Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Madame de Traymès

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Wharton, Edith - Madame de Traymès

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4327
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    722
    Thanks Thanks Received 
    446
    Thanked in
    301 Posts

    Predefinito Wharton, Edith - Madame de Traymès

    La vicenda, ambientata a Parigi, è imperniata sul rapporto tra John Durham, americano, esempio dell'innocenza e del rigore morale caratteristici (secondo l'autrice) dell'etica del Nuovo Mondo, e la corrotta, ambigua e scostante M.me de Traymes. A lei il protagonista si rivolge perché spinga la propria famiglia, francese, nobile e cattolica, ad acconsentira al divorzio tra il cugino di lei e Fanny, la donna di cui Durham è innamorato. Il dissidio morale che nasce nella nobildonna nel corso dell'aperto confronto con il nobile comportamento di John Durham e la sua corruttibilità sono tratteggiati con una incredibile capacità descrittiva dei moti dell'animo umano. Ma quello che l'autrice vuole alla fine sottolineare è la costrizione morale cui sono sottoposte le donne nell' ambito familiare, che le sottopone ai ricatti più atroci pur di mostrare al mondo un aspetto formalmente irreprensibile.

    Un libro interesante e intenso, forse non indimenticabile ma indicativo della mentalità di un'epoca (gli inizi del '900)
    Ultima modifica di elisa; 04-02-2012 alle 08:08 PM. Motivo: rdit titolo

  2. #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13829
    Thanks Thanks Given 
    776
    Thanks Thanks Received 
    546
    Thanked in
    403 Posts

    Predefinito

    L'ho letto in 3 giorni nel minigruppo con Sally,ma non mi ha entusiasmata più di tanto .
    Domani elaborerò un commento alla ricerca del buono che riuscirò a trovarci e sul finale che ho trovato inaspettato ed enigmatico.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5742
    Thanks Thanks Given 
    1126
    Thanks Thanks Received 
    381
    Thanked in
    231 Posts

    Predefinito

    Devo dire che mi è piaciuto subito,e in questo piccolo racconto ho trovato parecchie analogie con L'età dell'innocenza (che non sapevo era della Wharton ),film che ho visto diverse volte,la questione è la stessa:il divorzio da un personaggio blasonato in un'epoca dove il pesante giudizio sociale,l'ipocrisia e la tradizione avrebbero schiacciato chiunque...sembra che questa novella della Wharton coincida con la sua venuta in Europa,precisamente a Parigi,di qui la descrizione così fedele alla realtà dello scontro delle due culture,quella americana e quella europea...mi ha ricordato "Il castello di Canterville" di Oscar Wilde,dove un ricco americano compra un castello infestato dai fantasmi,gli inglesi ne erano spaventati,mentre gli americani finirono per prendere in giro il fantasma,facendolo sentire inadeguato...ih ih ih.
    Concordo con Spilla,sicuramente indicativo di un epoca e di due culture differenti,la vecchia Europa ed il nuovo mondo.

  4. #4
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13829
    Thanks Thanks Given 
    776
    Thanks Thanks Received 
    546
    Thanked in
    403 Posts

    Predefinito

    A me invece non è piaciuto molto.Non posso però dire che non è il mio genere...forse è stato lo stile della scrittrice oppure è stato il momento in cui l'ho letto.
    Comunque mi ha fatto piacere leggerlo insieme a Sally,anche se il minigruppo è stato breve.
    Ora vado a commentare nel mg così evito di svelarvi il finale .

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2292
    Thanks Thanks Given 
    52
    Thanks Thanks Received 
    92
    Thanked in
    68 Posts

    Predefinito

    Un libro che mostra la differenza tra la nuova societá americana ingenua e fiduciosa, e la vecchia Europa più cinica, ambigua e in declino. I protagonisti sono espressione di queste diverse mentalità e dai loro dialoghi vengono fuori, tra modi cortesi e maniere affettate, i rispettivi animi tormentati nello scegliere, ognuno secondo la propria mentalità, il modo di agire.
    Concordo con Spilla, non è certo un libro indimenticabile, ma significativo per conoscere la mentalità dell' epoca.

Discussioni simili

  1. Flaubert, Gustave - Madame Bovary
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 77
    Ultimo messaggio: 09-06-2017, 01:57 PM
  2. Vargas, Fred - La "Madame" in giallo
    Da better57 nel forum Autori
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 07-04-2014, 04:10 PM
  3. Wharton, Edith - Storie di fantasmi
    Da Shoofly nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 06-16-2011, 07:06 PM
  4. Cronenberg, David - Madame Butterfly
    Da El_tipo nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 09-27-2010, 12:45 PM
  5. Madame Chrysanthème - si presenta
    Da Madame Chrysanthème nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 06-09-2010, 05:28 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •