Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 4 di 9 PrimoPrimo 123456789 UltimoUltimo
Mostra risultati da 46 a 60 di 127

Discussione: Se c'è una cosa che ho imparato dalla vita è che....

  1. #46
    maredentro78
    Guest

    Predefinito

    chi non sa ridere di sé stesso non può essere intelligente!

  2. #47
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    5129
    Inserimenti nel blog
    85
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da maredentro78 Vedi messaggio
    chi non sa ridere di sé stesso non può essere intelligente!

    Brava!Ti quoto...

  3. #48
    Owl Member
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    1219
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    ...che per ogni cosa che si aggiusta ce ne sono almeno altre tre che si rompono

  4. #49
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2009
    Località
    Pistoia
    Messaggi
    601
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dory Vedi messaggio
    Macheincitamentoiallitigio!!! Ma come ti permetti di insinuare certe cose?? Piuttosto spiega perchè non sei d'accordo invece di sparare sentenze, ecco, da te non me l'aspettavo... ecchediamine!!


    (spero si capisca che sto scherzando!!)
    Citazione Originariamente scritto da asiul Vedi messaggio
    Infatti non conta.
    Embè!Perché non si può! ... E chi dovrebbe porvi rimedio tu? Naaa...

    Io prendo solo le Zigulì! Quelle sono tutte tue...
    Si oppone resistenza, vedo... Chiederò autorizzazione per procedere al Trattamento Sanitario Obbligatorio. Due pastiglie e passa la paura.

    Più seriamente parlando, io credo semplicemente che tutte le belle cose che avete elencato (capire noi stessi e gli altri, rafforzare amicizie che lo meritano o lasciarne perdere altre, rispettare e, perchè no, amare gli altri anche se in disaccordo con noi, etc.) siano tranquillamente raggiungibili senza ricorrere ad un litigio che presenta rischi considerevoli.

    Citazione Originariamente scritto da Dayan'el Vedi messaggio


    - Ho imparato dalla vita una lezione semplicissima e forse la più importante. Mai arrendersi. Qualunque cosa accada, per nessuna ragione e in nessun caso.
    Te la butto lì: mi pare che l'arrendersi presupponga un combattere, e che il combattere presupponga un avversario e una mèta. Dove identifichiresti questi elementi?
    E se, invece, non si cominciasse proprio la lotta?

  5. #50
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2009
    Località
    Sassari
    Messaggi
    312
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Che più fai del bene e più ricevi il male. E che non ci si deve fidare di nessuno, nanche degli amici.

  6. #51

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Sopraesistito Vedi messaggio
    Concordo! E' l'insoddisfazione che ci fa progredire.
    Io però non intendevo il genere di insoddisfazione a cui vi siete riferiti tu e asiul.
    Concordo che il fatto che ci sia sempre una ricerca, un aspirare a raggiungere sempre nuove mete sia positivo.
    Quello a cui mi riferivo è che non siamo mai contenti, nel senso che non apprezziamo a dovere le cose buone che abbiamo intorno a noi. Le diamo per scontate e non ne traiamo la soddisfazione che potrebbero darci.

  7. #52
    Σκιᾶς ὄναρ ἄνθρωπος.
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    549
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Sir Vedi messaggio
    Te la butto lì: mi pare che l'arrendersi presupponga un combattere, e che il combattere presupponga un avversario e una mèta. Dove identifichiresti questi elementi?
    E se, invece, non si cominciasse proprio la lotta?
    Certo che presuppone un combattere. Non conosco essere vivente che non lo faccia. Pensa agli animali. Cibarsi, riprodursi, sono processi che richiedono la lotta, e come se non bastasse ci sono sempre gli acciacchi, gli intoppi, la malattia, la vecchiaia. Contro mille cose combattiamo, tutti i giorni. E se più in dettaglio vogliamo discutere degli uomini e le loro relazioni, cosa vuoi che dica? L'uomo non è buono. E spesso, anche senza volere, siamo nemici per qualcuno. I candidati ammassati a migliaia nei concorsi pubblici, o anche nel privato, i sazi signori della domenica pomeriggio a cercare parcheggio nei centri commerciali, la corsa all'accaparramento dell'ultima taglia di una t-shirt o il primo numero in pescheria il 31 dicembre: sono tutti esempi di 'inimicizie civili'. Delle volte, Sir, siamo nemici di qualcuno per il solo fatto di esistere. Lo siamo quando delle forze dichiarano illegittima la nostra presenza al mondo: quando nasciamo invalidi e/o inabili al lavoro; quando l'omosessualità viene condannata dalle confessioni o dagli Stati; quando siamo figli immondi creati in provetta. Nessuno conosce i nostri nomi o le nostre storie, eppure, sulla base di principi astratti, non dovremmo esistere. E non basta, non è tutto. Seppure il consorzio umano trovasse un modo per vivere in pace, rimarrebbero mille e mille avversità di madre natura contro cui confrontarsi. Non farsi annientare dai suoi capricci, maremoti, terremoti, carestie e intemperie, epidemie, parassiti. Di fronte a tutto ciò, finché posso, ho tutta intenzione di difendermi.

  8. #53
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2009
    Località
    Pistoia
    Messaggi
    601
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dayan'el Vedi messaggio
    Certo che presuppone un combattere. Non conosco essere vivente che non lo faccia. Pensa agli animali. Cibarsi, riprodursi, sono processi che richiedono la lotta, e come se non bastasse ci sono sempre gli acciacchi, gli intoppi, la malattia, la vecchiaia. Contro mille cose combattiamo, tutti i giorni. E se più in dettaglio vogliamo discutere degli uomini e le loro relazioni, cosa vuoi che dica? L'uomo non è buono. E spesso, anche senza volere, siamo nemici per qualcuno. I candidati ammassati a migliaia nei concorsi pubblici, o anche nel privato, i sazi signori della domenica pomeriggio a cercare parcheggio nei centri commerciali, la corsa all'accaparramento dell'ultima taglia di una t-shirt o il primo numero in pescheria il 31 dicembre: sono tutti esempi di 'inimicizie civili'. Delle volte, Sir, siamo nemici di qualcuno per il solo fatto di esistere. Lo siamo quando delle forze dichiarano illegittima la nostra presenza al mondo: quando nasciamo invalidi e/o inabili al lavoro; quando l'omosessualità viene condannata dalle confessioni o dagli Stati; quando siamo figli immondi creati in provetta. Nessuno conosce i nostri nomi o le nostre storie, eppure, sulla base di principi astratti, non dovremmo esistere. E non basta, non è tutto. Seppure il consorzio umano trovasse un modo per vivere in pace, rimarrebbero mille e mille avversità di madre natura contro cui confrontarsi. Non farsi annientare dai suoi capricci, maremoti, terremoti, carestie e intemperie, epidemie, parassiti. Di fronte a tutto ciò, finché posso, ho tutta intenzione di difendermi.
    Ragionamento ineccepibile, esattamente quello che mi aspettavo del resto, ma non ne condivido i presupposti.
    Lungi da me l'idea di pontificare o intavolare diatribe morali in uno spazio volutamente e giustamente "leggero" come questo; ma una riflessione di questo genere, con l'una e l'altra campana, non penso faccia mai male.
    Citi la natura e accomuni l'uomo agli altri esseri viventi, ma c'è una distinzione. E' la nostra coscienza a creare una lotta laddove esiste solo una cieca competizione, retta sulla mera casualità e imbastita dalle istruzioni fornite dai geni, della quale nessun organismo si avvede.
    Il predatore che cattura la preda compete per sopravvivere, in quel preciso giorno e in quel preciso istante. L'uomo invece spesso lotta per vincere, in situazioni del tutto irrilevanti per la natura. Due scenari molto diversi.
    Non credo che siamo nemici di qualcuno per il solo fatto di esistere. Credo piuttosto che inimicizia, lotta, vittoria e sconfitta siano concetti che nascono esclusivamente nella nostra mente e che allo stesso modo possano morire. Si tratta di scegliere, esattamente come scegliamo di evitare, ingannare o reindirizzare quotidianamente le istruzioni fornite dai nostri geni.
    Non so se questa lettura corrisponda alla verità, anche se lo sospetto; mi pare in ogni caso che sia conveniente adottarne gli esiti. Metteremmo forse a frutto questa facoltà, la coscienza, che abbiamo rocambolescamente maturato e sicuramente ci sottrarremmo alla contraddizione sottintesa nella mia domanda e nella tua risposta: lottare contro la vita per la vita.

  9. #54
    Σκιᾶς ὄναρ ἄνθρωπος.
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    549
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Sir Vedi messaggio
    E' la nostra coscienza a creare una lotta laddove esiste solo una cieca competizione, retta sulla mera casualità e imbastita dalle istruzioni fornite dai geni, della quale nessun organismo si avvede.
    Il predatore che cattura la preda compete per sopravvivere, in quel preciso giorno e in quel preciso istante. L'uomo invece spesso lotta per vincere, in situazioni del tutto irrilevanti per la natura. Due scenari molto diversi.
    Ne siamo certi? Io nelle battaglie quotidiane, nelle piccole competizioni delle volte assurde, quando non propriamente stupide, ho sempre visto soltanto delle variazioni del tema: riproposto su scale diverse, ma sempre quello. La lotta passata attraverso le maglie dell'etica e del diritto, attraverso il filtro della coscienza, come diresti tu. E va bene, riusciamo a vivere 'civilmente' ma non 'pacificamente', non credo si possa chiedere di più. Penso alla lettura di Foucault, al suo concetto di potere dinamico, esteso, quasi fosse una sostanza eterea a riempire ogni interstizio della vita associata, a tutti i livelli. Quindi, quand'anche le ragioni contingenti fossero banali, nessuno mi toglie dalla testa sia sotteso un modello ben preciso, ed è quello comune ai viventi: vincere per affermarsi.

    Citazione Originariamente scritto da Sir
    Non so se questa lettura corrisponda alla verità, anche se lo sospetto; mi pare in ogni caso che sia conveniente adottarne gli esiti. Metteremmo forse a frutto questa facoltà, la coscienza, che abbiamo rocambolescamente maturato e sicuramente ci sottrarremmo alla contraddizione sottintesa nella mia domanda e nella tua risposta: lottare contro la vita per la vita.
    E chi siamo noi per eliminare la contraddizione su cui si fonda la natura? La vita divora se stessa costantemente, e da qui si rigenera e perisce ancora e così via. Noi uomini non siamo che accidenti nella sua economia, che il sistema ci appaia oscuro, alla fine ci può stare. Il tuo ragionamento è nobile ed è anche consolante leggerlo, ma temo sia di fatto inapplicabile ad una realtà ben lontana dai trattati morali. Godremmo di conseguenze benefiche e forse anche alla lunga salvifiche, tuttavia dovremmo essere in grado di creare gli effetti, la questione è solo questa. Tu credi sia possibile all'animale uomo produrre effetti diversi da quelli previsti dall'ordine naturale, seppur mitigati e regolati nelle strutture umane?

    A questa domanda voglio rispondere banalmente, e senza troppa filosofia. Dalla mia esperienza, soprattutto lavorativa, posso dire di aver visto molto di quella distribuzione del potere prima accennata, delle miserie anche piccolissime, della cattiveria distillata riscontrabile nella gran parte, se non in tutti. Vedo continuamente uomini compiere torti del tutto gratuiti: ciò che li appaga è il piacere di farlo. E mi succede spesso di essere io in prima persona a dover tacere.. le regole aziendali, la deontologia. Non serve Schopenhauer per diventare pessimisti (almeno su questo): basta mischiarsi alla fiera del mondo, basta viverci dentro.

  10. #55
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2009
    Località
    Pistoia
    Messaggi
    601
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dayan'el Vedi messaggio
    Io nelle battaglie quotidiane, nelle piccole competizioni delle volte assurde, quando non propriamente stupide, ho sempre visto soltanto delle variazioni del tema: riproposto su scale diverse, ma sempre quello. [...] un modello ben preciso, ed è quello comune ai viventi: vincere per affermarsi.
    Come ti ho detto prima, quello che ho visto io invece mi ha suggerito che sia proprio il tema a mutare, e che l'uomo si sia forzatamente allontanato per adottare il suo proprio modello nel momento stesso in cui ha iniziato a vedere oltre il proprio naso.

    E chi siamo noi per eliminare la contraddizione su cui si fonda la natura? La vita divora se stessa costantemente, e da qui si rigenera e perisce ancora e così via.
    Tu vedi una contraddizione in questo? Non era a questa che mi riferivo io, perchè mi pare invece la massima forma di armonia; vita e nient'altro che vita.
    La contraddizione è proprio quella dell'uomo che tenta di inserirsi nel processo, presume di poter giocare un ruolo a sè stante e lotta coi mulini a vento; pensa che avere più cibo nella pancia, condurre un'esistenza più soddisfacente, lunga, "felice" o moralmente "giusta" significhi avere "più vita", come a strapparne un pezzo, mentre la vita non si partiziona nè si presta ad essere lesa.

    Tu credi sia possibile all'animale uomo produrre effetti diversi da quelli previsti dall'ordine naturale, seppur mitigati e regolati nelle strutture umane?
    Assolutamente no.
    Le strutture umane (compresa la morale, cui hai accennato prima) non hanno evidentemente alcun potere in merito. Se hai interpretato il mio "rimedio" in questo senso forse non ci siamo ben capiti.
    Si tratta, banalmente, di comprendere e soffrire meno.
    Se non c'è opposizione, non ci sono più nemmeno effetti nè ordini naturali. E, come ho detto prima, io al momento ritengo che l'opposizione sia solo nella nostra testa.

    Lo stesso potrei dire del "pessimismo" che hai tirato in causa più avanti. Facciam conto di parlare tra amici davanti a un bicchiere di vino; nove volte su dieci le mie impressioni coincidono con le tue e il mio pensare è influenzato da quella cattiveria che emerge ovunque (fino a non molto tempo fa, non ti nascondo, ne sarebbe stato sovrastato). Però, soffermandomi un attimo, mi rendo conto che questo non è decisivo, nè tantomeno produttivo.
    Se non si vede la cattiveria (o se si vede oltre), esistono solo comportamenti.

    Non c'è nulla di nobile, nulla di salvifico, nulla che elevi l'umanità - verso dove, poi? - in questo. Per me, in vino veritas come sopra, volgermi verso tali lidi è stata a tratti autentica questione di sopravvivenza. Per altri immagino possa assumere diversi significati e diversi risultati, comunque buoni. Credo, banalmente e con la massima franchezza, che sia al momento quanto di meglio si possa fare; un modo per gestire questo incidente evoluzionistico senza precedenti che ci ha dotati di un cervello troppo grande per i suoi scopi originari.

  11. #56
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    5129
    Inserimenti nel blog
    85
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Continuate...è un peccato intervenire.


  12. #57
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6800
    Thanks Thanks Given 
    37
    Thanks Thanks Received 
    70
    Thanked in
    53 Posts

    Predefinito

    che al peggio non c'è mai fine

  13. #58
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5734
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    187
    Thanks Thanks Received 
    82
    Thanked in
    53 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Mary70 Vedi messaggio
    Che più fai del bene e più ricevi il male. E che non ci si deve fidare di nessuno, nanche degli amici.
    No dai, non dire così

  14. #59
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    5129
    Inserimenti nel blog
    85
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    che quando una cosa è rotta è inutile rimettere i pezzi assieme... le fratture restano per sempre...

    che fa più male una carezza non ricevuta di uno schiaffo preso...

    che non si deve mai chiedere quello che dovrebbe nascere da sé... non è mai la stessa cosa...

    che la fiducia di una persona è un dono prezioso ed inviolabile...

    che ogni insegnamento della vita non è mai definitivo...

  15. #60
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Che ostinarsi a voler sempre capire tutto (o pretendere di capire) è accanimento terapeutico!!

Discussioni simili

  1. Cosa vedo dalla mia finestra o balcone.
    Da Chicca nel forum Amici
    Risposte: 332
    Ultimo messaggio: 06-16-2016, 08:16 AM
  2. Come e quando avete imparato a leggere?
    Da Palmaria nel forum Le Sempreverdi - Discussioni con Bellezza eterna
    Risposte: 80
    Ultimo messaggio: 09-07-2011, 10:52 AM
  3. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-03-2010, 03:13 PM
  4. Loh, Robert - Fuga dalla Cina rossa
    Da Lucripeta nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 03-16-2009, 11:40 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •