Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Si sta facendo sempre più tardi

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Tabucchi, Antonio - Si sta facendo sempre più tardi

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    337
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Tabucchi, Antonio - Si sta facendo sempre più tardi

    Premetto che ci vuole un po’ di impegno, credo, per affrontare questo breve romanzo epistolare. E’ costituito da una serie di lettere, tutte (tranne una) indirizzate a donne; da parte di un uomo maturo che pretende di trovarsi più avanti negli anni di quanto realmente non sia e che il tempo, che gli sta sfuggendo dalle mani, non gli conceda che un’ultima lettera, seppur tardiva: per riallacciare in extremis un rapporto, per rivivere un ricordo particolarmente vivido oppure per pareggiare conti che rimarrebbero insoluti all’infinito, a causa della scomparsa di una delle parti in causa o ancora per raggiungere idealmente nell’aldilà qualcuno con cui si è iniziato un discorso che non è stato possibile portare a termine.
    Nell’affrontare ogni lettera, ci si trova come se ci si stesse apprestando a risolvere un rebus. Il mare, la capra, la donna con gli occhi chiusi, l’asso di picche. La vecchia, il geco sul muro, la forma di formaggio sopra la tavola, l’uomo che fa i conti. L’uomo nell’acqua fino alla vita, il biglietto che galleggia, il bastimento all’orizzonte. Lo scalone, il corrimano a testa di serpente, la porta socchiusa, lo specchio fessato, l’album di fotografie
    Queste lettere che celebrano il trionfo della parola, come «messaggi nella bottiglia» non hanno destinatario, sono missive che l’autore ha indirizzato «a un fermo posta sconosciuto». E' come se fossero tentativi di spiegare a se stessi qualcosa che si è capito in ritardo; a causa di ciò si è perduta un’occasione irripetibile e poi... «la vita è transitata». Non bisogna pertanto insistere a cercarvi significati reconditi. La chiave di lettura è lì, in quel «tardi», nell’urgenza divenuta improcastinabile di sgravarsi, liberandosi da un insopportabile fardello di parole, il cui flusso è divenuto incontenibile.
    Per queso libro Tabucchi ha ricevuto il premio France Culture 2002 per la letteratura straniera

  2. #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13823
    Thanks Thanks Given 
    774
    Thanks Thanks Received 
    545
    Thanked in
    402 Posts

    Predefinito

    L'ho iniziato ieri per la nuova sfida letteraria, i primi 2 racconti o dovrei dire le prime 2 lettere, mi sono piaciute abbastanza, nella prima mi sono pure identificata nella donna che dorme (per la mia profonda storia d'amore con Morfeo ), mentre della seconda ho apprezzato particolarmente questa parte:
    Il suicidio, per il fatto di essere una scelta radicale, paradossalmente in fondo è più facile: un gesto, e via. Ben più difficile è il silenzio. Esso presuppone pazienza, costanza, testardaggine; e soprattutto si confronta con il giorno-dopo-giorno della nostra vita, i giorni che ci restano, uno dopo l'altro, lunghi davvero nelle loro piccole ore, è come un voto, è di cristallo, un niente lo può rompere, e il suo nemico è il tempo.

    Dalla terza però ho trovato una difficoltà enorme nella lettura, le parole non riuscivano più a trasmettermi nulla e ad interessarmi, anzi mi infastidivano...mi sa che stavolta il mio caro Antonio mi ha un po' delusa, non so se ce la faccio a proseguire. Magari non è il momento giusto per farlo.
    Perciò con grande dispiacere mi trovo costretta ad abbandonarlo...
    Ultima modifica di Minerva6; 12-02-2013 alle 05:23 PM.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2015
    Località
    un po' dove capita
    Messaggi
    251
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    ho appena terminato questo romanzo, e devo ammettere di aver fatto fatica a non perdere la concentrazione.
    L'ho trovato eccessivamente verboso e fastidiosamente auto celebrativo; alcuni dei racconti o lettere (anche se non è sempre chiaro chi sia la fantomatica destinatarie) sono piacevoli, ma in generale è abbastanza pesante.
    Di sicuro non è il romanzo migliore di Tabucchi.

Discussioni simili

  1. Tabucchi, Antonio - Sostiene Pereira
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 68
    Ultimo messaggio: 09-13-2017, 09:55 PM
  2. Tabucchi, Antonio - L'angelo nero
    Da Cold Deep nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 03-17-2016, 02:38 PM
  3. Tabucchi, Antonio - Notturno Indiano
    Da elesupertramp nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 09-21-2015, 09:30 PM
  4. Tabucchi, Antonio - Futuro Nobel?
    Da elisa nel forum Autori
    Risposte: 31
    Ultimo messaggio: 05-24-2012, 09:14 PM
  5. Tabucchi, Antonio - Requiem
    Da Decio nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 04-20-2012, 11:27 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •