Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il sogno del celta

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Vargas Llosa, Mario - Il sogno del celta

  1. #1

    Predefinito Vargas Llosa, Mario - Il sogno del celta

    Non avevo mai letto nulla di questo Premio Nobel. Dovrò rifarmi.
    Assolutamente imperdibile.
    La denuncia più acuta del Colonialismo europeo, il coraggio di un uomo solo, il pregiudizio utilizzato come arma distruttiva.
    Ho trovato meravigliosa la parte dedicata al Congo.

    Mancava questo frammento di perla per assaggiare il gusto distintivo della bassezza umana.
    Chapeau.
    Ultima modifica di elisa; 11-20-2013 alle 08:04 PM. Motivo: format titolo

  2. #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13811
    Thanks Thanks Given 
    763
    Thanks Thanks Received 
    533
    Thanked in
    393 Posts

    Predefinito

    Io invece di questo autore avevo avuto modo di leggere e apprezzare già un paio di romanzi e qualche racconto.

    La storia qui descritta è la vita romanzata dell'irlandese Roger Casement dal 1903 al 1916 che fu dapprima console britannico e poi patriota per l'indipendenza dell'Irlanda. Trascorse molti anni (20 se ricordo bene) in Congo per conto dell'Inghilterra che voleva far controllare come venivano trattati gli schiavi impiegati nella raccolta del caucciù. Qui e anche in Amazzonia, Casement si rese conto della malvagità umana e degli spaventosi delitti che venivano compiuti, quindi denunciò lo sfruttamento che gli occidentali perpetravano sui nativi del luogo.
    Da tutto ciò che vide nacque in lui l'idea che anche la sua patria, l'Irlanda, avesse bisogno di essere liberata dal giogo dell'Inghilterra per ottenere la libertà che desiderava.
    Il libro si conclude con la condanna a morte di Casement che fu accusato di tradimento, avendo preso accordi con la Germania, nemica dell'Inghilterra (alla quale però era ancora unita l'Irlanda), per ricevere aiuto durante la rivoluzione (prendendo spunto dal motto "il nemico del mio nemico, è mio amico").
    Questo personaggio è stato per lungo tempo dimenticato e non si sa ancora bene se la campagna di diffamazione del governo inglese contro di lui sia stata creata "ad hoc" (attraverso i diari che avrebbe scritto con le descrizioni dei rapporti omosessuali,soprattutto occasionali, ma anche d'amore, avuti con indigeni e non). Vargas Llosa crede che la maggior parte dei racconti sia esagerata e inventata da Roger stesso per soccombere alla mancanza di vere relazioni e io concordo con lui.
    La lettura è stata intensa, ma è stato anche faticoso portare a termine questo libro, il resoconto di tutte le sevizie fatte agli schiavi spesso è stato difficile da sopportare, ma è importante conoscere ciò che è successo; poi la parte della rivoluzione irlandese l'ho apprezzata molto, la presenza delle donne mi ha fatto pensare alle nostre staffette partigiane, anche se mi è dispiaciuto per la sua fine che comunque era già chiara dalle prime pagine.
    E' stato piacevole leggere della sua amicizia con Alice e le altre persone (di cui ora non ricordo i nomi) incontrate durante la sua vita e con i vari frati e missionari cattolici (lui fu battezzato dalla mamma di nascosto, perché la famiglia paterna era protestante), nonostante io non sia praticante (e forse neppure credente, perché ragiono troppo*).

    Niente è soltanto bianco o soltanto nero, mio caro - aggiunse Alice.- Neppure in una causa così giusta. Anche qui ci sono dei grigiori torbidi che offuscano tutto.

    *Quando si tratta di Dio, bisogna credere, non ragionare - diceva Herbert.- Se ragioni, Dio scompare come una voluta di fumo.

    P.s. scusate la recensione confusa, ma l'ho scritta di getto (cosa insolita per me)

  3. #3

    Predefinito

    Bello, riuscito e duro romanzo (o biografia romanzata) di Casement. Da leggere assolutamente la parte riguardante il colonialismo europeo.
    Unico neo la forse eccessiva lunghezza, ma un libro da leggere.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2900
    Thanks Thanks Given 
    25
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    Ce l'ho ! In lingua originale comprato ad Arequipa, città in cui è nato l'autore ed in cui c'è una bellissima biblioteca in suo onore.
    Ne ho letto appena poche pagine ma già sembra molto interessante.
    Ultima modifica di elesupertramp; 03-02-2015 alle 04:12 PM.

Discussioni simili

  1. Vargas Llosa, Mario - Avventure della ragazza cattiva
    Da elesupertramp nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 07-16-2017, 06:14 PM
  2. Vargas Llosa, Mario - Il paradiso è altrove
    Da lettore marcovaldo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 07-09-2016, 03:22 PM
  3. Vargas Llosa, Mario - La zia Julia e lo scribacchino
    Da fernycip nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 08-27-2014, 11:20 AM
  4. Vargas Llosa, Mario - Chi ha ucciso Palomino Molero ?
    Da lettore marcovaldo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 07-20-2011, 03:22 PM
  5. Risposte: 62
    Ultimo messaggio: 01-15-2011, 08:46 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •