Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La Gerusalemme perduta

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Rumiz, Paolo - La Gerusalemme perduta

  1. #1
    Sud e magia
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2343
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito Rumiz, Paolo - La Gerusalemme perduta

    "La religione vera è
    innamoramento, nostalgia della pienezza di un
    incontro che non lascia strascichi di colpa
    "

    Cosa vorresti fare da grande? Se me la facessero ora questa domanda, risponderei: "Vorrei fare il Paolo Rumiz".

    Viaggio da Milano a Gerusalemme alla ricerca delle radici della cristianità. Le radici cristiane dell'Europa. Quante volte si è sentita questa frase? Ha costituito anche motivo di attrito tra stati "laici" e stati "confessionali", tra il Vaticano e il Parlamento UE. Eppure secondo me non si ha idea di dove siano queste radici e, soprattutto, se queste radici ci sono ancora.

    Rumiz impietosamente ci fa vedere che nella culla del Cristianesimo, non Gerusalemme, ma il luogo dove è forse nato davvero il cristianesimo e non Gesù, Antiochia, prima meta di quel Paolo di Tarso a detta di molti colui che ha fondato la nostra religione, ci fa vedere che il cristianesimo è scomparso. Il Papa ortodosso, il capo indiscusso dell'Ortodossia cristiana, è ridotto a dire messa per poche vecchiette in una cappelletta al Fanar, come un prete di campagna qualsiasi, governa una Chiesa di "ben 4000" fedeli, la mia parrocchia enumera 5200 anime.

    Insomma si discute delle radici cristiane dell'Europa e quelle radici stanno scomparendo.

    I resoconti di Rumiz ti affascinano come un romanzo.

    Cosa vuoi fare da grande? Il Rumiz

  2. #2
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5772
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    195
    Thanks Thanks Received 
    94
    Thanked in
    60 Posts

    Predefinito

    Scusa vorrei saperne un pochino di più. Si tratta di un saggio con numeri e statistiche o più un percorso storico con personaggi e fatti?

  3. #3
    Sud e magia
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2343
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    L'unica cifra che è scritta quella che ho riportato, il capo dell'Ortodossia governa una chiesa formata da 4000 fedeli. Per il resto nessuna statistica, nessun numero.

    E' la descrizione di un viaggio storico geografico alla ricerca dei cristiani d'Oriente. Quei cristiani che erano cristiani prima di Paolo di Tarso. C'è un excursus storico e un occhio alle gravi difficoltà che i cristiani stanno vivendo in quelle zone. Scavi scavi e ti accorgi che i semplici cristiani, ebrei e musulmani, vanno molto più d'accordo di quanto non vadano i loro capi.

    E poi Rumiz è in grado di farti percepire sensorialmente quei luoghi.

  4. #4
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5772
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    195
    Thanks Thanks Received 
    94
    Thanked in
    60 Posts

    Predefinito

    Bene, bene, mi hai convinta. Grazie

  5. #5
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5772
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    195
    Thanks Thanks Received 
    94
    Thanked in
    60 Posts

    Predefinito

    Il libro è una meraviglia, c'è un alone di spiritualità che ti accompagna lungo tutta la lettura. Visita luoghi noti, ma altri dimenticati e scopri che la religione ha un sacco di sfaccettature, come dice Rumiz: "Non c'è davvero limite alla pluralità del sacro". Mi ha fatto riflettere anche la considerazione sul fatto che la cristianità sia nata ad Antiochia, mentre in Europa l'Impero romano fosse pagano, oggi il tutto si è capovolto: il centro religioso è diventata Roma, mentre dove n la religione cristianaè nata sta scomparendo. Bellissimo libro.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Cather, Willa - Una signora perduta
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 01-11-2015, 01:59 PM
  2. Asensi, Matilde - L'origine perduta
    Da Freedom nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 07-10-2014, 01:03 PM
  3. Lessing, Doris - Una comunità perduta
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 03-05-2012, 12:48 AM
  4. Tasso, Torquato - Gerusalemme liberata
    Da Sir_Dominicus nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 21
    Ultimo messaggio: 04-19-2008, 04:24 PM
  5. L'origine perduta
    Da Freedom nel forum Salotto letterario
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 01-25-2007, 10:41 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •