Sinossi:
Le indagini portano l’ispettore Wallander a est: la polizia di Ystad ha le prove che i due uomini sono stati uccisi e che l’imbarcazione veniva dalla Lettonia.Kurt Wallander parte per Riga: non passerà molto tempo prima che si renda conto di essere vittima di una cospirazione legata ai drammatici cambiamenti politici dei Paesi Baltici: la caduta dell’Unione Sovietica è ormai consegnata alla storia, ma in Lettonia, ora stato sovrano, alcune forze di potere lavorano nell’ombra in accordo con la mafia russa.Tra complotti e crimini che gli fanno presto perdere la sua innata fiducia nella giustizia, Wallander riesce però anche a innamorarsi: l’incontro con Baiba, vedova di un ispettore assassinato, lo porterà sulle tracce dei colpevoli facendogli finalmente ritrovare l’amore.

Commento:questo è il secondo libro di Mankell che ho letto,ormai un paio d'anni fa,oltre a "Il cinese" ed il primo con l'ispettore Kurt Wallander;la figura di quest'ultimo mi era piaciuta molto perchè in partenza mi aspettavo un personaggio duro e freddo ed invece l'ispettore si è rivelato un uomo amabile,piuttosto sentimentale,capace e credibile.
Inoltre ho trovato il libro molto interessante perchè offre uno spaccato sulla situazione politica degli stati baltici in quegli anni che,pur essendo divenuti autonomi,erano comunque guidati da governi fantoccio comandati a piacere dalla "mano comunista"!Lettura consigliata!Voto 3,5/5