista Frank Darabont nel 2007 ha tratto l’omonimo film (bellissimo), narra di un gruppo di malcapitati che trovano rifugio in un supermercato del New England dopo che una misteriosa nebbia ha improvvisamente avvolto l’intera città in una fitta coltre piena di mostri in agguato.

    La zattera (“The raft”) è stato anch’esso riadattato per il cinema (costituisce il secondo episodio del film “Creepshow 2”): quattro studenti al lago, sopra una zattera, cercano di difendersi da una misteriosa "macchia" galleggiante che li assedia.

    Dulcis in fundo L'arte di sopravvivere (“Survivor type”), il migliore in assoluto. E’ la vicenda, narrata in forma di diario, di un naufrago su uno scoglio sperduto. Descrive, con un ritmo teso e allucinante, i tentativi disperati del protagonista per riuscire a sopravvivere in un ambiente tanto inospitale, fino all’atroce epilogo.

    C’è da chiedersi perché quest’ultimo non abbia ancora una trasposizione cinematografica....

    Un tema del genere (anche se con intenti diversissimi) ha già interessato francesi (Cannibal Love di Claire Denis, 2001; Dans ma peau di Marina De Van, 2002) e prima ancora i giapponesi (Naked blood di Hisayasu Sato, 1995 tra i più terribili!)... ma si sa, a Hollywood s’è sempre preferito non “disturbare” troppo.

  2. #2
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6793
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    67
    Thanked in
    52 Posts

    Predefinito

    Come mi è già capitato con altre raccolte di racconti di King,anche questa volta sono pochi quelli che si salvano: ai primi due di Spilla, La nebbia e La zattera, aggiungerei La scorciatoia della signora Todd, ma solo perchè mi ha fatto sorridere, Il word processor degli dei (sarebbe bello averne uno!!!) e L'uomo che non voleva stringere la mano.

    Tutto sommato, però, non è un libro che consiglierei

Discussioni simili

  1. King, Stephen - It
    Da Pezzo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 78
    Ultimo messaggio: 04-10-2017, 10:55 AM
  2. King, Stephen - Buick 8
    Da raffa17 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 03-31-2017, 10:42 AM
  3. King, Stephen
    Da Sir_Dominicus nel forum Autori
    Risposte: 164
    Ultimo messaggio: 07-09-2016, 01:21 AM
  4. King, Stephen - On writing
    Da _david nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 03-16-2009, 03:51 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •