Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Satyricon

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Petronio - Satyricon

  1. #1
    Scimmia ballerina
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3071
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    40
    Thanked in
    19 Posts

    Predefinito Petronio - Satyricon

    Mi sarei potuto aspettare di tutto dai miei compiti di latino, tranne che di trovare divertente un libro scritto duemila anni fa (e no, non si tratta dei Vangeli).

    Un filosofo squattrinato, Encolpio, che rivaleggia con Asciilto per le attenzioni del giovane (e scafato) Gitone; Trimalchione, liberto arricchito e cafone, che invita i tre a cena; Eumolpo, poeta vecchio e patetico, con cui Eumolpo e Gitone si imbarcano; Lica e Trifena, vecchi amanti dei due e ora loro nemici, incontrati durante la traversata finita in tragedia...

    Pornissimo, esagerato e comico all'inverosimile; è difficile trovarsi davanti a passi memorabili (come quello del monologo di Encolpio con il suo pene impotente o quello del dildo di cuoio che una sacerdotessa di Priapo cerca di usare come parte di un incantesimo per curare il problema) senza rotolarsi per terra, minimo.

    Ma il momento migliore arriva quando ti chiedono perché ridi, cosa starai mai leggendo; rispondere "oh, nulla, compiti di latino" non ha prezzo.

    (Anobii)

    un piccolo estratto:

    (...) quando fece il suo ingresso Trimalchione che (...) disse: "Scusatemi, amici, ma ormai da molti giorni il mio intestino non mi dice il vero. E i medici non si raccapezzano. (...) Pertanto, se qualcuno di voi ha voglia di fare i suoi bisogni, non c'è da peritarsi. Nessuno di noi è nato senza buchi. Per me non c'è tortura maggiore che trattenersi. (...) Comunque io non proibisco a nessuno di fare, nel triclinio, ciò che gli aggrada, (...) che poi se viene da fare qualcosa di più consistente, fuori c'è tutto l'occorrente: acqua, pitali e tutti gli altri piccoli accessori. Datemi retta, se il meteorismo va al cervello, provoca flussioni in tutto il resto del corpo!"
    cap 47
    Ultima modifica di elisa; 09-03-2012 alle 10:26 PM. Motivo: format titolo

  2. #2
    Πάντα ρει ώς ποθαμός
    Data registrazione
    Dec 2011
    Località
    "Ti dono Satyrion, ti concedo di abitare il ricco paese di Taras e diventare flagello degli Iapigi."
    Messaggi
    2316
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    stiamo traducendo passo passo alcuni brani... beh, risate assicurate! è un tuffo nel latino più "terra terra" che si possa immaginare. spero di leggerlo tutto per intero (cioè, quel che ci è pervenuto).

  3. #3

    Predefinito

    Ciao, ho letto che alcune edizioni di questo testo (es: la mondadori) hanno tagliato delle parti e non includono le note al testo.
    Mi consigliereste una buona edizione da comprare?

    E' uscita la BUR nel 2013 e indica oltre 500 pagine con testo latino a fronte! E cos'altro mai ci sarebbe dentro oltre a testo in sè?

  4. #4
    Member
    Data registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    64
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Io ho letto l'edizione Newton Compton, mi è sembrata buona la traduzione e confermo, un'opera licenziosa e divertente, peccato sia giunta a noi frammentata e ciò si percepisce dal salto improvviso dalla cena di Trimalcione all'imbarcazione con Trifena

  5. #5
    Πάντα ρει ώς ποθαμός
    Data registrazione
    Dec 2011
    Località
    "Ti dono Satyrion, ti concedo di abitare il ricco paese di Taras e diventare flagello degli Iapigi."
    Messaggi
    2316
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Karmelj Vedi messaggio
    Io ho letto l'edizione Newton Compton, mi è sembrata buona la traduzione e confermo, un'opera licenziosa e divertente, peccato sia giunta a noi frammentata e ciò si percepisce dal salto improvviso dalla cena di Trimalcione all'imbarcazione con Trifena
    Karmelj, la parte da noi posseduta corrisponde alla fine del quattordicesimo libro, al quindicesimo intero e all'inizio del sedicesimo. Quindi ci mancano sicuramente i primi tredici libri e mezzo e la parte finale, che non sappiamo per quanto si estendesse e quanti altri libri comprendesse. Con buona approssimazione, possiamo dire che la parte pervenutaci sia unitaria e che il suo ritrovamento sia stato davvero una fortuna, dato che ha sfidato il tempo e specialmente la censura d'epoca cristiana

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Polidoro, Gian Luigi - Satyricon
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-05-2010, 07:37 PM
  2. Fellini, Federico - Fellini Satyricon
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 11-15-2009, 08:36 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •