Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

22 / 11 / '63

Pagina 2 di 2 PrimoPrimo 12
Mostra risultati da 16 a 22 di 22

Discussione: King, Stephen - 22 / 11 / '63

  1. #16
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2015
    Località
    surana city
    Messaggi
    904
    Thanks Thanks Given 
    45
    Thanks Thanks Received 
    65
    Thanked in
    42 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da velmez Vedi messaggio
    non ho mai letto nulla di King... ma con il telefilm appena uscito... quasi quasi ci faccio un pensierino!
    Io adoro king.questo te lo consiglio.ma ti consiglio anche l ombra dello scorpione e shining.prova secondo me ne vale la pena!
    Tra l altro come sempre mille volte meglio il libro,in questo caso rispetto alla serie TV

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #17
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    7171
    Thanks Thanks Given 
    102
    Thanks Thanks Received 
    195
    Thanked in
    148 Posts

    Predefinito

    Finalmente, dopo essere incappata in un paio di raccolte di racconti che lasciavano alquanto a desiderare, ho ritrovato King!!
    Davvero un bel romanzo, suspance giusta, niente horror nel vero senso della parola, ritmo abbastanza incalzante che ti fa dimenticare che ci sono quasi 700 pagine da leggere
    La storia in se mi è piaciuta, comprensiva questa volta, di lato "romantico" ... la decisione finale di Jake (che non svelo) è quella giusta.
    Consigliato

  • #18
    Pensatore silenzioso
    Data registrazione
    Apr 2014
    Località
    Ovunque... basta che ci sia il mio cane accanto.
    Messaggi
    1680
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    195
    Thanks Thanks Received 
    250
    Thanked in
    149 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da isola74 Vedi messaggio
    Finalmente, dopo essere incappata in un paio di raccolte di racconti che lasciavano alquanto a desiderare, ho ritrovato King!!
    Davvero un bel romanzo, suspance giusta, niente horror nel vero senso della parola, ritmo abbastanza incalzante che ti fa dimenticare che ci sono quasi 700 pagine da leggere
    La storia in se mi è piaciuta, comprensiva questa volta, di lato "romantico" ... la decisione finale di Jake (che non svelo) è quella giusta.
    Consigliato
    Voto? Hai votato?

  • #19
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    12311
    Thanks Thanks Given 
    810
    Thanks Thanks Received 
    1155
    Thanked in
    536 Posts

    Predefinito

    COPIO E INCOLLO DAL MINIGDL

    Bello, molto bello. un King "inedito" per noi appassionati, per niente truculento o spaventoso (a parte alcuni passaggi all'inizio) ma più "riflessivo" a tratti addirittura romantico, ci fa riflettere su una domanda che, forse, almeno tutti una volta nella vita ci siamo posti "Se potessi tornare indietro nel tempo cambierei le cose o le lascerei scorrere stando a guardare?". La risposta di King prende spunto dal famoso "effetto farfalla" (una farfalla batte le ali a Pechino e dall'altra parte del mondo arriva l'uragano) e ci suggerisce, a modo suo, che forse, per quanto dolorose possano essere le conseguenze il passato è meglio lasciarlo così com'è.
    Concordo con Isola sul fatto che la decisione finale di Jake è la più giusta. Le ultime pagine, a questo proposito, sono molto dolci, ripeto, non sembra di leggere King.
    Consiglio questa lettura anche a chi vuole avvicinarsi al nostro ragazzone del Maine per la prima volta ma teme la proverbiale "prolissità" o non ama i racconti horror o splatter. Voto 4/5

  • #20
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1436
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    723
    Thanks Thanks Received 
    597
    Thanked in
    383 Posts

    Predefinito

    Chi di noi, di fronte ad un evento triste o sconvolgente, non ha detto o pensato frasi come “Ah, se potessi cambiare il passato”, “Ah, se potessi tornare indietro nel tempo” o “Ah, come vorrei cambiare il mondo”… Il giovane professore di inglese Jake Epping, un matrimonio con una moglie alcolista alle spalle ed un bel po’ di tempo a disposizione per il futuro, ha questa possibilità. Il suo amico Al Templeton, in fin di vita per un tumore ai polmoni, gli mostra un modo per viaggiare nel tempo e gli affida una missione: fermare Lee Harvey Oswald, l’uomo che il 22/11/63 sparò al presidente J. F. Kennedy a Dallas. Per farlo, però, Jake dovrà trascorrere alcuni anni nel passato e costruirsi una nuova vita, così incontrerà nuove persone, alcune delle quali, come Sadie, diventeranno molto importanti per lui. Ma il passato ritrova sempre se stesso e non vuole essere cambiato, perciò combatterà contro ogni cambiamento che Jake cercherà di operare. Ogni azione di Jake corrisponde ad una reazione in qualche parte del mondo, a qualche cambiamento che inesorabilmente gli si ritorcerà contro… perciò salvare Kennedy comporterà più di una rinuncia.
    In questo lungo thriller in bilico tra passato e futuro, troviamo un King in splendida forma che ci conduce con guida esperta nel passato, mostrandoci che il cambiamento che tutti aneliamo potrebbe portare a conseguenze inattese e forse molto peggiori di ciò che abbiamo cambiato. E’ questo, infondo, il messaggio del libro, al di là di Kennedy e di Oswald. La storia in sé poggia sul falso presupposto che si possa tornare indietro nel tempo e cambiare ciò che non ci piace, quindi potrebbe risultare inverosimile. Ma se si superano le perplessità iniziali e si prende la storia per quello che è, una mera simulazione di un viaggio spazio-temporale, tutto risulterà più realistico e, ve l’assicuro, veramente godibile. Non si potrà, con l’andare della trama, non affezionarsi sempre di più a Jake ed ai tanti protagonisti di questa storia strampalata, ma assolutamente gradevole. E poi, diciamocelo: la maestria di King nel raccontare la quotidianità con precisione chirurgica vale da sola il prezzo del biglietto.
    Lettura consigliata, a patto che, lo ripeto, si superi il pregiudizio verso una storia non reale, ma appena verosimile.

  • #21
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2016
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    259
    Thanks Thanks Given 
    52
    Thanks Thanks Received 
    63
    Thanked in
    47 Posts

    Predefinito Uau

    Commento finale dopo la lettura: UAU!!
    E' si un bel mattoncino a livello di numero di pagine, ma la mole non si sente per nulla durante la lettura. Scorre veloce, scritto molto bene, la storia ti tiene incollata alle pagine fino alla fine. E che finale: col botto! Sicuramente non mi aspettavo un finale del genere, ma ora che l'ho letto non riesco ad immaginarne uno diverso.
    Non ho ancora guardato il telefilm, ma il libro lo consiglio sicuramente.

  • #22
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Firenze
    Messaggi
    991
    Thanks Thanks Given 
    76
    Thanks Thanks Received 
    102
    Thanked in
    75 Posts

    Predefinito

    Ok, mi spiace ma sarò la voce fuori dal coro in mezzo a tutte queste entusiastiche recensioni.
    Ma farò alcune premesse per spiegare meglio le mie ragioni.
    Prima premessa: non amo il genere King, e per genere intendo non tanto il fatto che possa essere horror, terrore, infarcito di eventi soprannaturali. Per genere intendo il genere di librone “americano”, “americano” nello stile, nell’ambientazione, nelle vicende ecc…
    Seconda premessa: ho in casa la bibliografia completa di Stephen King perché, a parte i gialli di Agata Christie, i libri di King sono quasi gli unici libri che legge mio marito. Essendo una lettrice un po’ arruffata, senza predilezioni di generi precisi, il richiamo di qualcosa di cui si è letto poco prima o poi si fa sentire.
    Terza ed ultima premessa: fra tutti i libri di King fra cui potevo scegliere, ho scelto questo perché per caso sono reduce da varie letture diversamente incentrate sul periodo degli anni Sessanta in generale, fra saggi e romanzi. Mi sembrava quindi interessante aggiungere questa lettura.
    Riconosco che King è un mago nello sviluppare e dare originalità ad un’idea, quella del viaggio nel tempo, che potrebbe diventare di una banalità spaventosa se non fosse trattata con la genialità con cui riesce a trattarla lui in questo libro.
    Bellissimo l’intreccio dei due piani quello più storico universale, in cui si muovono i grandi personaggi pubblici, Kennedy, Oswald, a quello più quotidiano e denso in cui scorrono le vite delle persone comuni che costituisce la vera trama del racconto. Geniale anche come l’intreccio che porta ogni singolo evento a condizionare ed essere condizionato da tutti gli altri, creando una sorta di rete che genera nel lettore un senso di apprensione e claustrofobia.
    Incredibile la scorrevolezza della scrittura di King, meravigliosa, senza mai un intoppo, una sbavatura, una frase che non arriva subito alla piena comprensione.
    Ma il libro è “troppo”. E mi ha fatto nuovamente capire perché non amo questo genere: perché è troppo in tutto.
    Troppo nel dettaglio delle descrizioni, che mi hanno estenuato, troppo nel dettaglio di ogni singolo resoconto di movimento ed emozione del protagonista, troppo nelle decine di personaggi e di storie nelle storie, di “cammei” che non hanno un vero scopo nella narrazione se non quella di esserci ma senza aggiungere niente di che.
    I quattro anni che il protagonista trascorre nel passato per arrivare al fatidico giorno per cui ci è tornato, quello dell’assassinio di Kennedy, mi sono sembrati quattro secoli.
    Così come la scena in cui Jake tenta di sventare l’omicidio di Kennedy, mi è sembrata di una lentezza esasperante, ogni singolo passo è documentato e fotografato da così tante parole che mi è venuta voglia di urlare: “ma che due scatole, sparagli e fine”.
    Fra l’altro trovo che l’abbondanza, direi quasi maniacalità delle descrizioni e la pignola accuratezza delle ambientazioni rendono il libro denso di una serie di riferimenti culturali, musicali, sportivi, televisivi, sociali difficilmente comprensibili ad un lettore non USA.
    Non me ne vogliano quindi gli amanti di King, ammetto che è un limite mio non riuscire ad apprezzare fino in fondo la sua maestria nel narrare.
    Fra l’altro devo ammettere che questa lettura è stata un bel modo di integrare le altre che mi era capitato di fare su quel periodo storico, perché mi ha davvero fatto respirare la quotidianità di quei tempi.
    E non considero un capitolo chiuso per me il mio rapporto con King, sono sicura che prima o poi sentirò nuovamente il richiamo di qualcuno dei suoi libri proveniente dalla libreria di casa perché comunque leggere King è sempre un’esperienza che lascia un segno.

    Francesca

  • Pagina 2 di 2 PrimoPrimo 12

    Discussioni simili

    1. King, Stephen - Cujo
      Da torejx nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 20
      Ultimo messaggio: 01-07-2019, 04:39 PM
    2. King, Stephen - Carrie
      Da ayla nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 23
      Ultimo messaggio: 10-08-2018, 06:38 PM
    3. King, Stephen - It
      Da Pezzo nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 82
      Ultimo messaggio: 11-08-2017, 04:17 PM
    4. King, Stephen
      Da Sir_Dominicus nel forum Autori
      Risposte: 164
      Ultimo messaggio: 07-09-2016, 02:21 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •