Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Radio popolari,radio locali (un 3D di raccolta e di info)

  1. #1
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Radio popolari,radio locali (un 3D di raccolta e di info)

    Vorrei qui raccogliere, se il Forum vuole,una serie di link,info,e segnalazioni sul tema delle radio locali e popolari.

    Io stesso non le ascolto molto (una volta assai di piu') e con difficcoltà mi stacco da radio 3........., nondimeno,memore dell'antica passione,penso che raccoglierle possa essre interessante,anche perchè molte ora si possono ascoltare anche in streaming(credo si dica).
    Comincio io ovviamente, e da Patavium!

    Radio Cooperativa 92.700,trasmette da Albignasego (Padova) ed è una Radio comunitaria e popolare(e non vuol tramettere pubblicità,e si autofinanzia).

    ecco il link

    http://www.radiocooperativa.org/sitonuovo/index.php


    Si sente anche iin streaming.


    Le frequenze di Radio Cooperativa

    VENETO - parte di FRIULI VENEZIA GIULIA 92.7 Mhz

    FELTRE (e dintorni) 98.750 o 97.150 Mhz

    ARZIGNANO - MONTECCHIO 93.200 Mhz

    VITTORIO VENETO - CONEGLIANO 92.800 Mhz

    REVINE - FADALTO 92.600 Mhz

    ESTE (e dintorni) 92.650 Mhz




    Tavolo.
    Ultima modifica di tavololaici; 02-24-2011 alle 07:23 PM.

  2. #2
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Sempre da \Patavium...la MITICA Radio Sherwood
    che trasmettte dalla storica sede (il 1977...quelli gli anni di nascita e da questa città che ne vide il movimento..e poi la dura repressione dello stesso) di vicolo Pontecorvo.
    Impegnatissima nella discussione politica,da sempre è una spina nel fianco del sistema locale e fiancheggia da sempre il movimento no-global.

    Ecco il link:

    http://www.sherwood.it/-la-radio-


    97.800 Mhz Padova e provincia di Padova, Treviso, Venezia e Vicenza 97.650 Mhz Mestre e Venezia


    anche per lei è attivo l'ascolto in streaming.

  3. #3
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Sempre da Patavium..........Radio Gamma 5

    .
    Una presenza anch 'essa storica nel panorama veneto delle radio libere popolari,e con una storia molto travagliata alle spalle-e un inizio negli anni 70 come radio commerciale.

    http://www.radiogammacinque.it/

    94.0 e di puo' anch 'essa ascoltare in streaming

    è una radio di contro-informazionea anch'essa,ma accetta la pubblicità.

    T.

  4. #4
    Vukodlak Mod
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Marino (RM)
    Messaggi
    2192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    io ho lavorato in una radio gestita da amici, ho coperto i programmi notturni per un paio di settimane, mi limitavo a dire "cari amici della notte" mettevo una decina di tracce d 10-20 minuti e poi chiudevo con "buonanotte"

  5. #5
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    depp facci sapere di piu'.posta il link della tua vecchia radio.
    (anch ' io trasmisi un paio di anni,programmi culturali e musiche dei....crooner..)
    T.

  6. #6
    Vukodlak Mod
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Marino (RM)
    Messaggi
    2192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    niente di eccezionale una radio in streaming che avevano fatto alcuni miei amici, miseramente naufragata quando i gestori del servizio hanno inviato le prime comunicazioni che da free sarebbe diventato tutto a pagamento

    però una bella esperienza, soprattutto per l'assoluta libertà nella programmazione

  7. #7
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Ed ecco la splendida Radio Blackout
    105.250FM
    Torino
    da sempre una voce fuori dal coro e impegnata.Vi allego sotto il loro presentarsi-
    Anche loro< ora sono in streaming.Anche loro si autofinanziano.

    Tavolo

    Ps.ecco il loro LINK : http://radioblackout.org/18-anni-di-blackout/


    --------------------


    Introduzione
    Da 15 anni facciamo Radio Blackout. Non siamo stati sempre gli stessi, alcuni di noi sono arrivati nel corso di questi anni, altri se ne sono andati. Ma qualcuno c’è sempre stato dietro questi microfoni, perché qualcuno ha sempre ritenuto che una radio come questa fosse utile o interessante o divertente, e ognuno ha portato i suoi gusti musicali, o i suoi interessi culturali e sociali, o una particolare competenza tecnica. Ora ci siamo noi, sentirete cosa riusciamo a fare. Abbiamo deciso di cominciare raccontandovi qualcosa sulla nostra STORIA, sull’INFORMAZIONE, sui nostri DEEJAY, sul FINANZIAMENTO, sulla FESTA, sulla REDAZIONE e su tutto ciò che facciamo per migliorare la radio. Che non ospitiamo pubblicità chi ci ascolta lo sa già, nessun programma è mai stato interrotto per pubblicizzare rosticcerie, parrucchieri o pompe funebri. Forse non tutti sanno che nessuno di noi è mai stato pagato. Siamo contro l’attuale società fondata sulla divisione in classi, sul lavoro salariato, sull’oppressione di genere, sul profitto, sul carcere, sulla guerra e su altre cose orribili ma su questo punto, invece di usare tante parole difficili e noiose, la cosa migliore è che ci ascoltiate sui 105.250 FM.

    Storia della Radio
    SINCE 1992… All’inizio eravamo in via Sant’Anselmo 13. Era l’autunno del 1992, il movimento della Pantera era finito da poco, era in pieno sviluppo il movimento delle occupazioni delle case (di quel periodo sono le prime occupazioni del Barocchio e del Prinz Eugen) e proprio a Torino Sergio Cofferati, non ancora segretario generale della CGIL, riceveva pomodori e bulloni dai lavoratori in piazza San Carlo. E alcuni soggetti con molto entusiasmo e poca esperienza hanno pensato di provare a usare un microfono, un mixer e un’antenna. Radio Blackout ha sempre avuto molti amici nei centri sociali e nelle case occupate, pur senza escludere altri gruppi, associazioni, movimenti e individui che, in modo diverso, si oppongono al potere (economico, culturale, militare ecc.) o a qualche suo aspetto. Abbiamo sempre annunciato tutte le iniziative dei centri sociali e delle case occupate. Il 10 settembre 1994 abbiamo realizzato la diretta degli scontri di Milano in occasione della manifestazione nazionale promossa dal centro sociale Leoncavallo. Nel 1995 abbiamo anche pubblicato un libro, si intitolava “Ascolta questo libro, leggi questa radio” e conteneva i ricordi, i propositi e le lamentele di tutti coloro che avevano fatto la radio fino a quel momento. Se non l’avete letto ne abbiamo ancora qualche copia, chiedetecelo e ve lo daremo. In seguito abbiamo cercato di raccontarvi i momenti piu’ tristi e quelli piu’ vivi di questa citta’. Dall’omicidio di stato di Sole e Baleno alle ultime occupazioni, da Genova alle street parade siamo stati una voce sempre presente per raccontarvi i fatti da un punto di vista diverso, fieramente privo di quella “oggettività’” giornalistica che non ci interessa perche’ siamo una radio di persone e di idee, che vi piaccia o no, libere di circolare. Spesso siamo stati una voce contro tutti, una stazione contro la nazione! ONE STATION AGAINST THE NATION!

    La Redazione
    Cosa sia la redazione non lo sappiamo bene neppure noi. Qualche volta ha funzionato come momento di discussione e decisione, altre volte come semplice coordinamento organizzativo, spesso come valvola di sfogo delle tensioni che durante la settimana si accumulano tra gruppi e individui tanto diversi che si ritrovano nella radio, a volte anche delle tensioni nate fuori dalla radio. Con tutti i suoi limiti, la redazione resta il luogo indispensabile per avere un’idea di prima mano su come Radio Blackout sta andando e per portare proposte e critiche. Nella redazione facciamo i turni di presenza, decidiamo le iniziative, discutiamo il palinsesto, ci raccontiamo le novità della settimana. Se volete venirci a trovare è aperta, si riunisce ogni lunedì alle ore 20 in via Cecchi 21/a.

    I DeeJay
    Deejay ne sono passati molti, alcuni sono con noi dall’inizio, altri hanno avuto la loro stagione di gloria, qualcuno ha deciso di provare da pochi mesi. Radio Blackout ha ospitato tutti i generi musicali, dal jazz al reggae alla musica classica e medievale, techno, hip hop. Chi vuole provare deve solo venire in redazione e spiegare cosa vorrebbe fare (genere musicale, orario ecc.) Non abbiamo preclusioni e tanto meno chiediamo il professionismo, ma solo un minimo d’impegno e serietà, arrivare puntuali, avvertire in caso di contrattempo, non scroccare telefonate a Londra o Bangkok, non saccheggiare dischi e puntine. Chiediamo anche ai deeyjay di aiutarci nelle iniziative di finaziamento, almeno le più impegnative. Da parte nostra, cogliamo l’occasione per chiedere scusa ai deejay che ogni tanto sono rimasti chiusi fuori. Non è mai stato dettato da menefreghismo ma solo dal fatto che siamo pochi, sempre di corsa, spesso in ritardo. Sappiamo bene quanto la programmazione musicale sia fondamentale per l’ascolto di una radio. La redazione è il luogo in cui comunicare e discutere per ogni evenienza o controversia, e almeno una volta all’anno cerchiamo di fare un’assemblea con tutti coloro che vengono in radio. Maggiori notizie sui deejay che trasmettono in questo momento e sugli attuali spazi informativi autogestiti le trovate in questo stesso sito sulle presentazioni dei diversi programmi.

    Finanziamento
    Abbiamo sempre avuto bisogno di molti, moltissimi soldi. Dobbiamo pagare l’affitto della sede, l’affitto del terreno dove si trova il ripetitore, la corrente elettrica (quella della luce e quella del ripetitore), il telefono (per raccogliere le corrispondenze e i servizi anche da altre città), le piccole (ma sono tante) spese di manutenzione, fino all’anno scorso anche la concessione di 7 milioni. Adesso vogliamo rinnovare l’attrezzatura, è inutile avere cose intelligenti da dire se il segnale è debole o disturbato. Siamo già riusciti a rinnovare il computer, indispensabile per dare e ricevere molte più notizie molto più rapidamente, soprattutto quelle che non si trovano nei mass media, e che ci è già servito a realizzare il sito che state guardando. Il prossimo obiettivo è una nuova sala di registrazione. La stragrande maggioranza dei soldi che ci ha permesso finora di sopravvivere ci è arrivata sotto forma di biglietti da mille, cinquemila e diecimila lire stropicciate, portati da tutti coloro che hanno partecipato ai concerti, alle cene, alle serate disco o video di autofinanziamento, organizzati con l’aiuto o dentro i centri sociali e le case occupate. Poi ci sono le offerte piccole e grandi di individui e gruppi, come i 10 milioni che ci sono arrivati dal gruppo musicale Chumbawamba. Ma ci sono molti modi di aiutarci, regalandoci o prestandoci qualcosa che ci può servire, ce ne sono tante, basta pensarci, in caso chiedete.

    Blackout ha bisogno di fondi
    In questo periodo radio Blackout, pressata da bollette e conti da saldare, ritorna ad avere seri problemi economici. Partecipa alle nostre iniziative, ai benefit, serviti alla nostra distro, potrai così dare attivamente una mano alla tua radio preferita. Se poi proprio vuoi donarci direttamente qualche fondo a noi non spiace!

    Sostieni radio Blackout: l’unica emittente autentica, libera e finanziata da chi la vive!

Discussioni simili

  1. Allen, Woody - Radio Days
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 09-11-2011, 10:02 PM
  2. Radio + Cultura
    Da Decio nel forum Salotto letterario
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 03-06-2011, 10:10 PM
  3. Cugia, Diego - Libri, radio, televisione
    Da elisa nel forum Autori
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 01-07-2011, 11:03 AM
  4. Curtis, Richard - I Love Radio Rock
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-25-2009, 02:12 PM
  5. Celestini, Ascanio - Radio clandestina
    Da ryoko nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 09-24-2008, 09:17 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •