Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Cosmopolis

Mostra risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: De Lillo, Don - Cosmopolis

  1. #1
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19026
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    751
    Thanked in
    466 Posts

    Predefinito De Lillo, Don - Cosmopolis

    Eric Packer ha 28 anni ed è un miliardario e finanziere di successo planetario che decide la mattina della visita del Presidente degli Stati Uniti a New York di andarsene con la sua limousine bianca a tagliarsi i capelli in un quartiere disagiato dall'altra parte di Manhattan. Inizia una propria e vera Odissea visto che la città è bloccata per diversi eventi concomitanti, incontrerà la moglie e i suoi collaboratori più stretti, passerà più o meno indenne diverse situazioni a volte anche grottesche, ripercorrendo a ritroso e simbolicamente la sua ascesa fino alla fine.

    Don De Lillo scrive bene e scrive in quel modo allucinato e teso che ti permette di restare incollato alla pagina per capire cosa succederà al nostro protagonista in questo percorso consumato quasi sempre dentro la limousine intrappolato nel traffico di una città quasi irreale, fatta di persone che sembra recitino una vita che non gli appartiene, dove i contatti sono tesi ed enfatici. Il protagonista pensa e dialoga in continuazione, tutto è eccessivamente razionale, logico, niente spazio alle emozioni, alla passione, all'errore, all'asimmetria. Un libro che rappresenta perfettamente la realtà di oggi, niente di più distante dall'umano degli uomini che giocano con la finanza, senza sentimenti e senza speranze che non siano i loro sistemi matematici.
    Bello.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    la leggendaria terra dei Consulenti
    Messaggi
    1235
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Continuo a leggere romanzi con protagonisti giovani,ricchissimi, con pantagruelici appetiti sessuali e nessun rispetto delle regole comuni.
    Cosmopolis non mi sta appassionando. Eppure e' breve,ben scritto.
    ma prenderei a schiaffi il protagonista e questa corte di cicisbei e cortigiane accondiscendenti.

  3. #3
    Junior Member
    Data registrazione
    Jan 2015
    Località
    Puglia
    Messaggi
    7
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Possibile che nessuno abbia letto Cosmopolis??

    Personalmente lo ritengo un ottimo libro. Forse non sarà una lettura semplicissima, ma è uno di quei libri che per essere capiti fino in fondo esigono che il lettore connetta i neuroni e inizi a pensare e a riflettere sulla realtà che lo circonda insieme ai protagonisti.
    Erick Packer può essere considerato uno dei nuovi sovrani del mondo moderno. Giovane, brillante, intraprendente e miliardario. Sono lui e gli uomini come lui a far girare il nostro mondo, non c'è più spazio per ideologie o politiche, c'è solo una cosa che conta, che vale ed è uguale per tutti: il Dio Denaro.

    Erick vede lunghe file, cifre inimaginabili di denaro, passare da un capo all'altro del mondo su di uno schermo nella sua limousine. Sono queste azioni di borsa a far funzionarie la società moderna, e lui lo sa bene, eppure tratta il tutto con freddezza e distacco, come se non se ne rendesse conto. E in questo ordine e questa matematizzazione totale dell'uomo e del mondo, una piccolissima incongurenza, un piccolissimo squilibrio può far crollare il suo immenso impero, che in un attimo si trasforma in un pericolante castello di carte.

    Libro consigliatissimo, uno di quelli che ci fa riflettere nel "nuovo" mondo nel quale viviamo.

    Già che ci sono consiglio anche l'ottimo e omonimo film girato da questo libro da Cronemberg, una vera chicca!!

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2014
    Località
    Cerro Maggiore
    Messaggi
    189
    Thanks Thanks Given 
    4
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito

    Secondo me il protagonista non rappresenta nessun uomo bensì la "tecnica finanziaria" stessa. E come la finanza non si cura della politica (la visita del Presidente) e tanto meno degli eventi sociali che gli scivolano addosso come le uova marce sulla sua limousine. La finanza bada solo di migliorare se stessa (tagliarsi i capelli), arricchirsi, incurante dei costi umani che questo comporta.
    La differenza tra finanza e finanziere può sembrare trascurabile ma non lo è, perché il finanziere è solo un uomo e quindi può scegliere (guidato da pulsioni, emozioni, ecc.), la tecnica invece come entità astratta non è libera, non può scegliere, ha invece un solo scopo che persegue meccanicamente senza alcuna coscienza, ed è appunto quella di arricchirsi.
    Ogni incontro del film va in quadrato in quest'ottica.

    Ciao, MadLuke.

  5. #5
    Junior Member
    Data registrazione
    Jan 2015
    Località
    Puglia
    Messaggi
    7
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da MadLuke Vedi messaggio
    Secondo me il protagonista non rappresenta nessun uomo bensì la "tecnica finanziaria" stessa. E come la finanza non si cura della politica (la visita del Presidente) e tanto meno degli eventi sociali che gli scivolano addosso come le uova marce sulla sua limousine. La finanza bada solo di migliorare se stessa (tagliarsi i capelli), arricchirsi, incurante dei costi umani che questo comporta.
    La differenza tra finanza e finanziere può sembrare trascurabile ma non lo è, perché il finanziere è solo un uomo e quindi può scegliere (guidato da pulsioni, emozioni, ecc.), la tecnica invece come entità astratta non è libera, non può scegliere, ha invece un solo scopo che persegue meccanicamente senza alcuna coscienza, ed è appunto quella di arricchirsi.
    Ogni incontro del film va in quadrato in quest'ottica.

    Ciao, MadLuke.
    Mi piace e condivido quest'interpretazione, ma in tal caso come si può interpretare la graduale autodistruzione a cui il protagonista decide di andare in contro? O anche il concetto sempre velato durante tutto il libro del leggero imprevisto e del conseguenziale squilibrio? (tanto per intenderci la "prostata decentrata" e il costante "salire dello yen")

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2014
    Località
    Cerro Maggiore
    Messaggi
    189
    Thanks Thanks Given 
    4
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Nico. Vedi messaggio
    Mi piace e condivido quest'interpretazione, ma in tal caso come si può interpretare la graduale autodistruzione a cui il protagonista decide di andare in contro? O anche il concetto sempre velato durante tutto il libro del leggero imprevisto e del conseguenziale squilibrio? (tanto per intenderci la "prostata decentrata" e il costante "salire dello yen")
    Non vorrei peccare di faciloneria, ma a me sembra chiaro: attualmente la finanza è dell'Occidente, cioè quel 20% di popolazione che gode dell'80% delle risorse planetarie. E' un sistema che non è in equilibrio, evidentemente, e per la teoria dei sistemi neanche può andare avanti all'infinito, senza crollare.

    Ciao, MadLuke.

  7. #7
    Pensatore silenzioso
    Data registrazione
    Apr 2014
    Località
    Ovunque... basta che ci sia il mio cane accanto.
    Messaggi
    1651
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    172
    Thanks Thanks Received 
    214
    Thanked in
    131 Posts

    Predefinito

    Io di De Lillo ho provato solo "La stella di Ratner". Non sono riuscito a finirlo. Ma l'ho abbandonato troppo facilmente. Sicuramente lo riprenderò, prima o poi...

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. DeLillo, Don - Underworld
    Da sun nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 10-04-2016, 05:45 PM
  2. Cronenberg, David - Cosmopolis
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 07-22-2013, 01:23 PM
  3. Winslow, Don - Satori
    Da fabiog nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-05-2011, 11:33 PM
  4. Casanova o Don Giovanni?
    Da elisa nel forum Salotto letterario
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-26-2010, 05:29 PM
  5. auguri lillo
    Da puffetta nel forum Amici
    Risposte: 29
    Ultimo messaggio: 06-26-2008, 03:44 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •