Hao Myung è un artista.
Una potente associazione internazionale finanzia le sue operazioni di chirurgia plastica, che trasformano pochi prescelti – ognuno con la sua storia, i suoi drammi, le sue nere intenzioni – in opere d’arte. Siamo oltre la body-art e l’Arte Carnale, ben al di là di quelli che chiunque considererebbe i limiti umani, i confini dell’Arte: Myung installa sulla sua prima opera cilindri cavi che ne attraversano da parte a parte il busto, a un’altra prolunga l’aorta in un tratto esterno – così che il sangue scorra a vista –, a un’altra ancora sostituisce la calotta cranica con una copertura trasparente… Tuttavia queste opere non sanno che verranno commercializzate, una volta acquisita quella che ritengono la manifestazione esteriore della propria essenza più vera.
Il destino di Ester sembra segnato: ha compiuto le sue scelte, ha iniziato la sua trasformazione. Desidera che tutti vedano, infine, com’è davvero. Eppure attorno a lei qualcuno si sta muovendo per trovarla e riportarla a casa, e forse per porre fine al disegno allucinante. L’unica certezza è che Ivan non si fermerà di fronte a nulla.
Prima che lei diventi l’opera numero sei.

opera prima davvero interessante, un thriller davvero ben scritto con un'idea originale. il libro scorre velocissimo, cambiando continuamente di capitolo in capitolo luogo e tempo d'ambientazione. consigliato! 4/5

ecco anche il trailer