TRAMA:
"Mi chiamo Stevie Rae Johnson ho diciassette anni e un tempo ero la migliore amica di Zoey Redbird, la prima Somma Sacerdotessa novizia della Storia. Adesso che mi sono Trasformata in una vampira, però, ho paura di aver rovinato tutto. A una migliore amica non si dovrebbe nascondere nulla, giusto? Io invece non posso confidare a Zoey i miei segreti, altrimenti rischierei di perderla. Perché ho fatto una cosa terribile: ho salvato la vita a uno dei nostri nemici, Rephaim, il capo dei demoni-corvo. So che lui ha aggredito moltissimi novizi della Casa della Notte eppure, quando l'ho visto accasciato a terra, spaventato e ferito, ho capito che proprio non potevo lasciarlo lì, da solo. Allora l'ho portato in un luogo sicuro e l'ho curato. Quando inizierà a stare meglio, spero di convincerlo a voltare le spalle al Male e ad aiutarci. Dobbiamo assolutamente scoprire dove si trova Kalona - l'essere immortale che minaccia di distruggere la razza umana - prima che sia troppo tardi. Lui infatti sta usando il suo potere per entrare nei sogni di Zoey: vuole sedurla e farla diventare una sua alleata! E, per lei, ormai è sempre più difficile resistere al suo fascino diabolico..."

Il libro in questione é il sesto e per chi ha letto i precedenti la prima cosa che noterà é il punto di vista. Le autrici, questa volta, hanno deciso di dare la parola a quasi tutti i protagonisti (il cambiamento avviene attraverso il nome del personaggio all'inizio dei vari capitoli). Conoscerete il punto di vista non solo di Zoey ma anche di Stevie Ray, Afrodite, Rephaim e via di seguito in modo da avere una storia più completa (il punto di vista di Zoey resta il predominante ma non come per i libri precedenti). Penso che per alcuni personaggi si poteva tranquillamente evitare ma nonostante questo la lettura procede senza problemi (resta scorrevole e coinvolgente). Sempre divertenti gli interventi di Afrodite. Tempted, a mio avviso, é un romanzo di transizione perché salvo per qualche colpo di scena (uno dei quali é il finale), accade davvero poco (le autrici hanno preferito dedicarsi ad introdurre nuovi problemi e a costruire relazioni che si districheranno nel libro successivo) e forse qualche situazione andava approfondita meglio (per esempio il finale). Forse per la lettura sarebbe preferibile leggere Tempetd e Burned insieme perché il finale lascia l'amaro in bocca (la parte più sconvolgente ed inaspettata di tutto il romanzo). Altra novità, finalmente le autrici si sono rese conto che continuare a ripetere le stesse cose risulta un pò irritante (mi riferisco ai continui riferimenti ai libri precedenti). Il modo di parlare dei protagonisti resta invariato mentre per lo sviluppo dei personaggi c'è stato ma molto piccolo. Non manca un omaggio all'Italia e il lato romantico più marginale senza dubbio ma che questa volta non riguarda solo Zoey (che finalmente comincia a fare qualche scelta). Una lettura leggera che ti tiene incollata alle pagine .