Continuano le vicende di John Rain, che in questo terzo episodio si trova a collaborare con la Cia, con un vecchio commilitone del tempi del Vietnam e con un'imprevedibile partner...
Sempre appassionanti i romanzi di Eisler, leggeri, forse a tratti un po' ripetitivi (ormai conosco a memoria le manovre di controsorveglianza di John Rain!), ma sempre molto coinvolgenti!

"John Rain, killer di professione, non pu˛ dire di no alla CIA. Aveva deciso di chiudere con la morte ed era fuggito in Brasile per far perdere le proprie tracce. Ma la sua abilitÓ nel mascherare gli omicidi da morti naturali e la capacitÓ di agire inosservato sullo scenario asiatico l'hanno reso indispensabile. L'incarico Ŕ di quelli che scottano, ad altissimo rischio: eliminare Achille Belghazi, spieiato trafficante d'armi, implicato nel terrorismo islamico in Medio Oriente. Ancora una volta, dalle luci scintillanti dei casin˛ di Macao ai vicoli bui di Hong Kong, Rain diventa la pedina di un gioco troppo insidioso, dove il confine tra cacciatore e preda Ŕ sottile e pericoloso."