Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Diario di un curato di campagna

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Bernanos, Georges - Diario di un curato di campagna

  1. #1
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5103
    Thanks Thanks Given 
    148
    Thanks Thanks Received 
    215
    Thanked in
    132 Posts

    Predefinito Bernanos, Georges - Diario di un curato di campagna

    "Un giovane prete appena ordinato viene inviato come parroco ad Ambricourt, piccolo villaggio francese.

    Il giovane prete vuole ispirare la sua azione pastorale allo spirito del Vangelo, e per questo entra continuamente in contrasto con i parrocchiani. Non gli resta che affidare pensieri e tormenti a un diario segreto, strumento di presa di coscienza della propria interiorità e di conseguente auto-liberazione.

    Per questioni di ministero deve occuparsi della situazione esistente nella famiglia di un conte. Questi ha una relazione con la governante della sua figlia adolescente, Chantal. La contessa è nemica di tutti: il marito la trascura, vive solo del ricordo di un figlio morto piccolo, ha un atteggiamento di ribellione anche verso Dio.

    Il giovane parroco le si avvicina, la aiuta a confessarsi, e la riporta alla fede; la notte seguente la contessa muore. Questo episodio rafforza l'ostilità della famiglia del conte e dei parrocchiani contro di lui.

    Dopo poco tempo si scopre malato di cancro. Morirà poco dopo in casa di un ex compagno di seminario, prete spretato, tubercolotico, che ha abbandonato il sacerdozio per una donna. A lui chiederà l'assoluzione finale dei suoi peccati. L'amico accondiscende, anche se non nasconde il suo turbamento per il fatto che il parroco di Ambricourt è venuto a morire proprio nella sua casa di peccato. "Che cosa importa? Tutto è grazia", replica il sacerdote morente che scopre, adesso, come l'itinerario della sua esistenza sia stato guidato dalla Grazia."


    Riporto la trama completa da Wikipedia perchè purtroppo ricordo ben poco di questo romanzo, letto molti anni fa ed evidentemente non tale da avermi lasciato un segno indelebile nella memoria...
    Quello che affiora alla mia mente sono una scrittura e una trama delicate, quasi sottotono. Ricordo che non mi è dispiaciuto, ma neanche che mi abbia particolarmente colpito, forse proprio per questa mancanza di forti "impennate"... Probabilmente dovrei rileggerlo ora, per poter dare un nuovo e più maturo giudizio.
    Qualcuno di voi lo ha letto e può darne un commento più esaustivo del mio?

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19018
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    747
    Thanked in
    463 Posts

    Predefinito

    io l'ho letto da adolescente e sicuramento non potrò dare un commento esaustivo, ricordo però molto bene il grande lavoro riflessivo che Bernanos fa sul percorso interiore di questo giovane sacerdote di fronte alla complessità in cui si trova a vivere. Dopo tantissimi anni mi è rimasta la profondità e l'affondo dello scrittore, la sua religiosità sempre presente che guida il tormento interiore di questo curato di campagna, emblematico della posizione anche dell'autore di fronte alla crisi che lo circonda. Un libro difficile e caratterizzato in modo molto netto ma sicuramente importante e me ne accorgo adesso, a distanza di tanti anni, indimenticabile.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5819
    Thanks Thanks Given 
    1234
    Thanks Thanks Received 
    425
    Thanked in
    255 Posts

    Predefinito

    L'ho letto anch'io molti anni fa...e ne traggo le tue stesse conclusioni,dovrei rileggerlo,sicuramente lo rivaluterei,al tempo non mi lasciò niente di "forte".

  4. #4
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6836
    Thanks Thanks Given 
    43
    Thanks Thanks Received 
    88
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    Letto una decina d'anni fa anch'io e ricordo che mi piacque. Profondo e delicato trova il culmine nella frase finale del povero curato morente.. "tutto è grazia".........

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Petri, Elio - Un tranquillo posto di campagna
    Da ayla nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-01-2012, 01:50 PM
  2. Castellano e Pipolo - Il ragazzo di campagna
    Da Lauretta nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 01-24-2012, 06:14 PM
  3. Renoir, Jean - Una gita in campagna
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 09-04-2011, 10:47 PM
  4. Vita in campagna
    Da Baldassarre Embriaco nel forum La rivisteria
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 02-06-2011, 02:13 PM
  5. Campagna, Steven - Il Popolo degli Specchi
    Da Nevets nel forum Autori emergenti - autori contemporanei
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 05-03-2009, 12:49 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •