TRAMA:
Mi chiamo Zoey Redbird, ho diciassette anni e sono la novizia vampira più dotata della Casa della Notte. Ma anche la più sola. Fino a poco tempo fa, avevo un ragazzo meraviglioso e un gruppo di amici fantastici, poi li ho delusi e ora tutti mi tengono a distanza... proprio nel momento in cui avrei un disperato bisogno del loro aiuto. Per giorni ho avuto la sensazione di essere seguita, come se qualcuno attendesse il momento migliore per colpire. E oggi, purtroppo, i miei timori sono diventati realtà: una strana creatura è sbucata dal nulla e mi ha aggredito. Per fortuna sono riuscita a salvarmi, però adesso ho davvero paura. Sicuramente quell'essere è stato mandato da Neferet, la nostra Somma Sacerdotessa, che sta cercando di scatenare una sanguinosa guerra tra umani e vampiri. Io sono l'unica che possa ostacolare i suoi piani, tuttavia non potrei mai sconfiggerla soltanto con le mie forze. Inoltre Afrodite, una delle poche compagne che mi sono rimaste vicine, ha avuto una visione sconvolgente: se non riuscirò a riconquistare la fiducia dei miei amici, il mondo intero sprofonderà nel caos. Perché Neferet mi ucciderà...

Quarto libro della serie. I libri vanno letti nel loro ordine cronologico perché sono strettamente collegati e poi perché non hanno un vero e proprio finale. Serie leggera e divertente ma con un linguaggio molto colorito. Un libro davvero sorprendente, denso d'azione e colpi di scena (ho preferito molto questo aspetto), ritmo serrato, trama sempre più avvincente, intrigante e per niente banale o scontata. Scritto in prima persona (é la stessa Zoey a raccontare le sue disavventure), é scorrevole e una scrittura semplice. Per quanto riguarda i personaggi devo dire che comincio ad apprezzare Afrodite (e dire che all'inizio non riuscivo a sopportarla). Peccato che, invece, Zoey s'innamori troppo facilmente e di qualsiasi maschio arrivi nella scuola. Affascinati i riferimenti alle leggende legate ai Cherokee. Una lettura piacevole, non un capolavoro, ma adatta a chi non ha troppe pretese..