Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Non ci sono libri recensiti su forumlibri di questo Autore oppure non sono ancora nessuno è stato collegato.

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Campanella, Tommaso

  1. #1

    Predefinito Campanella, Tommaso

    Ciao, sto leggendo la cittÃ* del sole di Campanella..
    Anche se egli non è definibile propriamente come uno scrittore mi piacerebbe sentire il vostro parere su di lui e in particolare su questo libro..
    io personalmente lo trovo molto carino, ben strutturato, ma molto difficile non cm modo di scrivere, bensì per ciò ke presenta, chiede un sacco di immaginazione!
    baci a tutti

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18934
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    243
    Thanks Thanks Received 
    706
    Thanked in
    434 Posts

    Predefinito

    La CittÃ* del Sole di Tommaso Campanella è un'opera filosofica ed io l'ho studiata in quanto tale, per cui non saprei proprio come definirla dal punto di vista letterario. Parla dell'utopia e quindi un concetto filosofico che va al di lÃ* della realtÃ*. Secondo me di difficile lettura

  3. #3

    Predefinito

    La cittÃ* del Sole di difficile lettura certo, ed alcuni principi che emergono mi hanno lasciata perplessa.
    Tra questi la comunione delle donne e dei beni. La cosa che più mi ha lasciata perplessa è ovviamente la prima (ma va!), mentre la seconda è comunque toccata da così tanti pensieri che non è poi un tale pugno nello stomaco.
    Non lo consiglierei certo come lettura prima di addormentarsi, anche se certi passaggi possono essere usati per addormentarsi (scherzo )
    L'ho letto per motivi di studio e ne è valsa la pena.

  4. #4
    Knight Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Palermo
    Messaggi
    1206
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Si è un testo complesso...io l'ho apprezzato, specialmente la parte in cui Campanella vede la societÃ* solare come rapporto tra ragione e natura.

  5. #5

    Predefinito

    Nella Città del Sole Campanella descrive una città ideale, utopistica, governata dal Metafisico, un re-sacerdote volto al culto del Dio Sole, un dio laico proprio di una religione naturale, di cui Campanella stesso è sostenitore, pur presupponendo razionalmente che coincida con la religione cristiana. Questo re-sacerdote si avvale di tre assistenti, rappresentanti le tre primalità su cui si incentra la metafisica campanelliana: Potenza, Sapienza e Amore. In questa città vige la comunione dei beni e la comunione delle donne. Nel delineare la sua concezione collettivista della società, Campanella si rifà a Platone (V sec. a.C.) e all'Utopia di Tommaso Moro (1517); fra gli antecedenti dell'utopismo campanelliano è da annoverare anche la Nuova Atlantide di Bacone. L'utopismo partiva dal presupposto che, poiché non si poteva realizzare un modello di Stato che rispecchiasse la giustizia e l’uguaglianza, allora questo Stato si ipotizzava, come aveva fatto a suo tempo Platone; però è importante mettere in evidenza che, Campanella tratta una realtà utopistica, al contrario di altri autori (es. Niccolò Machiavelli ).

Ti potrebbero interessare:

 

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •