Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Mr Gwyn

Mostra risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Baricco, Alessandro - Mr Gwyn

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    2536
    Thanks Thanks Given 
    2
    Thanks Thanks Received 
    9
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito Baricco, Alessandro - Mr Gwyn

    "Mentre camminava per Regent's Park – lungo un viale che sempre sceglieva, tra i tanti – Jasper Gwyn ebbe d'un tratto la limpida sensazione che quanto faceva ogni giorno per guadagnarsi da vivere non era più adatto a lui. Già altre volte lo aveva sfiorato quel pensiero, ma mai con simile pulizia e tanto garbo." Jasper Gwyn è uno scrittore. Vive a Londra e verosimilmente è un uomo che ama la vita. Tutt'a un tratto ha voglia di smettere. Forse di smettere di scrivere, ma la sua non è la crisi che affligge gli scrittori senza ispirazione. Jasper Gwyn sembra voler cambiare prospettiva, arrivare al nocciolo di una magia. Gli fa da spalla, da complice, da assistente una ragazza che raccoglie, con rabbiosa devozione, quello che progressivamente diventa il mistero di Mr Gwyn. Alessandro Baricco entra nelle simmetrie segrete di questo mistero con il passo sicuro e sciolto di chi sa e ama i sentieri che percorre. Muove due formidabili personaggi che a metà romanzo si passano il testimone, e se a Mr Gwyn tocca mischiare le carte del mistero, la ragazza ha il compito di ricomporne la sequenza per arrivare a una ardita e luminosa evidenza.

    Commento:questo libro di Baricco non è proprio tra i suoi più riusciti;secondo me è un po' troppo sbrigativo...Mr Gwyn si stufa di scrivere libri,cambia mestiere(ma nemmeno tanto) e poi sparisce...embè????Non capisco dove voglia arrivare!
    Forse è piaciuto poco soltanto a me e mi dispiace perchè i suoi precedenti che ho letto mi avevano soddisfatto...aspetto altri pareri per discuterne!!

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    337
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito di parte

    Io ho Baricco tra i miei scrittori preferiti...quindi non riesco mai ad essere sufficientemente critica!
    certo rispetto ad altri suoi scritti, Mr. Gwyn non è di rara beltà, però a me è piaciuto per la dimensione in cui mi ha fatto entrare. Sembra un pò surreale, come spesso accade nei suoi libri, mi ha fatto affezionare e arrabbiare col protagonista. Mi ha avvicinato a lui e a tratti allontanare...
    non c'è che dire: io sono contenta di averlo letto!

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2224
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Dopo la tremenda delusione di Emmaus (ascoltavo pochi giorni fa una sua intevista incrociando le dita perchè rinnegasse quel libro) appare un nuovo Baricco.
    Non ha più la fresca creatività, l'avvenmtatezza nello stupire... all'inizio della lettura mi sono sentita piuttosto delusa... eppure man mano che lo leggevo mi ci affezionavo sempre più: le ultime pagine le ho divorate!
    E' tornato il Baricco poetico e onirico: innamorato dei suoi personaggi (questo libro è un omaggio al PERSONAGGIO LETTERARIO), però sembra più riflessivo, come se pensasse molto di più ad ogni frase (d'altronde impeccabile).
    Quasi quasi gli perdono Emmaus ()

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    2536
    Thanks Thanks Given 
    2
    Thanks Thanks Received 
    9
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da velmez Vedi messaggio
    Dopo la tremenda delusione di Emmaus (ascoltavo pochi giorni fa una sua intevista incrociando le dita perchè rinnegasse quel libro) appare un nuovo Baricco.
    Non ha più la fresca creatività, l'avvenmtatezza nello stupire... all'inizio della lettura mi sono sentita piuttosto delusa... eppure man mano che lo leggevo mi ci affezionavo sempre più: le ultime pagine le ho divorate!
    E' tornato il Baricco poetico e onirico: innamorato dei suoi personaggi (questo libro è un omaggio al PERSONAGGIO LETTERARIO), però sembra più riflessivo, come se pensasse molto di più ad ogni frase (d'altronde impeccabile).
    Quasi quasi gli perdono Emmaus ()
    Allora davvero non è piaciuto solo a me?

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2224
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da praschese89 Vedi messaggio
    Allora davvero non è piaciuto solo a me?
    sinceramente non sono per niente d'accordo con il tuo commento iniziale:

    E' un libro un po' più lungo del solito se si fa una proporzione tra numero di personaggi, avvenimenti e numero di pagine...
    Per quanto riguarda la storia: leggere un romanzo di Baricco vuol dire assaporarne il linguaggio, l'atmosfera, le trovate creative e letterarie... che poi lui non voglia mai portare da nessuna parte è un dato di fatto: è un cantastorie!

  6. #6
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Come dico spesso qui sul forum, due dei libri di Baricco sono depositati in profondità nel mio cuore (Oceano mare e Novecento), ma gli altri, a parte Castelli di rabbia che mi è piaciuto, non mi hanno altrettanto entusiasmato.
    Questo l'ho iniziato a leggere con un po' di aspettative in più, perché la trama mi sembrava interessante, ma dopo le prime pagine l'ho abbandonato. Un po' insipido non mi invogliava a proseguire, così l'ho lasciato, ma lo riprenderò di certo più in là perché voglio finirlo. Mi rifarò viva su questi lidi

  7. #7
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4195
    Thanks Thanks Given 
    12
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    5 Posts

    Predefinito

    E’ possibile scrivere un ritratto? Per Mr Gwyn sì. In questo suo libro Baricco forse proietta nel protagonista un po’ di se stesso (anche Mr Gwyn fa lo scrittore però a un certo punto molla tutto. Forse un messaggio tra le righe per confessare che ha voglia di smettere di scrivere anche lui?). Di questo racconto lungo mi ha stupito la capacità di Baricco di rendere così bene la psicologia dei personaggi e far apparire verosimili anche gesti apparentemente assurdi o surreali (io non ce la vedo una donna “in carne” accettare così su due piedi di girare nuda per una stanza per farsi scrivere un ritratto. Eppure Baricco riesce a convincermi con le motivazioni profonde che si celano dietro quel gesto. Forse il personaggio più bello del libro).
    Non è sicuramente il Baricco di Novecento e Oceano Mare, ma è sempre un mago della parola scritta e leggerlo è un piacere.

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2275
    Thanks Thanks Given 
    50
    Thanks Thanks Received 
    85
    Thanked in
    62 Posts

    Predefinito

    Anche per me è stato un piacere leggere questo libro, un leggero piacere aggiungerei. Baricco è bravissimo a farti entrare in una dimensione surreale che appare come normalità.
    Secondo me però manca qualcosa, soprattutto nella seconda parte, forse non è adatta quell'aura di mistero che vuole creare verso la fine e che poi lascia delusi perchè di fatto mistero non ce n'è. In più ho cercato di capire invano se l'ultimo racconto fosse collegato a qualche personaggio, se c'è un riferimento che non ho colto, se qualcuno l'ha trovato sarei grata se me lo rivelasse...
    Resta un libro piacevole e ricco di invenzioni stupende, una fra tutte l'artigiano di lampadine.

Discussioni simili

  1. Baricco, Alessandro - I Barbari
    Da ryoko nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 08-25-2016, 03:22 PM
  2. Baricco, Alessandro
    Da senzasangue nel forum Autori
    Risposte: 33
    Ultimo messaggio: 11-10-2014, 08:04 PM
  3. Baricco, Alessandro - City
    Da sweepsy nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 08-10-2014, 10:31 AM
  4. Baricco, Alessandro - Barnum 2
    Da ryoko nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-24-2008, 12:15 PM
  5. Baricco, Alessandro - Barnum
    Da ryoko nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 08-24-2008, 10:36 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •