Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Storie di fantasmi

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Wharton, Edith - Storie di fantasmi

  1. #1
    Señora Memebr
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Viterbo
    Messaggi
    2218
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Wharton, Edith - Storie di fantasmi

    Gli (in)soliti fantasmi della Signora Wharton.


    Non ho ancora letto l'Età dell'Innocenza - che è il suo romanzo più conosciuto - ma ho incontrato la signora Wharton grazie ai suoi fantasmi. Fantasmi poetici e insoliti, che fanno cose poetiche e insolite come per esempio imbucare una lettera (succede in Semi di Melograno).

    I fantasmi della Wharton non sono mai cattivi e il loro potere di spaventare risiede unicamente
    nell'essere presenza perturbante della normalità delle cose, dell'ordine naturale, così in bilico tra la vita e la morte (caratteristica che è propria anche dei fantasmi di Henry James).

    Un altro aspetto che ho apprezzato molto di queste storie è il "non detto".

    Quando leggo un racconto sul soprannaturale non ho bisogno di conoscere i meccanismi che hanno reso possibile la manifestazione dell'"orrore" per esser soddisfatta. Semmai il contrario. Il non detto mi aiuta a costruire, a stimolare in me la capacità d'immaginazione, tanto che invece di allontanarmi dalla vicenda mi coinvolge ancor più strettamente.


    Queste inquietanti presenze fanno da contrappunto al quadro in cui si muovono i protagonisti, in genere persone colte dell'alta borghesia, ironiche, dalla mentalità moderna, abituate a vivere in un contesto in cui il pragmatismo fa la parte del leone.

    Vivono in case moderne, con caloriferi e corrente elettrica oppure ereditano antiche proprietà in cui cercano - invano, si scoprirà più tardi - di introdurre la funzionalità e il comfort moderno tipici del XX secolo.
    Ci sono dei viaggiatori e delle governanti trentenni - che nei primi del '900 e negli ambienti dell'alta borghesia erano ormai considerate vecchie zitelle - in cerca di un impiego.

    Spesso la casa ha il ruolo di confortevole e caldo rifugio dalle intemperie esterne, ma presto si rivela una trappola. Non in tutti i racconti è così, ma è certo che questa svolge un ruolo importantissimo in ognuno di essi, perchè le sue stesse mura proteggono ciò che non dovrebbe essere e che non sarà mai svelato.

    Dopo un rapido tratteggio dei protagonisti delle vicende ci si trova quasi immediatamente di fronte all'anomalia. Ma non è mai una manifestazione eclatante. Non ci sono presenze... il mistero è nell'assenza...

    In fondo allo stomaco sentiamo che, come direbbe Stephen King, "qui c'è qualcosa di terribilmente... sbagliato..." .

  2. #2
    +Dreamer+ Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    3704
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Sarà che preferisco fantasmi più rumorosi e inquieti o che la mia fantasia con l'età si è sbriciolata, ma questo non detto, questo voluto silenzio, questi velati sussurri di defunti non mi hanno lasciata completamente soddisfatta. Per carità, lo stile dell'autrice è raffinato e suggestivo ma preferisco qualcosa di più inquietante, diciamo meno nebbia e più sostanza.
    n.b. data la tua bella recensione, però, mi è venuta voglia di riprenderlo in mano, magari cambio parere.

Discussioni simili

  1. Wharton, Edith - L'età dell'innocenza
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 08-22-2015, 03:23 AM
  2. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 02-06-2011, 03:30 PM
  3. Highsmith, Patricia - Diario di Edith
    Da Camille nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 10-15-2010, 02:04 PM
  4. Montalban, Manuel Vazquez - Storie di fantasmi
    Da Cold Deep nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-25-2009, 09:01 AM
  5. Wharton, Edith - Il sonno del crepuscolo
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-08-2007, 01:32 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •