Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Le quattro casalinghe di Tokyo

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Natsuo, Kirino - Le quattro casalinghe di Tokyo

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    783
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Natsuo, Kirino - Le quattro casalinghe di Tokyo

    Trama tratta dal web: La pazienza di Yaoyoi, della dolce e graziosa Yaoyoi, si è rotta oggi improvvisamente come un filo. Nell'ingresso di casa, davanti alla faccia insopportabilmente insolente di Kenji, il marito che ha dilapidato tutti i suoi risparmi, Yaoyoi si è tolta la cinghia dei pantaloni e l'ha stretta intorno al collo del disgraziato. Kenji ha tentato di afferrare la cintura, ma non ne ha avuto il tempo. La cinghia gli è penetrata subito nella carne. È stato buffo vedere come il collo di Kenji si sia piegato all'indietro e le mani abbiano cominciato ad annaspare disperatamente nell'aria. Sì, buffo, veramente buffo, poiché un uomo così, un infelice che beve e gioca, non si cura dei figli, è attratto da donne impossibili e picchia la moglie, non meritava certo di vivere! Le gambe abbandonate storte sul pavimento di cemento dell'ingresso, accasciato sulla soglia, la testa tutta girata, Kenji, a un certo punto, non si è mosso più. Yaoyoi gli ha messo allora una mano sul collo per sentire le pulsazioni. Niente. Sul davanti dei pantaloni ha visto una macchia bagnata. E ha riso, stupefatta della forza furiosa, della crudeltà di cui era stata capace. Ha riso anche quando Masako e Yoshie, le fedeli amiche, l'hanno aiutata trasportando il cadavere a casa di Masako, tagliandolo a pezzetti e gettando poi i resti in vari bidoni d'immondizia.

    Questo è stato il primo libro che ho letto di questa autrice. Mi ha catturato il titolo e la copertina,al momento dell'acquisto non avevo buttato neanche mezza occhiata alla trama. Il titolo non lasciava presagire il contenuto( infatti il titolo originale è Out,decisamente più appropriato). Alcune scene risultano estremamente "forti",come la spiegazione del modo in cui viene fatto a pezzi il corpo di Kenji. La prima parte mi ha catturata,ero curiosa di conoscere ogni particolare della mente delle quattro donne coinvolte,fredde e dall'animo "asettico" come la fabbrica in cui lavorano. Tutto lo spazio intorno sembra assorbire questo grigiore,non si respira mai aria pulita,non si percepisce mai una scintilla di gioia,se non legata a sentimenti di crudeltà. La seconda parte e il finale in particolare sono forse abbastanza scontati ma non per questo mi hanno colpita di meno. Il personaggio di Masako prende il sopravvento,surclassando quello della reale assassina di Kenji,forse perché è lei a mettere in atto il piano per nascondere le tracce dell'omicidio,è lei che riesce a fare a pezzi un uomo nel bagno di casa sua per poi ripulire come se niente fosse accaduto. Ci sono dei momenti in cui Masako sembra provare ribrezzo per quello che ha fatto ma passano in fretta così come sono venuti. È questo personaggio a reggere la storia ed è con lei,infatti,che si conclude. Consiglio la lettura anche ai non appassionati del genere perché merita veramente.
    Ultima modifica di Minerva6; 02-05-2018 alle 05:19 PM. Motivo: Edit titolo

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Siena
    Messaggi
    1654
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    già sui miei scaffali da qualche mese... deve solo aspettare il suo turno...

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2275
    Thanks Thanks Given 
    4
    Thanks Thanks Received 
    14
    Thanked in
    13 Posts

    Predefinito

    questo libro mi ha piacevolmente colpito: la scrittura è molto semplice e scorrevole, periodi brevi e descrizioni brevi ma dettagliate (molto giapponese), il tema però è molto più cupo e razionale dei romanzi giapponesi a cui sono abituata (mi viene da dire che è l'unico libro giapponese in cui non c'è un suicidio e sarebbe invece giustificato, rispetto a tutti i libri giapponesi con suicidio che ho letto, ma molto più allegri nel complesso). Sono rimasta piacevolmente colpita dal finale, non l'ho trovato affatto scontato, anzi l'ho trovato molto più forte e umano di quanto pensassi... i personaggi sono perfettamente delineai, sipotrebbero riassumere tutti in pochi aggettivi, non hanno molte sfaccettature... in conclusione lo consiglio a quanti amano le storie reali e crude, ma non di vita quotidiana...

  4. The Following User Says Thank You to velmez For This Useful Post:


  5. #4
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    1007
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    388
    Thanks Thanks Received 
    283
    Thanked in
    184 Posts

    Predefinito

    Beh, non c’è che dire: questo è decisamente un romanzo singolare e sui generis, sia per ambientazione sia per stile. Abituata alle atmosfere eteree ed allo stile lieve di altri autori orientali, non avrei mai pensato di imbattermi in una vicenda così truculenta scritta da un’autrice giapponese e devo dire che la cosa ha il suo fascino. Questo romanzo unisce la crudezza e la spregiudicatezza dei noir occidentali con la capacità tutta orientale di assorbire e rendere terribilmente normali anche gli eventi più truci.
    Il risultato è che qui si parla della morte, dell’omicidio e dello smembramento di cadaveri con una freddezza disarmante che, tuttavia, rende tutto più intenso e delirante.
    I protagonisti sono tanti, tutti diversi e ben caratterizzati: ci sono le quattro casalinghe impiegate nei turni di notte in uno stabilimento dove si preparano colazioni industriali, tutte con problemi familiari ed economici; c’è Satake, l’oscuro ed affascinante proprietario di una casa da gioco con un passato insondabile e terribile; c’è il giovane piccolo malavitoso dal colletto bianco, dalla coscienza torva e dall’animo tutt’altro che intrepido. Questa varietà di soggetti, che contribuiscono a rendere la narrazione altrettanto varia con il loro punto di vista, imprime al romanzo una dimensione più umana, quotidiana, inquietante. Se vi piace il genere e non avete problemi di stomaco… beh, ve lo consiglio: è un’esperienza di lettura da fare!

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. 1° Turno Torneo: 6. McGrath VS K.Natsuo
    Da Des Esseintes nel forum Tutti i giochi
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 12-19-2011, 12:56 AM
  2. Eisler, Barry - Pioggia nera su Tokyo
    Da elydark nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-19-2011, 09:06 AM
  3. Estemporanee casalinghe
    Da tavololaici nel forum Amici
    Risposte: 37
    Ultimo messaggio: 04-25-2011, 05:22 PM
  4. casalinghe/i disperati
    Da franceska nel forum Amici
    Risposte: 59
    Ultimo messaggio: 10-16-2010, 01:54 PM
  5. Hayder, Mo - Le notti di Tokyo
    Da libraia978 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 09-06-2007, 04:55 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •