Celestino Cuccoli è uno "zitello" dolce e pacioso, non privo di una sottile vena di follia: reduce da un amore giovanile conclusosi con la morte della fidanzata, si è chiuso in una vita casta e claustrale. Ma ecco morderlo il desiderio di avere figli, e ne adotta ben 4 in un orfanotrofio. Li ama, li tratta come principi dilapidando un patrimonio, incurante di non essere ricambiato. Anzi: verrà derubato e ferito. Ma gli anni passano, e finalmente l'incondizionata generosità di Celestino viene premiata con l'affetto dei ragazzi ormai cresciuti e soprattutto con la miracolosa illusione di un nuovo amore. Sulla soglia dei settant'anni, infatti, il protagonista si infatua di una giovane ventenne che, colpita dal suo candore, lo ricambia. E proprio nel giorno delle nozze l'anziano Celestino muore felice.

Bellissimo libro di Palazzeschi, che con la sua ironia fa sempre divertire. Non è ai livelli delle Sorelle Materassi, ma sicuramente da leggere!