Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

i-geologi-di-himmler

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Valente,Luca - I geologi di Himmler

  1. #1
    b
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Profondo Veneto Notte (Termale)
    Messaggi
    865
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Valente,Luca - I geologi di Himmler

    Lascio la prentazione di questo bel volume di ricostruzione storica,apparso con la collaborazione dell'ISTREVI, ad un pezzo del Giornale di Vicenza,a firma di Elisa Morici, con una intervista all'autore.
    Credo sia una buona presentazione.
    Tavolo



    I FEROCI GEOLOGI DELLE SS
    Un battaglione tedesco fra eccidi, vendette e sospetti
    Cinque capifamiglia fucilati in una contrada semisconosciuta. Un eccidio che si perde nella memoria, ma l’indagine su uno dei tanti drammi dimenticati nell’Italia occupata dai nazisti svela anche la storia di un misterioso battaglione delle SS, impiegato sulle montagne venete e trentine negli ultimi mesi del secondo conflitto mondiale. È l’intricata quanto affascinante la ricostruzione che si snoda ne "I geologi di Himmler - L’SS-Wehrgeologen-Bataillon 500 tra Veneto e Trentino: dalla rappresaglia della Laita (Tretto di Schio, 30 novembre 1944) all’ipotesi Pedescala", l’ultimo lavoro dello storico e giornalista scledense Luca Valente, che sarà presentato a Schio stasera alle 21, a Palazzo Fogazzaro.
    Non erano il classico corpo di polizia - appartenevano infatti alle Waffen-SS, le SS combattenti - ma un gruppo di specialisti; geologi, ingegneri e un comandante archeologo, che negli anni ‘30, alle dipendenze dello stesso capo delle SS, avevano condotto gli scavi nel castello di Quedlinburg alla ricerca del sepolcro di re Enrico I. Uomini con un ruolo chiave nella costruzione della Blau Linie, la linea fortificata che doveva fermare l’avanzata delle armate alleate sulle Prealpi, e forse coinvolti nell’eccidio che si consumò a Pedescala nella primavera del ‘45.
    Ma tutto comincia in contrada Laita, sull’altopiano del Tretto.
    «Doveva essere una ricerca circoscritta - spiega Valente -, su richiesta dell’associazione "La Cornolea", per ricostruire le sequenze di un eccidio pressoché dimenticato: cinque persone uccise il 30 novembre del 1944 per motivi tutt’altro che chiari. Com’era successo e per mano di chi? Con i dettagli di quella giornata di sangue sono riemerse le tracce di un battaglione tedesco misconosciuto e dei tanti italiani che ne fecero parte».
    - Come si svolsero realmente i fatti?
    «La rappresaglia fu originata dall’uccisione di Wainer Novellini, un milanese conosciuto come "l’interprete" e arruolato tra le fila del battaglione. Il giorno prima dell’eccidio aveva catturato un partigiano, Ermenegildo De Rizzo detto "Polenta", che si era però ribellato e l’aveva ammazzato, scatenando la vendetta tedesca. Il 30 novembre, quindi, il plotone di S. Ulderico di Tretto si recò alla Laita, radunò gli abitanti della contrada nelle stalle e fucilò i cinque capifamiglia, Antonio Calgaro, Antonio Frizzo, Albino Frizzo, Cesare Frizzo e Luigi Frizzo, quattro sul posto e il quinto mentre cercava di scappare. Uno strascico ci fu qualche mese dopo, il 13 maggio del ‘45, quando a Valli i partigiani presero e giustiziarono Cesare Lombardini, senese e sembra grande amico dell’"interprete", a sua volta arruolato tra i tedeschi e accusato di aver partecipato all’eccidio».
    - Ma la rappresaglia non fu opera di un comune plotone delle SS?
    «I dati d’archivio portano effettivamente ad un’altra conclusione. Tra i documenti conservati nel vecchio Comune del Tretto compare un numero di posta militare, il Feldpostnummer che in tempo di guerra era l’unico elemento distintivo di un reparto. Lo stesso numero che si ritrova anche negli archivi di altri Comuni, dal comando di Folgaria a Brentonico, da Ala a Torbole, dove il Wehrgeologen-Bataillon 500 aveva distaccato le sue compagnie; e quel numero permette ora di risalire al reparto corrispondente, confermando che si trattava proprio del misterioso battaglione di specialisti del genio».
    - Chi erano davvero questi uomini?
    «Fondato nel ‘42, il battaglione annoverava tra le sue file numerosi laureati in materie tecniche. Uomini specializzati nella costruzione di opere difensive e di sabotaggi delle vie di comunicazione che furono inizialmente inviati sulle coste della Normandia e poi ai confini tra Francia e Olanda, sul Pas-de-Calais, per effettuare indagini sismiche in vista della collocazione delle rampe di lancio delle V1. Nel settembre del ‘44 arrivarono in Italia per la costruzione della Blau Linie: una delle quattro compagnie fu dislocata appunto a Valli del Pasubio e un plotone destinato a S. Ulderico, ai confini con contrada Laita, per minare le strade prima che arrivassero gli alleati».
    - Professionisti, dunque, ma perchè i "Geologi di Himmler"?
    «A parte l’appartenenza del reparto alle SS da lui fondate, diversi ufficiali erano stati alle sue dirette dipendenze. Ad esempio il comandante del battaglione era il tenente colonnello Rolf Höhne, un archeologo che aveva guidato gli scavi nel castello di Quedlinburg ritrovando il teschio di Enrico I l’Uccellatore, il mitico re sassone che aveva sconfitto i magiari a Riade nel 933, di cui il capo delle SS credeva di essere la reincarnazione e sui cui resti voleva rifondare l’antico paganesimo germanico».
    - Fin qui le certezze, ma tra le pagine del libro avanza anche un’affascinante quanto enigmatica ipotesi che, storicamente, può dirsi senz’altro nuova: i "geologi" ebbero forse un ruolo anche nell’eccidio di Pedescala?
    «Nessuna prova concreta ma molti indizi. Le testimonianze raccolte tra la gente del posto, innanzitutto, ma anche i documenti partigiani e, soprattutto, quelli della missione inglese che collaborò con la Resistenza: si ritrovano spesso i termini "guastatori" e "SS", una dicitura troppo specifica che, a mio avviso, farebbe riferimento proprio ad un reparto specializzato che non sarebbe uno di quelli indicato da più parti quale responsabile dell’eccidio».
    - Come potrebbero essersi svolti i fatti?
    «Finora sono sempre stati chiamati in causa i paracadutisti tedeschi, da sempre in cima alla lista degli indiziati, e i reparti di collaborazionisti russi che, col passare degli anni, sono stati invece più o meno scagionati. Fermo restando che ritengo inopportuno mettere da parte i russi con tanta leggerezza, perchè in quei giorni c’erano numerose loro compagnie in zona oltre a quella che lasciò Pedescala poche ore prima della strage, ho ipotizzato che anche il battaglione di geologi sia rimasto coinvolto nei fatti del 30 aprile 1945. La compagnia di stanza a Valli, partita il giorno precedente, avrebbe deviato per Passo Xomo, Posina e la Valdastico dove, di lì a poche ore, si consumò la carneficina».
    Un’indagine tra storia e mistero, quella narrata da Valente, che attraversa mezza Europa e si snoda tra imboscate partigiane, spietate ritorsioni e scoppi di mine.

    Elisa Morici
    Ultima modifica di elisa; 03-30-2011 alle 07:07 PM. Motivo: edit titolo

Discussioni simili

  1. De Luca, Erri - Non ora, non qui
    Da pokypoky nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 07-03-2017, 06:53 PM
  2. De Luca, Erri - Tu, mio
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 09-14-2016, 09:00 AM
  3. De Luca, Erri - Il contrario di uno
    Da Cold Deep nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-21-2012, 08:50 AM
  4. De Luca, Erri - Montedidio
    Da zaratia nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 01-08-2012, 06:26 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •