La vicenda si svolge nel corso del settimo anno della guerra di Troia. La tragedia non ha un andamento propriamente lineare, ma tende a seguire parallelamente più vicende che si svolgono nella città di Troia e nel campo dei Greci, assistiamo così all'amore tra Troilo, figlio di Priamo, e Cressida , al forte senso del'onore e della difesa della Patria di Ettore, ai contrasti nel campo dei Greci tra Achille e altri comandanti.
Cressida verrà ceduta, in una sorta di scambio per riscattare un prigioniero troiano, ai Greci dove ben presto si consolerà tra le braccia di Diomede , mentre la tragedia si concluderà con la morte d Ettore.
Personalmente non è tra le tragedie del Bardo che ho preferito, anzi forse l' ho trovata tra le più inutili. I personaggi, Ettore a parte, non sono perfettamente definiti e la trama così poco lineare finisce per rendere incomplete tutte le storie che si sviluppano.