Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Pianto di sirena e altri racconti

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Tanizaki, Jun’ichiro - Pianto di sirena e altri racconti

  1. #1
    Member
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Siena
    Messaggi
    98
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Tanizaki, Jun’ichiro - Pianto di sirena e altri racconti

    Jun’ichiro Tanizaki (1886-1965), nei suoi racconti di esordio (siamo tra il 1910 e il 1917) realizza una mirabile sintesi tra le poetiche decadenti europee (Wilde, Poe), intrise di un culto raffinato per la bellezza e di un profondo senso del mistero, e un’innata capacità di indagare i più riposti recessi della psiche, a cui si aggiunge l’attrazione/paura della carne proveniente dalle sue radici culturali.
    Ne nascono situazioni e personaggi caratterizzati da una sensualità languida e perversa, che oscilla tra un sadismo che fa della sofferenza arte (“Il tatuaggio”) e un masochismo che trae voluttà dal rendersi vittima della più raffinata crudeltà (“Kirin”) o dal conformarsi ai desideri altrui (“Buffone di professione”). La bellezza femminile, sensuale, perversa e crudele, si esprime attraverso la dominazione, anche quando essa rappresenta l’alter ego del protagonista nel gioco del travestimento (“Il segreto”).
    Altre volte la donna è solo un medium, un “animale guida” nel bosco intricato dove convivono bene e male, bellezza e orrore, innocenza e perdizione: il Parco di “Il prestigiatore”. Il pellegrinaggio del protagonista e della sua compagna culmina al cospetto del mago, un androgino in cui bellezza (femminile) e forza (virile) appaiono finalmente risolti in unità. Davanti al suo fascino conturbante e soggiogati dalle sue parole, i protagonisti si lasciano andare alla danza sfrenata del satiro, in cui la perdita delle fattezze umane mediante la metamorfosi rappresenta la conquista della totalità e pienezza esistenziale.
    Nel racconto che da il titolo alla raccolta, l’incontro tra Oriente e Occidente nella città frontiera di Nanchino genera un’atmosfera bizantina, lussuosa e lussuriosa, e l’omaggio (per noi straniante) dell’oriente alla nostra Europa “culla di civiltà”. L’incontro tra i due mondi, tanto agognato dal giovane ricco, vizioso e annoiato che ne è il protagonista, avviene attraverso l’apparizione della sirena (di cui un misterioso mercante olandese si disfa con dolore), ambigua sintesi di pura bellezza e sotterranea crudeltà, candida fanciulla e gelido serpente d’acqua, ardente passione e sovrana indifferenza. Il suo ultimo guizzo fuori dalle acque del mare lascia appena intravedere l’esistenza di un mistero insondabile, alla ricerca del quale il protagonista compirà, verso l’Europa, quel viaggio di ricerca che tanti giovani europei, decenni dopo, ripercorreranno a ritroso.
    Ultima modifica di GermanoDalcielo; 05-26-2012 alle 10:01 PM.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2013
    Località
    siracusa
    Messaggi
    227
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Lollina Vedi messaggio
    Jun’ichiro Tanizaki (1886-1965), nei suoi racconti di esordio (siamo tra il 1910 e il 1917) realizza una mirabile sintesi tra le poetiche decadenti europee (Wilde, Poe), intrise di un culto raffinato per la bellezza e di un profondo senso del mistero, e un’innata capacità di indagare i più riposti recessi della psiche, a cui si aggiunge l’attrazione/paura della carne proveniente dalle sue radici culturali.
    Ne nascono situazioni e personaggi caratterizzati da una sensualità languida e perversa, che oscilla tra un sadismo che fa della sofferenza arte (“Il tatuaggio”) e un masochismo che trae voluttà dal rendersi vittima della più raffinata crudeltà (“Kirin”) o dal conformarsi ai desideri altrui (“Buffone di professione”). La bellezza femminile, sensuale, perversa e crudele, si esprime attraverso la dominazione, anche quando essa rappresenta l’alter ego del protagonista nel gioco del travestimento (“Il segreto”).
    Altre volte la donna è solo un medium, un “animale guida” nel bosco intricato dove convivono bene e male, bellezza e orrore, innocenza e perdizione: il Parco di “Il prestigiatore”. Il pellegrinaggio del protagonista e della sua compagna culmina al cospetto del mago, un androgino in cui bellezza (femminile) e forza (virile) appaiono finalmente risolti in unità. Davanti al suo fascino conturbante e soggiogati dalle sue parole, i protagonisti si lasciano andare alla danza sfrenata del satiro, in cui la perdita delle fattezze umane mediante la metamorfosi rappresenta la conquista della totalità e pienezza esistenziale.
    Nel racconto che da il titolo alla raccolta, l’incontro tra Oriente e Occidente nella città frontiera di Nanchino genera un’atmosfera bizantina, lussuosa e lussuriosa, e l’omaggio (per noi straniante) dell’oriente alla nostra Europa “culla di civiltà”. L’incontro tra i due mondi, tanto agognato dal giovane ricco, vizioso e annoiato che ne è il protagonista, avviene attraverso l’apparizione della sirena (di cui un misterioso mercante olandese si disfa con dolore), ambigua sintesi di pura bellezza e sotterranea crudeltà, candida fanciulla e gelido serpente d’acqua, ardente passione e sovrana indifferenza. Il suo ultimo guizzo fuori dalle acque del mare lascia appena intravedere l’esistenza di un mistero insondabile, alla ricerca del quale il protagonista compirà, verso l’Europa, quel viaggio di ricerca che tanti giovani europei, decenni dopo, ripercorreranno a ritroso.
    Come ti è sembrato? Piaciuto? Io non ho mai letto nulla di lui, ma mi incuriosisce moltissimo cm scrittore....

Discussioni simili

  1. Cechov, Anton - La fidanzata e altri racconti
    Da Minerva6 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-19-2014, 01:03 PM
  2. Cechov,Anton Pavlovic - La steppa e altri racconti
    Da SALLY nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 03-30-2012, 04:00 PM
  3. Agnon, S. Y. - La leggenda dello scriba e altri racconti
    Da fernycip nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-01-2012, 10:27 PM
  4. Maupassant, Guy de - La casa Tellier e altri racconti
    Da Minerva6 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-27-2011, 06:46 PM
  5. Hoffmann; Ernst T. - Il vaso d'oro e altri racconti
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-24-2009, 12:02 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •