Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il villaggio di Stepànčikovo e i suoi abitanti

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Dostoevskij, Fedor - Il villaggio di Stepànčikovo e i suoi abitanti

  1. #1
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    133
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito Dostoevskij, Fedor - Il villaggio di Stepànčikovo e i suoi abitanti

    Da Wikipiedia:
    Sergèj Aleksandrovič, voce narrante della storia, viene invitato nella residenza di suo zio Egòr Il'ìč, colonnello e possidente di Stepančikovo, dove conosce Fomà Fomìč Opiskin. Caricaturale, ridicolo ma cinico, questi rappresenta la figura del parassita, che si spaccia per un erudito sapiente, soggiogando completamente non solo lo zio di Sergèj e la sua anziana madre «generalessa», ma anche altre dame di provincia e l'intera servitù della casa.
    Mi fermo qui per quanto riguarda la trama, se no vi tolgo tutto il gusto di scoprirla da soli!

    Qualcuno mi ha suggerito quest'opera come “chicca” del mio scrittore preferito e devo dire che la definizione ci sta a pennello: un vero gioiellino, costruito in modo impeccabile. Pare che lo stesso Dosto considerasse questa come la sua opera migliore (bè... fino a quel momento! direi che dopo di capolavori ne sono venuti fuori dalla sua penna!) e questo perchè, per dirla con le sue stesse parole “vi sono due grossissimi caratteri tipici, elaborati (secondo me) alla perfezione, caratteri russi in tutto e per tutto e mai rappresentati fin ora nella letteratura russa.” (Piccola parentesi: avevo già avuto modo di constatare che Dostoevskij avesse molto a cuore il riuscire a rappresentare nelle sue opere l'anima del popolo russo, e questo l'ho sempre trovato molto affascinante...)
    I due personaggi in questione sono l'uno l'opposto dell'altro: da una parte la personificazione della boria, dell'amor proprio non giustificato da nessun talento (e nemmeno da una presunta vita di sofferenze e umiliazioni che voglia in qualche modo essere riscattata), dall'altra la bontà, la generosità, il candore portati all'estremo, fino a sconfinare nell'assoluta incapacità di affermare la propria personalità e persino la propria dignità di essere umano. E' incredibile come queste due figure così diverse si compenetrino a vicenda e quasi si completino: come potrebbe essere Fomà Fomic il tiranno stolto e vanaglorioso che è, se non avesse dall'altra parte un uomo che gli si sottomette in tutto (sebbene non a causa di un mero servilismo bensì di un'estrema nobiltà d'animo)?
    Dal punto di vista della narrazione, fin dalle prime pagine mi è sembrato quasi di vivere un deja-vu (o meglio... un deja-lu!!!) con L'idiota... Le premesse sono simili: una serie di personaggi; una situazione “complicata” non svelata del tutto ma di cui si intuisce la portata; l'arrivo di un personaggio estraneo alla vicenda proprio nel momento in cui questa raggiunge il suo apice. L'equilibrio continuamente minacciato sembra sul punto di spezzarsi definitivamente: i nodi vengono al pettine e si ha l'impressione che la situazione stia per precipitare da un momento all'altro... Eppure la cosa più bella è che, nonostante i continui colpi di scena, la “coerenza interna” dei due catteri è talmente grande da far sì che nessuno dei due smentisca mai la propria indole; anzi, il “lieto fine” (così raro in Dosto) non ha altra funzione che confermare la perfezione e la reciprocità dei due caratteri contro ogni aspettativa del buon senso, fino alla fine.
    Credo che davvero in questo breve romanzo, il mio amato scrittore abbia dato il meglio di sé... e chissà se è proprio dallo studio di alcuni di questi personaggi, così finemente tratteggiati (sebbene, inevitabilmente, semplificati e quasi caricaturali), che poi hanno preso vita le figure grandiose delle sue opere più celebri!

    5/5
    Ultima modifica di ayuthaya; 07-06-2012 alle 01:16 PM.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2301
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    164
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito

    Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti è un libro che, per il divertimento nel leggerlo, per l’ironia e la facilità di lettura, è riuscito a scardinare alcune mie convinzioni sbagliate. Infatti, avevo sempre diviso gli autori russi in due categorie ben distinte: da una parte autori “impegnativi” da leggere, vuoi per la mole delle loro opere, vuoi per la profondità dei loro scritti; dall’altra autori “leggeri” da leggere. Sia chiaro che utilizzavo questo aggettivo non per tacciare questi autori di superficialità, quanto piuttosto per sottolineare il loro uso dell’ironia e della satira, sotto la cui apparente leggerezza nascondevano temi ben più complessi. Dostoevskij, ovviamente, lo avevo sempre posto tra gli autori impegnativi. Con mia sorpresa, invece, questo libro mi ha dimostrato che l’ironia e la leggerezza non gli sono affatto estranei, anzi coesistono brillantemente con la sua inarrivabile capacità di sondare l’animo umano. Una cosa dopotutto non esclude l’altra.
    Leggendo questo libro il lettore ha la costante sensazione, come Sergej Aleksandrovic, la voce narrante, di esser finito in un manicomio. A Stepancikovo tutto va, infatti, al rovescio di come dovrebbe, tanto che a far da padrone di casa è un buffone e non il padrone stesso, ma anche il resto degli abitanti non scherza in quanto a stravaganze. Una zitella sventata, un paio di improbabili corteggiatori, un servo alla disperata ricerca di un cognome accettabile, una vecchia il cui merito più grande è quello di essere una generalessa ed un cerchio di dame la cui unica funzione è quella di essere inopportune, questi sono una parte degli strampalati abitanti di questa casa. Ma su tutti dominano due figure antitetiche: il padrone di casa Egor Il’ic Rostanev, il cui unico grosso difetto è quello di essere troppo buono, al punto di sentirsi sempre in colpa per qualcosa, e responsabile per gli sbagli altrui; e Foma Fomic, il buffone, l’uomo borioso, che senza alcun merito o qualità inaspettatamente riesce a tenere in soggezione tutti.
    L’intento di Dostoevskij è quello di rappresentare alcuni “caratteri” russi, mettendone in evidenza i pregi, difetti e le bassezze, ma a differenza di altri autori per far questo non usa i caratteri pungenti della satira, quanto piuttosto quelli leggeri ed esilaranti della commedia, per cui il lettore invece di abbandonarsi a dei sorrisi agro-dolci si abbandona a delle risate piene.
    Libro consigliato a chi vuole scoprire un Dostoevskij “diverso”, a chi è convinto che la letteratura russa siano solo libri lunghi e pesanti, perché possa rendersi conto di aver sempre sbagliato, a chi vuole leggere un libro divertente e scorrevole senza rinunciare però all’idea di leggere un libro di un Grande Autore.

  3. #3
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13824
    Thanks Thanks Given 
    776
    Thanks Thanks Received 
    546
    Thanked in
    403 Posts

    Predefinito

    Che altro si può aggiungere dopo i vostri commenti ?
    Per me il Dosto è sempre una garanzia (anche sotto queste vesti solo all'apparenza più frivole), spero che tutti ascolteranno il consiglio di bou così lo leggeranno anche quelli che lo temono ancora .

    Io l'ho letto qui
    http://www.forumlibri.com/forum/grup...tml#post398758
    Ultima modifica di Minerva6; 10-19-2015 alle 02:43 PM.

  4. #4
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2654
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    250
    Thanked in
    164 Posts

    Predefinito

    Un bel romanzo questo “Villaggio di S.”, una commedia leggera e ironica, dove compare uno dei personaggi più odiosi di sempre: Fomà Fomic.

    ... per il resto mi associo alle recensioni di bou e ayu

Discussioni simili

  1. Dostoevskij, Fedor - Il giocatore
    Da lele72 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 36
    Ultimo messaggio: 02-05-2017, 11:42 PM
  2. Dostoevskij, Fedor
    Da mado84 nel forum Autori
    Risposte: 126
    Ultimo messaggio: 12-11-2016, 08:04 PM
  3. Dostoevskij, Fedor - I demoni
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 31
    Ultimo messaggio: 01-30-2016, 05:15 PM
  4. Dostoevskij, Fedor - Racconti
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 01-17-2016, 07:53 PM
  5. Dostoevskij, Fedor - Il sosia
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 21
    Ultimo messaggio: 02-11-2015, 04:02 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •