Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il diavolo certamente

Mostra risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Camilleri, Andrea - Il diavolo certamente

  1. #1
    Sud e magia
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2343
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Camilleri, Andrea - Il diavolo certamente

    33 racconti di 3 pagine 333 che è la metà di 666, che qui habet intellectum, computet numerum bestiæ. Numerus enim hominis est: et numerus eius sexcenti sexaginta sex.

    Si sente solo lontanamente la puzza di zolfo. Tuttavia chi vuol trascorrere un'ora in compagnia di buona lettura e adora Camilleri vada a comprarlo.

    Chi invece trova Camilleri ostico per l'uso del dialetto, vada a comprarlo lo stesso, in questi racconti del dialetto non c'è traccia.

    Nobel al Maestro di Girgenti

  2. #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13812
    Thanks Thanks Given 
    766
    Thanks Thanks Received 
    534
    Thanked in
    394 Posts

    Predefinito

    Me l'hanno regalato per l'onomastico (27 gennaio),ma finora ho letto solo 2 racconti,giusto per averne un assaggio .
    Lo riprenderò appena riuscirò a finire i 2 libri della sfida e quello del minigruppo.
    Non mi posso definire una "vera" lettrice di Camilleri,di lui ho letto solo 3 libri,pur essendo appassionata della serie tv di Montalbano,di cui non mi sono persa una puntata .
    Adoro però ascoltarlo nelle interviste !
    Questo libro mi ha attirato soprattutto perchè non usa il dialetto (niente in contrario sul siciliano,mi piace pure,ma,ahimè,non lo capisco ) e poi per la brevità dei racconti.
    A fine lettura vi farò sapere quali ho preferito.

  3. #3
    Sud e magia
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    2343
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Vado oltre ciò che dice Minerva, non solo vi dico quale è stato il racconto preferito, ma data la brevità, ve lo posto:

    33
    Illustrissimo signor Presidente,
    oggi ci sarà l’ultima seduta del processo che mi vede imputato d’omicidio e quindi lei, prima che
    la giuria si ritiri in camera di consiglio, mi rivolgerà la consueta domanda se ho qualcosa da dire.
    E io, rispondendole di no, continuerò ai suoi occhi a mantenere quella posizione di “ostinata
    non collaborazione”, come lei l’ha stigmatizzata in una delle prime sedute. Non posso darle
    torto. In effetti io non ho mai voluto chiamare un avvocato a mia difesa e mi sono contentato
    sempre d’avvocati d’ufficio pochissimo informati sul caso. Non solo: ho fatto costantemente
    scena muta nel corso di qualsiasi interrogatorio, a cominciare da quello, ormai lontano nel
    tempo, cui mi sottopose il commissario che mi mise le manette. Sento perciò il dovere, a
    questo punto, di chiarire che il mio atteggiamento non è dettato da disprezzo verso la Giustizia
    (come ha scritto qualche giornale), e men che mai da una, come dire, dostoevskiana volontà
    d’espiazione (come ha detto in tv un eminente psicologo). Ma, del resto, quante supposizioni
    errate sono state fatte sulla carta stampata e sulle tv! C’è chi ha sostenuto che io avrei ucciso
    per gelosia, perché la mia fidanzata m’aveva lasciato per mettersi con il mio amico e mia futura
    vittima. Per altri invece la gelosia sarebbe scaturita dal fatto che il mio amico aveva vinto la
    cattedra universitaria e io no. Vede, signor Presidente, io non ho nulla da espiare, in quanto non
    sono stato io ad ammazzare il mio fraterno amico Saverio Libonati. No, si fermi, non si indigni,
    non butti la lettera nel cestino come certamente è tentato di fare. “Ma con che faccia sostieni
    di non essere stato tu” mi direbbe indignato se le fossi di fronte, “con tutte le prove a tuo
    carico? Nell’appartamento c’eravate solo voi due, la tua ex fidanzata sostiene che quando ha
    lasciato l’appartamento tu e Libonati stavate ferocemente discutendo, non ha saputo dire su
    che cosa, Libonati è morto per una coltellata che gli ha spaccato il cuore, tu, quando sei stato
    arrestato, impugnavi ancora il coltello...” È tutto vero, signor Presidente, ma io, mi creda, non la
    sto prendendo in giro.
    Cercherò di esporre con la maggiore chiarezza possibile come sono andati i fatti. Con Saverio
    siamo stati compagni di scuola e amici indivisibili dalle elementari all’università. Tutti e due ci
    siamo laureati in Filosofia con la stessa votazione, 110 e lode. Così come avevamo fatto negli
    anni universitari, anche dopo la laurea abbiamo continuato a condividere lo stesso
    appartamentino. Abbiamo contemporaneamente ottenuto la cattedra in due diversi licei della
    città. Del suo primo libro sono stato io a correggere le bozze. Lo stesso ha fatto lui per me.
    Quando mi sono fidanzato con Laura, Saverio si è trasferito nell’appartamento accanto al
    nostro, che si era fortunatamente reso libero. La convivenza è continuata. E quando Laura,
    dopo due anni, m’ha confidato d’essersi innamorata di Saverio, tutto quello che ha dovuto fare
    è stato spostare le sue cose nell’appartamento a fianco, senza che il ritmo della nostra vita in
    comune ne venisse minimamente alterato.
    Forse lei non sa, signor Presidente, che le discussioni tra filosofi spesso e volentieri scadono al
    livello di quelle che in genere hanno i tifosi rivali di due squadre di calcio locali nel giorno del
    derby. Volano parole grosse, si viene alle mani. Le potrei portare esempi famosi. Il mite David
    Hume accusò Rousseau d’essere uno squilibrato, associandosi a Diderot che lo giudicava
    addirittura un mostro. E che dire di Wittgenstein, che arrivò a minacciare Popper con un
    attizzatoio? Saverio e io, da sempre, ci siamo trovati su posizioni diametralmente opposte.
    Prima ancora che di divergenze filosofiche si trattava di diversità caratteriali. Era forse questo il
    segreto della nostra amicizia. Perciò le discussioni tra me e Saverio spesso e volentieri
    degeneravano presto in vie di fatto. Ci prendevamo a cazzotti o ci rotolavamo per terra,
    avvinghiati. In quei momenti ci odiavamo, ma l’odio durava poco. Tornavamo più amici di
    prima. Era quasi una consuetudine, facevamo così già alle elementari. I primi tempi Laura ne
    rimaneva atterrita, anche perché era totalmente incapace di capire l’oggetto dei nostri diverbi.
    Come avrà avuto modo di notare, Laura, che ha fatto solo la scuola dell’obbligo e si nutre di
    romanzetti rosa, è uno splendido corpo senza cervello.
    Quella sera avevamo cenato a casa mia. A tavola, il discorso tra me e Saverio cadde sul
    problema della doppia verità. E cominciammo ad accalorarci, bevendo più del solito. A un certo
    punto Laura, che voleva vedere non ricordo cosa in tv, ci cacciò via e noi due proseguimmo la
    discussione, che si era fatta più che accesa, in cucina. Poi Laura venne a dirci che se ne andava a
    letto, naturalmente nell’appartamento attiguo, quello di Saverio.
    Sono costretto ad aprire una parentesi. Le devo chiarire, per sommi capi, che gli Scolastici latini
    chiamarono della “doppia verità” la dottrina di Averroè che distingue le verità di fede dalle
    verità di ragione. Per gli Scolastici, se una proposizione non poteva essere dimostrata con la
    ragione, doveva essere accettata lo stesso per fede. Lei può intuire quali e quante reazioni
    abbia potuto suscitare un’affermazione simile. Giovanni di Jandun arrivò a dichiarare che si può
    credere il contrario di ciò che è stato ampiamente dimostrato se così vuole la fede. Per cui lo
    stesso Giovanni di Jandun si permetteva di fare affermazioni assolutamente indimostrabili,
    impossibili a essere spiegate con la ragione, concludendo con una frase ironica: “E se tu invece
    lo sai dimostrare, me ne rallegro”.
    A un certo punto del nostro duello, perché di questo si trattava, di un duello feroce e senza
    esclusione di colpi, ci accorgemmo che il vino era finito. Neanche Saverio ne aveva. Era da poco
    trascorsa l’una, sarebbe stato impossibile andare a comprarlo. Forse commisi l’errore d’aprire
    una bottiglia di whisky.
    Il duello riprese, più accanito di prima. Dopo un’ora e passa Saverio non reagì più alle mie
    argomentazioni, sembrava inseguisse un altro pensiero, balbettava. Mi convinsi che avesse
    bevuto troppo. Approfittai di quella tregua e andai in bagno. Quando tornai, trovai Saverio in
    piedi, rinfrancato, si era lavato la faccia nel lavandino, sorrideva.
    «Prendi un coltello grosso» mi disse, «e tienilo forte a due mani.»
    Io, volendo vedere dove andava a parare, feci come desiderava.
    «Appòggiati con le spalle al muro» mi ordinò.
    Ubbidii. Fu un attimo. Fece un balzo in avanti e m’abbracciò con violenza. Atterrito, sentii la
    lama penetrare nella sua carne. Poi, mentre cadeva, mi sussurrò, beffardo:
    «Mi rallegrerò se tu invece lo saprai dimostrare.»
    In quel momento Laura, che aveva le chiavi del mio appartamento, entrò.
    La mia verità è questa, ed è indimostrabile. Io me ne rallegrerei se ci riuscisse, ma lei, come me,
    è nell’impossibilità di dimostrarla. E oltretutto non penso sia disposto a credere alle mie parole
    per pura fede. Perciò, meglio il silenzio.
    Mi creda di lei devotissimo
    Michele Stefani

  4. #4
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13812
    Thanks Thanks Given 
    766
    Thanks Thanks Received 
    534
    Thanked in
    394 Posts

    Predefinito

    Purtroppo o per fortuna non sono in grado di dirvi quali sono stati i miei preferiti,ne dovrei elencare troppi.
    Infatti tutti e 33 i racconti mi hanno deliziata,sono stati ironici,divertenti,sagaci.
    Mi hanno fatto trascorrere piacevoli ore in compagnia di una scrittura scorrevole,facendomi ridere,sorridere,commuovere e riflettere su diversi aspetti della vita che vengono cambiati da imprevisti colpi di scena messi in atto dallo zampino del diavolo (per Camilleri) o dal destino (per chi non vuole credere all'esistenza del diavolo).
    A volte il finale è stato positivo,altre negativo,ma in tutte le storie ho cercato di cogliere il senso più profondo e ho potuto apprezzarne la narrazione.

  5. #5
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5727
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    80
    Thanked in
    51 Posts

    Predefinito

    Non è il Camilleri che piace a me. Racconti triti e ritriti, a mio parere, con finale spesso banale e scontato. Mi dispiace bocciato.

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Siena
    Messaggi
    1654
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Questi racconti non li ha scritti Camilleri. Punto.

    (salvo solo l'ultimo, che è carino...)
    Ultima modifica di risus; 08-03-2012 alle 08:37 PM.

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Rimini
    Messaggi
    1383
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito Non amo i racconti

    In generale devo dire la sincera verità non mi piacciono i racconti, forse per la loro brevità, prchè comunque non ti lasciano il tempo di affezionarti alla storia. In questo caso però devo dire che sono rimasta piacevolmente colpita, mi sono piaciuti quasi tutti. Scritti conarguzia e ironia, rimane una breve lettura ch può essere tranquillamente fatta sotto l'ombrellone vist il momento.

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    674
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Meri Vedi messaggio
    Non è il Camilleri che piace a me. Racconti triti e ritriti, a mio parere, con finale spesso banale e scontato. Mi dispiace bocciato.
    Concordo. Non l'ho finito e la parte che ho letto non mi è piaciuta.

  9. #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da baldassarre embriaco Vedi messaggio
    vado oltre ciò che dice minerva, non solo vi dico quale è stato il racconto preferito, ma data la brevità, ve lo posto:

    33
    illustrissimo signor presidente,
    oggi ci sarà l’ultima seduta del processo che mi vede imputato d’omicidio e quindi lei, prima che
    la giuria si ritiri in camera di consiglio, mi rivolgerà la consueta domanda se ho qualcosa da dire.
    E io, rispondendole di no, continuerò ai suoi occhi a mantenere quella posizione di “ostinata
    non collaborazione”, come lei l’ha stigmatizzata in una delle prime sedute. Non posso darle
    torto. In effetti io non ho mai voluto chiamare un avvocato a mia difesa e mi sono contentato
    sempre d’avvocati d’ufficio pochissimo informati sul caso. Non solo: Ho fatto costantemente
    scena muta nel corso di qualsiasi interrogatorio, a cominciare da quello, ormai lontano nel
    tempo, cui mi sottopose il commissario che mi mise le manette. Sento perciò il dovere, a
    questo punto, di chiarire che il mio atteggiamento non è dettato da disprezzo verso la giustizia
    (come ha scritto qualche giornale), e men che mai da una, come dire, dostoevskiana volontà
    d’espiazione (come ha detto in tv un eminente psicologo). Ma, del resto, quante supposizioni
    errate sono state fatte sulla carta stampata e sulle tv! C’è chi ha sostenuto che io avrei ucciso
    per gelosia, perché la mia fidanzata m’aveva lasciato per mettersi con il mio amico e mia futura
    vittima. Per altri invece la gelosia sarebbe scaturita dal fatto che il mio amico aveva vinto la
    cattedra universitaria e io no. Vede, signor presidente, io non ho nulla da espiare, in quanto non
    sono stato io ad ammazzare il mio fraterno amico saverio libonati. No, si fermi, non si indigni,
    non butti la lettera nel cestino come certamente è tentato di fare. “ma con che faccia sostieni
    di non essere stato tu” mi direbbe indignato se le fossi di fronte, “con tutte le prove a tuo
    carico? Nell’appartamento c’eravate solo voi due, la tua ex fidanzata sostiene che quando ha
    lasciato l’appartamento tu e libonati stavate ferocemente discutendo, non ha saputo dire su
    che cosa, libonati è morto per una coltellata che gli ha spaccato il cuore, tu, quando sei stato
    arrestato, impugnavi ancora il coltello...” è tutto vero, signor presidente, ma io, mi creda, non la
    sto prendendo in giro.
    Cercherò di esporre con la maggiore chiarezza possibile come sono andati i fatti. Con saverio
    siamo stati compagni di scuola e amici indivisibili dalle elementari all’università. Tutti e due ci
    siamo laureati in filosofia con la stessa votazione, 110 e lode. Così come avevamo fatto negli
    anni universitari, anche dopo la laurea abbiamo continuato a condividere lo stesso
    appartamentino. Abbiamo contemporaneamente ottenuto la cattedra in due diversi licei della
    città. Del suo primo libro sono stato io a correggere le bozze. Lo stesso ha fatto lui per me.
    Quando mi sono fidanzato con laura, saverio si è trasferito nell’appartamento accanto al
    nostro, che si era fortunatamente reso libero. La convivenza è continuata. E quando laura,
    dopo due anni, m’ha confidato d’essersi innamorata di saverio, tutto quello che ha dovuto fare
    è stato spostare le sue cose nell’appartamento a fianco, senza che il ritmo della nostra vita in
    comune ne venisse minimamente alterato.
    Forse lei non sa, signor presidente, che le discussioni tra filosofi spesso e volentieri scadono al
    livello di quelle che in genere hanno i tifosi rivali di due squadre di calcio locali nel giorno del
    derby. Volano parole grosse, si viene alle mani. Le potrei portare esempi famosi. Il mite david
    hume accusò rousseau d’essere uno squilibrato, associandosi a diderot che lo giudicava
    addirittura un mostro. E che dire di wittgenstein, che arrivò a minacciare popper con un
    attizzatoio? Saverio e io, da sempre, ci siamo trovati su posizioni diametralmente opposte.
    Prima ancora che di divergenze filosofiche si trattava di diversità caratteriali. Era forse questo il
    segreto della nostra amicizia. Perciò le discussioni tra me e saverio spesso e volentieri
    degeneravano presto in vie di fatto. Ci prendevamo a cazzotti o ci rotolavamo per terra,
    avvinghiati. In quei momenti ci odiavamo, ma l’odio durava poco. Tornavamo più amici di
    prima. Era quasi una consuetudine, facevamo così già alle elementari. I primi tempi laura ne
    rimaneva atterrita, anche perché era totalmente incapace di capire l’oggetto dei nostri diverbi.
    Come avrà avuto modo di notare, laura, che ha fatto solo la scuola dell’obbligo e si nutre di
    romanzetti rosa, è uno splendido corpo senza cervello.
    Quella sera avevamo cenato a casa mia. A tavola, il discorso tra me e saverio cadde sul
    problema della doppia verità. E cominciammo ad accalorarci, bevendo più del solito. A un certo
    punto laura, che voleva vedere non ricordo cosa in tv, ci cacciò via e noi due proseguimmo la
    discussione, che si era fatta più che accesa, in cucina. Poi laura venne a dirci che se ne andava a
    letto, naturalmente nell’appartamento attiguo, quello di saverio.
    Sono costretto ad aprire una parentesi. Le devo chiarire, per sommi capi, che gli scolastici latini
    chiamarono della “doppia verità” la dottrina di averroè che distingue le verità di fede dalle
    verità di ragione. Per gli scolastici, se una proposizione non poteva essere dimostrata con la
    ragione, doveva essere accettata lo stesso per fede. Lei può intuire quali e quante reazioni
    abbia potuto suscitare un’affermazione simile. Giovanni di jandun arrivò a dichiarare che si può
    credere il contrario di ciò che è stato ampiamente dimostrato se così vuole la fede. Per cui lo
    stesso giovanni di jandun si permetteva di fare affermazioni assolutamente indimostrabili,
    impossibili a essere spiegate con la ragione, concludendo con una frase ironica: “e se tu invece
    lo sai dimostrare, me ne rallegro”.
    A un certo punto del nostro duello, perché di questo si trattava, di un duello feroce e senza
    esclusione di colpi, ci accorgemmo che il vino era finito. Neanche saverio ne aveva. Era da poco
    trascorsa l’una, sarebbe stato impossibile andare a comprarlo. Forse commisi l’errore d’aprire
    una bottiglia di whisky.
    Il duello riprese, più accanito di prima. Dopo un’ora e passa saverio non reagì più alle mie
    argomentazioni, sembrava inseguisse un altro pensiero, balbettava. Mi convinsi che avesse
    bevuto troppo. Approfittai di quella tregua e andai in bagno. Quando tornai, trovai saverio in
    piedi, rinfrancato, si era lavato la faccia nel lavandino, sorrideva.
    «prendi un coltello grosso» mi disse, «e tienilo forte a due mani.»
    io, volendo vedere dove andava a parare, feci come desiderava.
    «appòggiati con le spalle al muro» mi ordinò.
    Ubbidii. Fu un attimo. Fece un balzo in avanti e m’abbracciò con violenza. Atterrito, sentii la
    lama penetrare nella sua carne. Poi, mentre cadeva, mi sussurrò, beffardo:
    «mi rallegrerò se tu invece lo saprai dimostrare.»
    in quel momento laura, che aveva le chiavi del mio appartamento, entrò.
    La mia verità è questa, ed è indimostrabile. Io me ne rallegrerei se ci riuscisse, ma lei, come me,
    è nell’impossibilità di dimostrarla. E oltretutto non penso sia disposto a credere alle mie parole
    per pura fede. Perciò, meglio il silenzio.
    Mi creda di lei devotissimo
    michele stefani


    non c'è moloto da dire questo racconto è fantastico!!!! Tutto il libro è favoloso, ma qui secondo me si è superato..lo adoro

Discussioni simili

  1. Camilleri, Andrea
    Da evelin nel forum Autori
    Risposte: 97
    Ultimo messaggio: 08-29-2016, 09:05 PM
  2. Camilleri, Andrea - La Rizzagliata
    Da isola74 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 02-02-2011, 10:17 AM
  3. Camilleri Andrea - Il re di Girgenti
    Da WilLupo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 06-30-2010, 10:25 AM
  4. Camilleri, Andrea - Il Sonaglio
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 02-20-2010, 10:52 AM
  5. Camilleri, Andrea - Il casellante
    Da torejx nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 10-05-2009, 05:59 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •