Primi anni sessanta a Makarska, piccola cittadina di mare in Croazia. Luka, cinque anni, vede arrivare la nuova compagna di scuola. I capelli neri, lunghi e ondulati. Una borsa a righe bianche e blu. Il sorriso aperto. Non riesce a staccarle gli occhi di dosso. Intanto Dora varca speranzosa la soglia della classe e si guarda attorno. Un bimbo grande la osserva: è il suo principe, ne è sicura. Da quel momento Dora e Luka diventano inseparabili. Non esistono altri bambini, amici, passatempi. Solo una distesa infinita di giorni trascorsi insieme sul loro scoglio a osservare le nuvole, a parlare e sognare. Finché, un settembre, la famiglia di Dora si trasferisce in Francia e l'idillio si spezza. Sedici anni dopo, il destino regala a Dora e Luka un'altra chance: inaspettatamente si incontrano a Parigi. Sono cresciuti, ma nulla è cambiato e il loro amore ora diventa adulto, carnale, assoluto. Eppure qualcosa spinge Luka a fuggire... Dalla Croazia alla Francia, dal porto di Makarska ai teatri di Parigi, con una scrittura ipnotica e potente Natasa Dragnic´ racconta la storia d'amore fuori dal tempo di due anime indissolubilmente legate. Una passione fatta di baci che sanno di acqua salata. Di respiri, luci, colori. Di addii e ricongiungimenti. Una storia unica eppure universale, semplice e travolgente come le parole con cui è narrata.

Dalle varie recensioni positive lette ho iniziato, carica di aspettative, la lettura di questo libro; pagina dopo pagina mi sono però accorta della totale banalità del romanzo. La storia, benchè comunque abbastanza scontata, poteva essere resa decisamente meglio dall'autrice, che invece usa uno stile piatto e monotono: la lettura risulta quindi poco intrigante, anzi, addirittura noiosa per la mancanza di contenuti da ogni punto di vista. I personaggi non sono minimamente tracciati dal punto di vista psicologico, e l'ambiente è descritto superficialmente, con poche espressioni che continuano a ripetersi... altro che stile ipnotico e trama travolgente.