In treno, in macchina, in aereo, in autobus, in nave, in autostop, a piedi. Dieci anni di viaggi, dal 2000 al 2010. Dieci anni dormendo in alberghi, pensioni, affittacamere, campeggi, appartamenti metropolitani e case contadine, talvolta per terra, sul pavimento, in strada, sul cemento, sulla sabbia, nei prati. Dieci anni di passione, di studio, di incontri e di scontri, in un labirinto di popoli, di confini, di memorie divise. Uno sguardo non convenzionale sulle Jugoslavie, frammenti di paesi nati sulle macerie di quella che fu la gloriosa Jugoslavia di Tito, spazzata via dalla storia e dalla guerra.

brevi impressioni, racconti ed esperienze di un grande appassionato di storia e cultura balcanica. Interessante, ma non entusiasmante, è come se mancasse qualcosa... sembrano appunti presi su una moleschine... forse avrebbe dovuto integrarli con maggiori informazioni... insomma 10 anni di viaggi ridotti a 152 paginette??