Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Una donna frivola e altri racconti

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Gordimer, Nadine - Una donna frivola e altri racconti

  1. #1
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13819
    Thanks Thanks Given 
    771
    Thanks Thanks Received 
    544
    Thanked in
    401 Posts

    Predefinito Gordimer, Nadine - Una donna frivola e altri racconti

    I 4 racconti presenti in questo libretto edito da Il sole 24 ore fanno parte della raccolta "Beethoven era per un sedicesimo nero".
    Non conoscevo l'autrice,nata in Sudafrica da genitori ebrei,impegnata nella lotta contro l'apartheid e premio Nobel per la letteratura nel 1991.
    Ho apprezzato il suo stile abbastanza scorrevole,ma non sono sicura di essere riuscita a comprendere fino in fondo tutti i racconti .
    Nel primo,Una donna frivola,la protagonista è una donna che non vuole mettersi in salvo per sfuggire alle leggi razziali in Germania,ma che proprio grazie alla sua apparente frivolezza e leggerezza riuscirà a superare questa catastrofe,salvando un baule con costumi e maschere delle feste a cui partecipava da giovane.E' il figlio che racconta al nipote la storia di questa signora,una nonna che non era mai cresciuta.
    Il secondo,Sognando i morti,ho fatto fatica a seguirlo,l'ho trovato pesante e narra l'incontro in sogno con amici scrittori morti che discutono di temi sociali e culturali.
    Nel terzo,Madrelingua,una donna tedesca segue il marito nel suo paese natio,l'Africa,ma pur parlando l'inglese,non lo conosce perfettamente (non essendo la sua madrelingua),così si perde i vari modi di dire,i sottintesi e ciò che il marito ha condiviso con gli amici della sua vita prima del matrimonio.
    L'ultimo,Allesverloren (è il nome di un vino sudafricano),ha per protagonista una vedova che vuole superare il suo lutto scavando nei segreti del marito perduto.Andrà in Inghilterra per incontrare l'uomo con cui il marito ha avuto una breve relazione omosessuale,ma,come dice il finale,si conosce chi si conosceva,non si può conoscere l'altro,nessun altro.
    Ultima modifica di Minerva6; 03-10-2012 alle 12:44 PM.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5739
    Thanks Thanks Given 
    1122
    Thanks Thanks Received 
    379
    Thanked in
    229 Posts

    Predefinito

    Grazie Mine...ce l'ho anch'io da leggere!

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    783
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Conosciuta grazie alla mia professoressa di inglese del Liceo. Ho letto,per ora,solamente "The Pickup". Sicuramente prima o poi leggerò anche questi suoi racconti. Grazie Minerva per la recensione!

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5739
    Thanks Thanks Given 
    1122
    Thanks Thanks Received 
    379
    Thanked in
    229 Posts

    Predefinito

    Finito di leggere per la SL,come ha già detto Minerva6 sono 4 brevi racconti,il primo una donna frivola,mi ha ricordato molto Cher,nella parte di Elsa ne Un tè con Mussolini,uno spirito evanescente nonostante le brutture della guerra,una nonna mai cresciuta che ha superato il periodo salvando un baule di costumi e maschere indossati nella sua giovinezza.Carino
    Il secondo racconto sognando i morti non mi è riuscito facile,sia per gli argomenti che rimbalzavano da una questione all'altra,sia per i personaggi...insomma,proprio confuso come solo i sogni sanno essere.
    Il terzo Madrelingua,è abbastanza scontato...
    Il quarto Allesverloren mi è piaciuto molto,l'elaborazione del lutto passa anche e soprattutto nel voler riesumare la vita di chi non c'è più,si va a frugare in cose che altrimenti non ci avrebbero interessato...scoprendo poi un'altra persona,che non si conosce,ci si rende conto che non serve a niente....allesverloren-tutto perduto.
    Salverei il primo e l'ultimo.

  5. #5
    Together for ever
    Data registrazione
    Jun 2011
    Località
    zanzaratown
    Messaggi
    2231
    Thanks Thanks Given 
    346
    Thanks Thanks Received 
    222
    Thanked in
    143 Posts

    Predefinito

    racconti che scivolano via, una scrittura bella e significativa.
    Conosco l'autrice per aver letto vari suoi romanzi
    Ho preferito fra i quattro : Madrelingua nel quale ho trovato sensazioni di estraneità provate in passato.
    E l'altro Allesverloren, perchè insegna che nell'amore bisogna accettare ciò che ci bello viene dato e che scavare più o meno morbosamente nel passato non serve.

Discussioni simili

  1. Gordimer, Nadine - La figlia di Burger
    Da fernycip nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 07-30-2011, 09:59 AM
  2. Gordimer, Nadine - Luglio
    Da Vesper nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 05-22-2009, 05:57 PM
  3. Gordimer, Nadine - Occasione d'amore
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 04-12-2008, 06:37 PM
  4. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-25-2008, 02:23 PM
  5. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-28-2007, 06:54 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •