Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La Vita di Galileo

Mostra risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: Brecht, Bertolt - La Vita di Galileo

  1. #1
    b
    Data registrazione
    Nov 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    2828
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Brecht, Bertolt - La Vita di Galileo

    La Vita di Galileo (in tedesco: Leben des Galilei) è un'opera teatrale di Bertolt Brecht, di cui esistono numerose versioni e revisioni. Le principali (versione danese, versione statunitense e versione berlinese) risalgono rispettivamente agli anni 1938/39, 1943-45 e 1956. L'opera si concentra sulla vita di Galileo Galilei, con particolare attenzione al processo dell'inquisizione e all'abiura dello scienziato.
    Una fra le più importanti opere per capire a pieno la cultura del nostro secolo, il XX, appena scorso fra grandi guerre mondiali, totalitarismi multicolore e neocapitalismo, è sicuramente Vita di Galileo, scritto da Bertolt Brecht. La commedia trova luce intorno al 1938-1939 e tratta della vita del grande scienziato pisano, dall'invenzione del cannocchiale, alla scoperta dei satelliti di Giove, fino al processo istituito dal Sant'Uffizio, al suo atto di abiura e agli ultimi anni della vecchiaia. Sicuramente dissonante da quella tramandataci dagli storici, qui la figura di Galileo Galilei assume caratteri più umani, mettendone in evidenza paure, timori e incertezze, delineando un uomo logorato dalla voglia di combattere e cedere di fronte al potere.
    A Galileo Galilei la tradizione attribuisce innumerevoli intuizioni, soprattutto in campo astronomico, quali le montagne della Luna, la scoperta della macchie solari, i satelliti di Giove, gli anelli di Saturno, le fasi di Venere e l'intuizione della presenza di un ulteriore corpo celeste al di la di Saturno, ovvero Nettuno. Inoltre la sua figura riveste fondamentale importanza dato che fu fra i primi a contribuire allo sviluppo e alla diffusione della teoria copernicana basata sull'eliocentrismo; in opposizione al non opinabile geocentrismo professato sia da Platone sia da Aristotele, in quanto, rivestiti i due filosofi da grande considerazione dalla Chiesa cattolica, rappresentava una perfetta giustificazione alla grandezza di Dio e l'esistenza della figura di Dio Creatore. La Terra, in quanto creazione di Dio, doveva rappresentare il centro di tutto l'universo, pianeta "prescelto" e "superiore" rispetto ad una stella o ad un altro corpo celeste.

    Al di là delle faccende personale narrate nel dramma, Brecht focalizza la sua attenzione sul rapporto tra la ricerca scientifica e il potere, e, ampliando gli orizzonti, il rapporto lacerante e tutt'oggi lacerato che si interpone fra la cultura nascente e la cultura del potere.

    Ciò che fece la sfortuna di Galileo, all'epoca, era la sua mentalità diversa, basata su un metodo scientifico. Due linguaggi diversi: il primo, quello di Galilei, basato sull'empirismo, quale pilastro fondamentale e colonna portante del metodo scientifico, sullo studio del particolare fenomeno dal quale formulare una legge universale; il secondo, quello convenzionale dell'epoca, basato su dogmi della fede e della Chiesa.

    Fondamentalmente, la ottusità dellìInquisizione appare superiore alla cecità fisica del nostro pisano, e, per questo, nonostante la sua fede negli uomini e nella loro ragione, sarà sconfitto dallìauctoritas della Chiesa e delle teorie tolemaico-aristoteliche, condannato alla pena di morte nel 1633, pena tramutata in isolamento forzato grazie all'abiura delle sue tesi.

    La sconfitta della scienza coincide con la stessa vittoria: Galileo soccombe al Santo Uffizio ma allo stesso tempo gli è concesso di vivere quel poco che basta per portare avanti innumerevoli altri studi, nel campo della fisica e della dinamica.

    Inserendo in terza lettura questo dramma, cioè nel suo contesto storico, possiamo capire quanto sia intriso di verve sarcastica e pungente questa opera del drammaturgo tedesco, edita in un prima stesura nel 1938, dato che gli importanti progressi che la scienza compie in questo periodo (scissione dell'atomo, nascita della balistica applicata), vengono utilizzati dai governi mondiali a fini bellici. Rimane fondamentalmente uno il messaggio che Brecht vuole far arrivare: la scienza deve risultare libera da ogni cappio ideologico e politico e deve essere strumento di progresso degli uomini e non fonte della loro distruzione.
    Ultima modifica di elisa; 03-30-2009 alle 04:29 PM. Motivo: correzione caratteri

  2. #2

    Predefinito

    E' stata una lettura obbligata ma piacevole!

  3. #3
    Knight Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Palermo
    Messaggi
    1206
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Sembra interessante!!

  4. #4
    Charmed Member
    Data registrazione
    Jun 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    2653
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Una bella opera io l'ho letta a scuola ricordo che mi era piaciuta.

  5. #5
    Leghorn Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Livorno
    Messaggi
    788
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Anche io ho letto questo testo ai tempi della scuola però non ricordo se su indicazione dei prof o meno ... lettura piacevole e interessante !!!!!!!!!!

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    1120
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    uno dei vertici del teatro europeo del 900 un atto d'accusa contro tutte le vessazioni alla libertà di pensiero..da vedere assolutamente a teatro,se poi ci aggiungete madre coraggio è ancora meglio!
    Ultima modifica di elisa; 03-30-2009 alle 04:29 PM. Motivo: correzione caratteri

  7. #7
    Moderator
    Data registrazione
    May 2008
    Località
    Como
    Messaggi
    2583
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    anche io l'ho letto a scuola...non mi aveva entusiasmata più di tanto..forse perchè letto sotto obbligo scolastico!!!

  8. #8

    Predefinito

    Come molti, mi fu imposto l'anno scorso per la scuola...e quindi mi aspettavo al peggio...

    e invece no, mi stupì piacevolmente

    Un libro veramente interessante..

    e poi, è un'opera teatrale!

  9. #9
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Mi interessa molto l'argomento, lo metto in lista

  10. #10
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18781
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    615
    Thanked in
    362 Posts

    Predefinito

    Vita di Galileo negli anni 80 era una lettura obbligata, fortunatamente i contenuti di questa opera sono altissimi.
    Sicuramente ha lasciato un segno indelebile sulla figura di Galileo

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Darkay Vedi messaggio
    Rimane fondamentalmente uno il messaggio che Brecht vuole far arrivare: la scienza deve essere strumento di progresso degli uomini e non fonte della loro distruzione.
    Giusto. E perciò gli scienziati stessi, ci dice Brecht, devono essere "impegnati", cioè più ancora che pensare a far nuove scoperte, devono far di tutto per assicurarsi che queste scoperte portino un bene all'umanità. Per esempio un fisico deve rifiutarsi di lavorare per una dittatura, anche se lui si occupa solo di fisica. Insomma per Brecht la scienza da sola non basta a giustificare se stessa, perchè il suo vero scopo è il bene dell'uomo.

  12. #12
    Tolkien Society Member
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    The Shire-Hobbiton-Underhill
    Messaggi
    257
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Libro che ho letto per obbligo scolastico, ma come per i Promessi sposi, mi piacque molto. Dovrei rileggerlo.

  13. #13

    Post

    Una delle dimostrazioni, pagata a caro prezzo da uno dei più importanti scienziati, di come sia stata ristretta la visione di una chiesa basata su fermi dogmi.

Discussioni simili

  1. Martel, Yann - Vita di Pi
    Da @books@ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 01-24-2017, 02:58 PM
  2. Mazzucco, Melania - Vita
    Da cjale nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 06-26-2015, 09:46 PM
  3. Vreeland, Susan - La vita moderna
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 04-14-2009, 10:25 AM
  4. Un giorno nella vita
    Da andreapilotti nel forum Amici
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 08-17-2007, 05:24 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •