Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Via Katalin

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Szabò, Magda - Via Katalin

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    2536
    Thanks Thanks Given 
    2
    Thanks Thanks Received 
    9
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito Szabò, Magda - Via Katalin

    Dalle tre case di via Katalin dove vivono Irén, Blanka, Henriett e Bálint si intravede il Danubio. I quattro bambini crescono insieme nella Budapest degli anni Trenta del secolo scorso, e insieme affrontano, ormai giovani adulti, il clima di insicurezza provocato dalla guerra e dalle persecuzioni antisemitiche. Presi come sono a districare quell’ingarbugliata matassa che è l’esistenza, nessuno di loro riesce a presagire con quanta violenza e tragica arbitrarietà il destino svierà il corso delle loro vite.

    Commento:
    Questo è un libro meraviglioso,ma è duro e pieno di malinconia;è la storia di tre famiglie che vivendo nella stessa via,in tre case l'una attaccata all'altra,diventano un'unica essenza;i figli diventano grandi insieme,giocando e crescendo in loro profondissime amicizie e amori e prima che possano avere il tempo di rendersene conto,la guerra irrompe nel loro mondo e lo distrugge per sempre!Alcuni vengono deportati,un'altra uccisa da un soldato giovane e impaurito,un'altra abbandonata dall'amore della sua vita e tutti gli altri in via katalin sopravvivono,ma in realtà muoiono anch'essi insieme a loro!Tutto si sgretola e a guerra finita via katalin c'è ancora,ma non esiste più!Quelli che sono rimasti vivono nel ricordo di come tutto era prima del conflitto,anche il fantasma della ragazza uccisa torna a visitare via katalin...tutti insomma restano aggrappati a quel passato felice che non c'è più,incapaci di andare avanti!
    La Szabò riesce a farti entrare nell'esistenza degli abitanti di via katalin e a trasmetterti ogni emozione che essi provano!
    Via katalin,come ho detto all'inizio,è un libro duro e difficile da leggere,ma è sicuramente un grande romanzo!!
    Da leggere!4/5
    Ultima modifica di Minerva6; 04-02-2017 alle 06:32 PM. Motivo: edit titolo

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Firenze
    Messaggi
    962
    Thanks Thanks Given 
    59
    Thanks Thanks Received 
    87
    Thanked in
    65 Posts

    Predefinito

    All'inizio ho trovato il libro abbastanza difficile. Non capivo niente, non riuscivo ad entrare nella storia, a capire chi erano i fantasmi, le rievocazioni, le persone vere. Continuamente dovevo rileggere la prima pagina dove c'è la lista dei personaggi per raccapezzarmi di quello che stavo leggendo.
    Tanto che mi sono chiesta più volte: ma come si fa a dire che questo è un capolavoro?
    Ma poi tutto è andato a posto, il mosaico si è composto ed è diventato una cosa meravigliosa.
    In più punti della lettura ho provato delle emozioni fortissime, è un libro che suscita emozioni, più che riflessioni.
    I personaggi sono tutti vivi, l'intreccio fra passato, presente, fra parti raccontate in prima persona da Iren e quelle raccontate in III persona, è magistrale, approfondisce ogni momento, dà spessore.
    Ammetto che la II parte mi è piaciuta un po' meno, quella del dopo guerra per intendersi, l'ho trovata meno emozionante.
    Bella la trovata dell'autrice che fa tornare nel mondo dei vivi una delle protagoniste, quella dalla storia più drammatica: mi è piaciuta molto, perchè permette un intreccio fra presente e passato assolutamente nuovo e inusuale.
    E mi è piaciuto molto l'ultimo capitolo, in cui nelle nuove case di fronte rinasce il trio di famiglie, ma in tempi diversi, e, sì, i bambini delle nuove famiglie sono quasi la rincarnazione di quelli delle vecchie, sono Blanka, Erin, Balint e Henriett, sono e non sono loro, e non solo perchè ci sono delle piccole differenze, e i tempi sono diversi, ma perchè ormai la storia di via Katalin così come l'hanno vissuta e creata la famiglie Elkes, Birò e Held è finita ed era solo per loro.
    Un gran bel libro, fra l'altro avevo letto La porta, che mi era piaciuto tantissimo, e non mi aspettavo un libro di un genere così diverso rispetto alla concretezza de La Porta. Un gran merito dell'autrice.
    Voto: 4/5

    Francesca

  • #3
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14747
    Thanks Thanks Given 
    1232
    Thanks Thanks Received 
    1004
    Thanked in
    703 Posts

    Predefinito

    Vorrei iniziarlo stasera, l'ho preso ieri in ebook su Ibs. La porta mi era piaciuto davvero tanto. Ripasserò .

    Edit: finito. Per ora dico solo che mi aspettavo qualcosa come La porta, questo è diverso ma altrettanto appassionante, ma forse neppure tanto diverso...
    Ultima modifica di Minerva6; 02-16-2017 alle 08:33 PM.

  • #4
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14747
    Thanks Thanks Given 
    1232
    Thanks Thanks Received 
    1004
    Thanked in
    703 Posts

    Predefinito

    Emerenc, coprotagonista de La porta, mi resterà per sempre nel cuore, ma anche questa lettura con i suoi tanti protagonisti me la porterò dentro per un po', l'argomento è diverso, meno individuale, più collettivo, ma sempre coinvolgente.
    Anche io, come fra, ho avuto qualche difficoltà iniziale per capire quali personaggi erano reali ed attuali e quali non lo erano più, però poi piano piano sono riuscita ad entrare meglio nella storia e nelle vicende narrate e mi sono fatta completamente travolgere dal loro ritmo.
    E' vero che sono più le emozioni provate che le riflessioni scaturite perciò è inutile aggiungere altro e vi posso solo dire che lo consiglio a chi ama questa scrittrice ed ho già in mente il prossimo titolo di Magda da leggere .

  • #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    2949
    Thanks Thanks Given 
    220
    Thanks Thanks Received 
    435
    Thanked in
    205 Posts

    Predefinito

    Trovo sempre molto difficile parlare della scrittura di Magda Szabò, perché se da un lato si tratta di una delle mie scrittrici preferite, e quindi vorrei parlarne per ore e ore, elencando in una sorta di flusso di coscienza disordinato tutte quelle cose a cui le sue parole hanno il potere di farmi pensare, dall'altro mi rendo anche conto che il mio rapporto con la sua scrittura è piuttosto viscerale e intimistico, per cui gran parte di quello che avrei da dire parlerebbe di me, più che di lei. Oltretutto, i suoi sono libri che meritano molto più spazio di quello che hanno, dunque mi piacerebbe essere in grado di mettere insieme un commento sensato e in grado di portare attenzione a lei, e la paura di finire fuori strada è sempre tanta.
    Quando guardo alla sua bibliografia, provo sempre una piccolissima fitta d'angoscia notando che i suoi libri che mi restano da leggere sono sempre meno, li sto centellinando, e mi approccio alla lettura successiva con il timore forse un po' stupido che il romanzo successivo possa deludermi. Non leggevo Magda Szabò da agosto, quando avevo uno stato d'animo abbastanza diverso e avevo divorato “Ballo in maschera” in una giornata sola, una giornata strana, in cui avevo avuto il coraggio di restare da sola e me ne stavo a combattere con il vento su una spiaggia semideserta della Camargue, avevo freddo e forse anche la febbre per colpa di un'insolazione. Avevo letto “Ballo in maschera” in una giornata a modo suo perfetta, eppure quel romanzo non mi aveva soddisfatta del tutto, non ci avevo ritrovato il respiro lento e ampio di altri capolavori della Szabò, e la delusione che ho provato è stata più simile a quella che si prova guardando un caro amico non riuscire a dare il meglio di sé. Non delusione da, ma delusione per, se mai questo può avere un senso.
    Ho aperto le prime pagine di “Via Katalin” con una circospezione che ha sorpreso anche me, e mi sono ritrovata a bermi questo breve romanzo in un paio di pause pranzo. Di certo non la stessa atmosfera un po' surreale che aveva accompagnato “Ballo in maschera”, ma dopo un paio di minuti di lettura, non mi importava più.
    “Via Katalin” non è un romanzo accogliente, nonostante la prosa di Magda Szabò sia sempre estremamente precisa e scorrevole. “Via Katalin” parla di un legame profondo e viscerale, parla di casa e dei rituali che solo chi fa parte della famiglia può cogliere, e così le prime pagine del romanzo non sono fatte per accogliere il lettore: è come entrare all'improvviso nella casa di una famiglia che non si conosce, è inevitabili sentirsi spaesati ed estranei, in un primo momento. Ci vuole tempo per conoscersi, e ci vuole un minimo di fiducia reciproca: per poter avere qualcosa, bisogna cedere qualcos'altro in cambio. Ma se si è disposti a faticare per qualche decina di pagine, il sollievo dato da ogni più piccolo dettaglio che va a incastrarsi perfettamente al posto giusto è a dir poco impagabile.
    E subito dopo il sollievo, arriva il dolore. Quello sordo e pulsante, quello di un pugno che continua a risuonare nello stomaco anche quando la testa sembra apparentemente lontana dal romanzo.
    Sarebbe estremamente semplice descrivere la trama di questo romanzo: in via Katalin vivono tre famiglie, tre famiglie che sembrano assorte in una bolla di amicizia e piccoli rituali, e tutto sembra procedere nel migliore dei modi fino a quando non arriva la guerra, che significa campi di concentramento per i dentisti ebrei e una fucilata al chiaro di luna per la loro figlia sedicenne. Si potrebbe dire che via Katalin è un romanzo sulla memoria e su che cosa voglia dire sopravvivere, ma in realtà è tutto questo e anche molto di più.
    “All'improvviso si accorsero che l'invecchiare aveva disgregato quel passato che negli anni dell'infanzia e della giovinezza consideravano così compatto e solido: il Tutto era caduto a pezzi e, anche se non mancava nulla, perché quei frammenti contenevano ogni cosa successa fino a quel giorno, niente era più come prima. Lo spazio era diviso in luoghi, il tempo in momenti, gli eventi in episodi, e gli abitanti di via Katalin avevano infine capito che nelle loro vite soltanto un paio di luoghi un paio di momenti ed alcuni episodi contavano davvero. Il resto era stato un semplice riempitivo delle loro fragili esistenze, come i trucioli che si versano nelle casse prima di un lungo viaggio per impedire al contenuto di rompersi. Ormai sapevano che la differenza fra i morti e i vivi è solo qualitativa, non conta granché e sapevano anche che a ciascuno tocca un solo essere umano da invocare nell'istante della morte.”
    Ne “La ballata di Iza” credevo di aver trovato uno degli approcci più sinceri e gentili a che cosa significhi invecchiare, ed è evidente quanto questo sia un tema caro alla Szabò. Tuttavia, l'approccio e la ferocia nascosta sotto una prosa sempre misurata e precisa di “Via Katalin” donano alla tematica un colore del tutto diverso.
    Perché gli abitanti di via Katalin invecchiano senza mai aver superato davvero quei pochi momenti salienti della loro esistenza, e qualcosa, nelle loro vite, rimane bloccato a quei pochi attimi che qualcuno potrebbe chiamare essenza.
    “Tutti gli altri volti della signora Temes - quello bagnato di lacrime, quello spaventato, vuoto, inquisitorio, vorace - oggi per me sono irreali. Allora non sapevo ancora che alcune persone muoiono parecchio prima della loro vera morte, non avevo idea che la loro ultima immagine reale rappresentasse il loro ultimo giorno reale.”
    Con una giravolta stilistica in grado di dare qualche senso di vertigine, ma che in ultima analisi è forse la cosa più salda di tutto il romanzo, la Szabò dà voce proprio al personaggio di Henriett, la ragazza uccisa all'inizio del romanzo: tutto il suo riavvolgersi su sé stessa, la sua insistenza a ricostruire un presente sempre uguale e stabile in via Katalin è l'emblema più forte di tutto il tono del romanzo. I personaggi si avvolgono su loro stessi, vivono in una spirale in cui è impossibile uscire, presi come sono da un passato che sembra non poterli lasciar andare. Blanka, che osservando le onde calde del mare greco invoca la neve, il ghiaccio e via Katalin. Bàlint, che il giorno del suo matrimonio non riesce a fare altro che ridere amaramente, Irén che si aggrappa ai suoi doveri come se questo bastasse a salvarla. Tutte le loro esistenze si fermano in un unico punto, come se la loro vita non fosse mai andata oltre via Katalin, e tutto ciò che quel luogo rappresenta.
    Alla fine, il personaggio più vivo dell'intero romanzo sembra essere proprio Henriett, tanto che verrebbe da domandarsi quale sia la reale differenza - e se una tale differenza possa esistere - tra i sommersi e i salvati.
    Mi rendo conto di non aver rispettato nessuno dei miei buoni propositi, con questa recensione (eppure avrei ancora così tante cose da dire, eppure ho detto così poco del libro, e ho parlato così tanto di me), ma non credo di saper fare di meglio.
    Di nuovo, ripensando a questo romanzo non posso fare altro che vedermi danzare davanti agli occhi delle immagini dalla forza commovente: Irén che sostiene e accompagna suo padre lungo la navata della chiesa, Blanka circondata dai suoi piccoli e numerosi Henriett, un uomo disperato che sfoglia i compiti di una bambina delle elementari sotto il busto di Cicerone.
    E di nuovo, non posso fare altro che esortarvi a farvi un regalo, e a leggere Magda Szabò.

  • The Following User Says Thank You to Jessamine For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Szabò, Magda - La porta
      Da amalianda77 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 15
      Ultimo messaggio: 08-05-2018, 08:39 PM
    2. Szabo, Magda
      Da amalianda77 nel forum Autori
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 12-11-2016, 07:02 PM
    3. 35° Minigruppo - Via Katalin di Magda Szabò
      Da praschese89 nel forum Gruppi di lettura
      Risposte: 26
      Ultimo messaggio: 03-24-2012, 08:16 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •