Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Un infinito numero

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Vassalli, Sebastiano - Un infinito numero

  1. #1

    Predefinito Vassalli, Sebastiano - Un infinito numero

    Il libro, ambientato al tempo del principato augusteo, narra di un viaggio compiuto in Etruria da Mecenate, Virgilio e il suo schiavo greco Timodemo. I tre, accompagnati da due etere greche, le sorelle Tecmessa e Ninfa, sono mossi dall'intento di svelare il mistero delle origini di Roma e il valore della scrittura presso i Rasna, interrogandosi sul perché una civiltà così evoluta, che conosceva e padroneggiava la scrittura, non abbia lasciato alcuna traccia di sé in opere scritte.

    In generale penso che questo sia un libro valido, abbastanza ben strutturato.Lo stile risulta nel complesso scorrevole, benchè spesso tenda quasi ad essere eccessivamente lineare e monoto;le vicende comunque si susseguono con scioltezza, coinvolegendo il lettore. L'unica parte che mia ha lasciata alquanto perplessa è quella finale: la narrazione diventa decisamente meno chiara, quasi confusionaria, e le vicende appaiono spesso inverosimili.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4348
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    733
    Thanks Thanks Received 
    453
    Thanked in
    308 Posts

    Predefinito

    Un libro infinitamente noioso. La trama è esilissima, il messaggio quasi inesistente, i personaggi appena abbozzati. Non c'è nulla che tanga legato il lettore, se non la scelta di voler arrivare fino in fondo a tutti i costi. Ho individuato anche errori storici banalotti: uno dei personaggi ad un certo punto afferma che il numero tredici porta sfortuna, peccato che questa superstizione nasca con il cristianesimo (durante l'Ultima Cena i commensali erano tredici, appunto) e la vicenda narrata si svolga in epoca precristiana.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Vassalli, Sebastiano - La chimera
    Da dany nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 07-30-2017, 09:50 PM
  2. Nove, Aldo - Amore mio infinito
    Da El_tipo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 12-10-2011, 07:58 PM
  3. Un attimo di infinito
    Da Fabio nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 03-21-2011, 12:25 PM
  4. Del Piombo, Sebastiano
    Da Masetto nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-19-2008, 10:59 AM
  5. Il numero del Diavolo
    Da bludemon nel forum Salotto letterario
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 06-05-2007, 11:43 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •