Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La vendetta

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Kristof, Agota - La vendetta

  1. #1
    Junior Member
    Data registrazione
    Dec 2011
    Località
    Bologna
    Messaggi
    28
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Kristof, Agota - La vendetta

    Una raccolta di raccontilampo come pugni nello stomaco, sui reni. Ignorante, rozza e crudele come solo la Krisfof riusciva ad essere. Non c'entra nulla la surrealtà, il sogno, qui è tutto vero.

    Trascrivo il racconto Sorella Line, fratello Lanoé:

    - Sorella Line, vago per le strade, non ho il coraggio di dirtelo, eppure lo sai, sorella, amore mio, le tue labbra, l'orlo delle tue orecchie, sorella Line, per me non ci sono altre donne, soltanto tu, sorella Line, ti ho vista bambina, nuda, senza seni, senza sesso, soltanto le cosce, per il resto eri uguale a me. Sorella Line, gli anni sono passati, impazzisco quando sento le tue cosce stette al mio fianco, il tuo viso impaurito, il labbro tremante di lacrime trattenute. Line, sorella Line. Oggi nella biancheria sporca ho visto le tue mutande macchiate di sangue, sei diventata donna, devo venderti, sorella, oh, sorella Line!
    - Fratello Lanoé, è così che succede? Fratello Lanoé, sei partito stasera. Io sono rimasta sola con il vecchio, e avevo paura perché tu non eri qui. Più tardi il vecchio e la vecchia sono andati a letto. Tu, fratello Lanoé, non sei tornato. Ho aspettato a lungo alla finestra, finché non sei arrivato con un altro uomo. Siete entrati nella mia stanza, tu e lo sconosciuto, e ho fatto tutto quello che hai voluto. Sono una donna, fratello Lanoé, so quel che devo a te e al vecchio, lo faccio volentieri, fratello Lanoé, sono pronta a concedermi a chiunque. Ma tienimi la mano mentre i vecchi dormono, accarezzami i capelli mentre quello mi prende. Amami, Lanoé, fratello, amore mio, oppure annodami una corda al collo.
    Ultima modifica di elisa; 12-13-2011 alle 02:56 PM. Motivo: edit titolo

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2011
    Località
    La piccola Atene
    Messaggi
    118
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Condivido pienamente l'estraneità al surreale, in lei tutto è vero, sin troppo... ti colpisce dentro, come un pugno... ti ferisce.
    I suoi libri e racconti, così come le sue pièces, sono incentrati, sempre, sulle amarezze della vita, i dolori, le delusioni... fonti del suo vissuto.

    Da adoratrice della Kristof, però, non mi ritrovo nel tuo definirla "rozza e ignorante", ma piuttosto userei aggettivi come: cruda, essenziale, incisiva, potente... ed abile come un esperto chirurgo.


    Ne "La vendetta" sono racchiuse 25 piccole perle, in perfetto stile Kristof.
    I racconti che più mi hanno colpita sono, senz'alcun dubbio, "La ruota" e "Il ladro di appartamenti"... di cui trascrivo un breve ma, a mio parere, incisivo passaggio:


    "Chiudete bene la porta. Io arrivo senza rumore, con le mani guantate di nero".
    Vengo solo per alcuni istanti, ma sette sere su sette e in tutte le case senza eccezione.
    Non sono il tipo brutale. E neppure vorace e stupido.
    La mattina, quando vi svegliate, contate i vostri soldi, i gioielli, non mancherà niente.
    Nient'altro che un giorno della vostra vita".


    Curiosità: hai letto altri libri di Agota, se non tutti?

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5735
    Thanks Thanks Given 
    1106
    Thanks Thanks Received 
    378
    Thanked in
    228 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Auryn Vedi messaggio



    "Chiudete bene la porta. Io arrivo senza rumore, con le mani guantate di nero".
    Vengo solo per alcuni istanti, ma sette sere su sette e in tutte le case senza eccezione.
    Non sono il tipo brutale. E neppure vorace e stupido.
    La mattina, quando vi svegliate, contate i vostri soldi, i gioielli, non mancherà niente.
    Nient'altro che un giorno della vostra vita".

    ....davvero magnifico ed inquietante questo passo!

  4. #4
    Junior Member
    Data registrazione
    Dec 2011
    Località
    Bologna
    Messaggi
    28
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    'Rozza ed ignorante' l'intendo in riferimento al suo analfabetismo, al suo essere senza terra e senza lingua. Sì, credo di aver letto un po' tutto, tu? Ho pensato spesso di doverla rileggerla in francese ma per ora nulla. È da molto che la leggi?

    Da Ieri:

    Hier, il soufflait un vent connu. Un vent que j'avais déjà rencontré. C'était un printemps précoce. Je marchais dans le vent d'un pas décidé, rapide, comme tous les matins. Pourtant, j'avais envie de retrouver mon lit et de m'y coucher, immobile, sans pensées, sans désirs, et d'y rester couché jusqu'au moment où je sentirais approcher cette chose qui n'est ni voix, ni goût, ni odeur, seulement un souvenir très vague, venu d'au-delà des limites de la mémoire. Lentement, la porte s'est ouverte et mes mains pendantes ont senti avec effroi les poils soyeux et doux du tigre.



  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2900
    Thanks Thanks Given 
    25
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    Venticinque racconti brevissimi e duri che tracimano di schiacciante senso di solitudine e di depressione...case vuote, piazze vuote, piccole città, grandi città,treni diretti verso il paese natale in cui non c'e' piu' nessuno.
    Il vuoto. Questi i temi ricorrenti della Kristof, che secondo me aveva già raggiunto il suo apice con la Trilogia.
    Alcuni racconti sono davvero toccanti; due su tutti La cassetta delle lettere e Penso.

Discussioni simili

  1. Kristof, Agota - Trilogia della città di K.
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 46
    Ultimo messaggio: 10-25-2015, 10:52 AM
  2. Salvador, Marco - La vendetta del Longobardo
    Da bludemon nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 02-16-2012, 10:52 PM
  3. Kristof, Agota - Ieri
    Da MCF nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 11-18-2011, 10:02 PM
  4. Child, Lee - Vendetta a freddo
    Da Yellow nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 12-30-2010, 10:32 PM
  5. McTeigue, James - V per vendetta
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 02-16-2010, 06:18 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •