Da IBS:
Un giovane avvocato, dopo aver abilmente orchestrato la sua finta morte, è sparito con novanta milioni di dollari e con una massa di prove e documenti che potrebbero smascherare un importante caso di corruzione ai vertici dello stato. FBI e detective privati, uomini di legge e nemici che lo vogliono davvero morto, sono da tempo sulle sue tracce, e quando viene finalmente catturato, si scatena una battaglia senza esclusione di colpi, in cui è la legge lo strumento per nascondere le proprie colpe e l'arma per uccidere.

Trama inverosimile dall'inizio alla fine, nessun vero colpo di scena, una ridda di personaggi messi lì per "allungare il brodo"... Se la scrittura è gradevole, anche la vicenda, in libri come questi, dovrebbe avere una sua importanza. Non conosco Grisham, ma suppongo abbia scritto di meglio.
Voto: 2/5