Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Io, sul cammino di Santiago di Compostela

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Serafini, Massimo - Io, sul cammino di Santiago di Compostela

  1. #1
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4197
    Thanks Thanks Given 
    21
    Thanks Thanks Received 
    14
    Thanked in
    7 Posts

    Predefinito Serafini, Massimo - Io, sul cammino di Santiago di Compostela

    Un diario di viaggio a tratti commovente, un racconto introspettivo di ricerca interiore che ci lascia un messaggio sicuramente positivo: il mettersi alla prova e la sofferenza sono il viatico necessario verso la rinascita spirituale tanto agognata.
    L'autore sostiene di essere partito per fare il Cammino per staccare da un periodo di incertezze e dubbi e allontanarsi dai problemi quotidiani, filtrarli da lontano, da un'altra prospettiva, quasi avesse bisogno di una catarsi per inquadrarli e affrontarli in maniera più lucida e costruttiva.
    Ho trovato la prima parte del libro meno "potente" della seconda, cioè fino a 100 kilometri dal traguardo la mano di Massimo Serafini mi è parsa puntare più sul cronachistico-aneddotico che sulle riflessioni personali, sull'interiorità, su quello che il Cammino gli stava dando a livello umano. Mi spiego meglio: fino a pag.140 il racconto non mi ha fatto venir voglia di prendere lo zaino e partire per Santiago anch'io, invece dal kilometro 100>0 sembra di essere al suo fianco, a piangere e a soffrire con lui, a sperare che quell'ultimo chilometro non arrivi mai.
    Nella prima parte devo imputare all'autore anche una certa mancanza di stile e/o tecnica. Ogni giornata di viaggio è scandita da pochi dettagli, qualche fugace aneddoto e soprattutto poca introspezione. La sensazione che ho avuto in alcuni capitoli è quella di dover "timbrare il cartellino", nel senso che era necessario citare alcune tappe, località, paesini ma il tutto rimaneva fine a se stesso.
    La seconda parte mi ha personalmente commosso invece, soprattutto il forte vincolo di amicizia che traspare dalle pagine e che si è instaurato tra l'autore e gli altri pellegrini. Mi è piaciuta anche quel pizzico di ironia che emerge qua e là durante il viaggio - mi ha fatto sorridere l'imitazione di Pietra, una pellegrina neozelandese, e il suo tormentone in inglese - lodevole anche la chiusa di ogni capitolo con il pensiero giornaliero riassuntivo, ottima la scelta di far fare le postfazioni alle figlie/nipoti/parenti dell'autore. Ho apprezzato anche la presenza di pochissimi refusi e il linguaggio semplice, diretto e spontaneo di molti passi del diario.
    Insomma un libro da leggere soprattutto per la sua portata culturale e arricchimento/insegnamento - la via di Santiago è stata dichiarata itinerario culturale europeo e le strade francesi e spagnole del cammino sono state dichiarate patrimonio dell'umanità -visto che, nella mia ignoranza, non lo conoscevo affatto.

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19024
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    749
    Thanked in
    465 Posts

    Predefinito

    riporto anche qui il commento al libro di Massimo

    ho finito questo diario di viaggio di Massimo e quello che mi ha colpito in particolare è la semplicità e la sincerità con cui è scritto. E' un diario in presa diretta, in cui l'autore parla del suo vaggio come se annotasse nel suo diario le tappe, le persone viste, i luoghi visitati, i chilometri effettuati, quello che ha mangiato, i pensieri che prima di dormire ha elaborato e poi scritto sul suo quadernetto che è diventato un libro. Questa semplicità e immediatezza ha il pregio di farti sentire il Cammino di Santiago nei suoi aspetti più concreti ma ha il difetto di non farti vivere il coinvolgimento che questo cammino potrebbe avere su chi lo legge. Lo sento ancora centrato sulla propria esperienza da condividere con le persone che ti stanno attorno e che ti conoscono più che con chi volesse avvicinarsi all'esperienza e capirne meglio da chi l'ha vissuta in cosa consiste.
    L'ho letto però con piacere e questo direi che è un punto a favore.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Coelho, Paulo - Il Cammino di Santiago
    Da Meri nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 05-28-2017, 08:41 PM
  2. Serafini, Massimo - Io, sul cammino di Santiago di Compostela
    Da massimo se nel forum Autori emergenti - autori contemporanei
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 04-30-2012, 03:55 PM
  3. Muratori, Elisabetta - Hasta luego Santiago
    Da Baldassarre Embriaco nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 10-23-2011, 03:29 PM
  4. santiago
    Da nonna nel forum Sto cercando un libro che parli di...
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 09-15-2011, 11:17 PM
  5. Frammenti di Cammino
    Da Baldassarre Embriaco nel forum Amici
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 08-05-2011, 10:04 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •