Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Naufraghi in porto

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Deledda,Grazia- Naufraghi in porto

  1. #1
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6795
    Thanks Thanks Given 
    36
    Thanks Thanks Received 
    70
    Thanked in
    53 Posts

    Predefinito Deledda,Grazia- Naufraghi in porto

    Costantino e Giovanna sono sposati da poco ed hanno un bimbo. Costantino è però sotto processo per omicidio e l’intero paese lo ritiene già colpevole. Anche la corte lo condanna e Giovanna piomba nella disperazione (col decisivo apporto della madre) considerandolo già morto.
    Costantino non perde la speranza di uscire ma pian piano il paese lo dimentica, compresa la moglie .....


    Ho incontrato un po' di difficoltà nel terminare questo libro, eppure non si può dire che sia scritto in maniera pesante o che non sia scorrevole. Forse l'appunto che si può fare all'autrice è che l'atmosfera (quindi anche la prosa) è un po'cupa, i protagonisti, in un modo o nell'altro, diventano tutti eroi negativi- o per meglio dire naufraghi - senza possibilità di riscatto. Belle alcune descrizioni della natura aspra dell'entroterra sardo, che finisce con l'influenzare anche la natura delle persone.
    La Deledda è stata definita la versione al femminile del Verga... non saprei se sono d'accordo, per ora la Sicilia batte la Sardegna

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2012
    Località
    tra La Spezia, il Tigullio e la Val di Vara
    Messaggi
    448
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da isola74 Vedi messaggio
    [I]Belle alcune descrizioni della natura aspra dell'entroterra sardo, che finisce con l'influenzare anche la natura delle persone.
    La Deledda è stata definita la versione al femminile del Verga... non saprei se sono d'accordo, per ora la Sicilia batte la Sardegna

    A prescindere dalla mia personale prefernza per la Deledda e la gente di Sardegna (quest'ultima legata anche a fatti personali) direi che, come giustamente hai osservato, l'asprezza dei luoghi si riverbera sulle persone e ne condiziona il carattere, nei libri dell'autrice come nella realtà.
    Sì, si può dire che la Deledda sia il Verga al femminile, tenendo peraltro conto sia dell'ambiente e della gente che descrive che della differenza dei caratteri e della visione della vita dei due scrittori. Inoltre credo che tu ti sia scelta uno dei libri più cupi (ottima definizione) della Deledda.

  3. #3
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6795
    Thanks Thanks Given 
    36
    Thanks Thanks Received 
    70
    Thanked in
    53 Posts

    Predefinito

    Purtroppo non sono mai stata in Sardegna ma spero di riuscire ad andarci presto: tutti mi dicono cose meravigliose! Se ti va puoi suggerirmi qualche altro libro che reputi superiore a questo

    NB- ho letto Canne al vento più di dieci anni fa e non lo ricordo affatto...cattivo segno???

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2012
    Località
    tra La Spezia, il Tigullio e la Val di Vara
    Messaggi
    448
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    La Sardegna, e mi riferisco soprattutto alla Sardegna interna e alla costa nord occidentale è splendida. La visitai con un apersona particolarmente cara che era di Tempio e grazie a lei scoprii una terra e un popolo unico.
    "Canne al vento" è il romanzo più noto della Deledda, incentrato (grosso modo) sulla storia di una famiglia e in particolare si tre sorelle, ultime della casa.
    Ma secondo me è molto bella "Elias Portolu", la storia di un ex detenuto che ama la cognata. Lo scoprii grazie a quella persona e ne serbo un bel ricordo.

Discussioni simili

  1. Deledda, Grazia - Canne al vento
    Da Spilla nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 01-08-2016, 03:53 PM
  2. Deledda, Grazia - La madre
    Da gelsomina nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 10-17-2015, 10:44 PM
  3. Verasani, Grazia - Quo vadis, baby?
    Da monnalisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 05-04-2013, 02:01 PM
  4. Joanou, Phil - Stato di grazia
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-22-2012, 11:01 PM
  5. Verasani, Grazia
    Da gialla nel forum Autori
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 12-17-2008, 12:42 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •