Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarÓ pi¨ veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Libri recensiti su forumlibri di questo autore:

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 37

Discussione: Kundera, Milan

  1. #1
    b
    Data registrazione
    Nov 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    2828
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Kundera, Milan

    Bibliografia:

    - L'Uomo Ŕ un grande giardino (poesia);
    - Monolighi (poesia);

    - I Proprietari delle chiavi (teatro);
    - Jacques e il suo padrone (teatro);

    - Amori Ridicoli (antologia);
    - Lo Scherzo (romanzo);
    - La Vita Ŕ altrove (romanzo);
    - Il Valzer degli addii (romanzo);
    - Il Libro del riso e dell'obl├Čo (romanzo);
    - L'Insostenibile leggerezza dell'essere (romanzo);
    - L'Immortalit├* (romanzo);
    - La Lentezza (romanzo);
    - L'Identit├* (romanzo);
    - L'Ignoranza (romanzo);

    - L'Arte del romanzo (saggio);
    - Il Sipario (saggio);
    - I Testamenti traditi (saggio);


    Biografia:

    Milan Kundera Ŕ nato a Brno, nell'attuale repubblica Ceca il giorno 1 aprile 1929. Suo padre Ludvik era un pianista e lo stesso Kundera da giovane Ŕ stato per un breve periodo un musicista jazz. D'altronde, la cultura musicale Ŕ sempre stata presente nella sua riflessione e nella sua formazione, avendo studiato sia filosofia che musica a Praga. Si Ŕ per˛ laureato nel 1958 presso la facolt├* di arti cinematografiche "AMU" dove ha insegnato successivamente letteratura mondiale.

    Iscritto, da studente, due volte al partito comunista, nel '48 fu espulso a causa delle sue idee che non seguivano le linee ufficiali del partito. Inoltre, la sua partecipazione al movimento di riforma della "Primavera di Praga" gli cost˛ la cittadinanza cecoslovacca e il licenziamento. Espulso dal suo Paese, si Ŕ trasferito in Francia, dove ha insegnato all'Universit├* di Rennes e a Parigi, dove tuttora vive e lavora. Ha comunque continuato a scrivere in ceco (a parte gli ultimissimi romanzi), nonostante che le sue opere fossero proibite in patria, fino al crollo del regime filo-sovietico.

    Negli anni della sua formazione, comunque, prima di dedicarsi alla letteratura e al cinema, lavor˛ anche da manovale. Gi├* negli anni Cinquanta aveva scritto alcune raccolte di poesie, ma ottenne vasto successo con la serie di racconti "Amori ridicoli" (1963, 1964), straordinari per l'ironia corrosiva (anche nei confronti del regime), e la capacit├* di sviluppare le storie in circoncentrici paradossi.


    Nel '62 debutta invece come drammaturgo con "I proprietari delle chiavi", ambientato nel periodo dell'occupazione nazi-fascista. Del 1967 Ŕ il suo primo romanzo, il potente "Lo scherzo", satira dolorosa della realt├* cecoslovacca negli anni del culto della personalit├* stalinista. La pubblicazione del romanzo fu uno degli eventi letterari della cosiddetta Primavere di Praga del '68 e il libro vinse anche il premio dell'Unione Scrittori Cechi.

    Dopo esordi cos├Č promettenti, Kundera ha pubblicato altri bellissimi romanzi, rinvigorendo con la sua prosa la pi¨ alta tradizione del romanzo europeo, in specie con l'invenzione tutta kunderiana del saggio-romanzo, consistente appunto in una mescolanza, in una sorta di ibrido della forma saggio con la forma romanzo (di cui si ha un esempio vertiginoso nel "L'immortalit├*").

    Sul piano letterario, questa ibridazione porta l'autore ceco a costellare i suoi romanzi di riflessioni e ricognizioni filosofiche davvero sorprendenti e profonde. Fra gli altri suoi libri, si ricordano: "La vita Ŕ altrove", (Premio Medicis come miglior libro straniero pubblicato in Francia), "Il valzer degli addii", "Il libro del riso e dell'obl├Čo" e soprattutto il romanzo a cui il suo nome Ŕ pi¨ legato "L'insostenibile leggerezza dell'essere", in cui si fondono mirabilmente storia, autobiografia e intrecci sentimentali. Questo libro, forse anche grazie al suo titolo particolarmente azzeccato ed evocativo, gli ha conferito un'ampia popolarit├*, testimoniata anche da una, poco riuscita, riduzione cinematografica.

    Nel 1981 Milan Kundera ha vinto il Commonwealth Award per la carriera insieme con Tennesee Williams. Ha anche ricevuto il premio Mondello per il testo teatrale "Jaques e il suo padrone" e il Jerusalem Prix.
    Come critico e saggista, ha contribuito a diffondere la cultura e gli autori pi¨ interessanti del suo paese nell'occidente europeo.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    1120
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    uno dei massimi scrittori viventi secondo me...l'insostenibile leggerezza dell'essere Ŕ un libro straordinario...consiglio anche il bellissimo lo scherzo

  3. #3
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18804
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    230
    Thanks Thanks Received 
    635
    Thanked in
    380 Posts

    Predefinito

    L'insostenibile leggerezza dell'essere Ŕ da leggere, oramai un classico. Anche io ho letto Lo scherzo, molto bello sicuramente.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Palermo
    Messaggi
    2599
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    io ho letto l'immortalit├* e mi Ŕ piaciuto pi¨ dell'insostenibile leggerezza dell'essere ....

  5. #5
    b
    Data registrazione
    Nov 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    2828
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Anche secondo l'insostenibile leggerezza dell'essere Ŕ perfetto.
    Il mio preferito per˛ Ŕ Amori Ridicoli, lo consiglio.

  6. #6

    Predefinito

    anche a me piace molto...uno dei miei preferiti Ŕ il valzer dagli addii...ma consiglio anche la lentezza!!

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Palermo
    Messaggi
    2599
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    aggiungete quelli che mancano nella piccola libreria...cos├Č mi faccio un idea su quelli che mi mancano???!!!

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    202
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    L'insostenibile leggerezza dell'essere l'ho letto quando avevo circa 15 anni e non mi Ŕ piaciuto.
    Che sia per quello????

  9. #9
    b
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    419
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Anche io ho letto l'insostenible leggerezza dell'essere 4 anni fa e non mi ha lasciato nulla

  10. #10

    Predefinito

    conosco molta gente a cui ha fatto lo stesso effetto...mi sono fata l'idea che Ŕ un libro strano...che o ti lascia molto o proprio nulla!!!

  11. #11
    Member
    Data registrazione
    Nov 2007
    Località
    napoli
    Messaggi
    84
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    io ho letto l'immortalit├* e mi Ŕ piaciuto pi¨ dell'insostenibile leggerezza dell'essere ....
    Sono pienamente daccordo con te Candy Candy!!!!!

  12. #12

    Predefinito kundera

    Rag├* sono tutti belli, i saggi sono impegnativi ma attraverso questi si arriva a capire il suo spessore culturale .

  13. #13
    b
    Data registrazione
    Apr 2008
    Località
    Iperuranio/Urania
    Messaggi
    648
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    "L'identit├*" Ŕ bellisssimo, anche la "Vita Ŕ altrove" non Ŕ da meno...
    Per capire Kundera secondo me, bisogna leggere anche Kafka specialmente: "Il processo" e il "Il castello"...
    Anche "La metamorfosi" Ŕ da leggere...Ŕ un classico...

  14. #14
    b
    Data registrazione
    Nov 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    2828
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Eppure L'Identit├* Ŕ quello che mi Ŕ piaciuto meno.

  15. #15
    b
    Data registrazione
    Apr 2008
    Località
    Iperuranio/Urania
    Messaggi
    648
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    come mai?

Discussioni simili

  1. Kundera, Milan - L'Insostenibile Leggerezza dell'Essere
    Da Minnie nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 79
    Ultimo messaggio: 10-10-2016, 09:16 PM
  2. Kundera, Milan - La lentezza
    Da non_so_dove_volare nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 04-17-2014, 04:52 PM
  3. Kundera, Milan - Amori Ridicoli
    Da Darkay nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 02-09-2014, 05:01 PM
  4. Kundera, Milan - L'immortalitÓ
    Da polly nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 06-18-2012, 03:45 PM
  5. Kundera, Milan - L'identitÓ
    Da non_so_dove_volare nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 10-20-2009, 08:11 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •