Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Parti in fretta e non tornare

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 17

Discussione: Vargas, Fred - Parti in fretta e non tornare

  1. #1
    Amelia Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    285
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Vargas, Fred - Parti in fretta e non tornare

    Bel romanzo, con personaggi originalissimi e sempre ben delineati. E' il primo che leggo con protagonista il commissario Adamsberg, e devo dire che la sua indolenza conquista... ancora una volta sullo sfondo i tre evangelisti, in particolare Marc, esperto di Medioevo e "pestologo".

    "Da venticinque anni nella Polizia di Parigi, il commissario Adamsberg è un uomo lento. Riesce a riflettere solo camminando e i suoi pensieri sono aggrovigliati come gli scarabocchi che annota sui fogli. Brancola sempre nel buio, ma proprio quando sembra andare alla deriva viene folgorato da intuizioni geniali. Come quelle con cui risolverà un caso davvero misterioso, che parrebbe avere a che fare con simboli e superstizioni di un'altra epoca. Dopo avere scritto una saga incentrata su tre stralunati detective dilettanti, con questo romanzo Fred Vargas disegna il ritratto di un indimenticabile poliziotto."
    Ultima modifica di elisa; 01-30-2011 alle 08:39 AM. Motivo: edit caratteri

  2. #2
    Junior Member
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    provincia di Milano
    Messaggi
    13
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alisa Vedi messaggio
    Bel romanzo, con personaggi originalissimi e sempre ben delineati. E' il primo che leggo con protagonista il commissario Adamsberg, e devo dire che la sua indolenza conquista... ancora una volta sullo sfondo i tre evangelisti, in particolare Marc, esperto di Medioevo e "pestologo".

    "Da venticinque anni nella Polizia di Parigi, il commissario Adamsberg è un uomo lento. Riesce a riflettere solo camminando e i suoi pensieri sono aggrovigliati come gli scarabocchi che annota sui fogli. Brancola sempre nel buio, ma proprio quando sembra andare alla deriva viene folgorato da intuizioni geniali. Come quelle con cui risolverà un caso davvero misterioso, che parrebbe avere a che fare con simboli e superstizioni di un'altra epoca. Dopo avere scritto una saga incentrata su tre stralunati detective dilettanti, con questo romanzo Fred Vargas disegna il ritratto di un indimenticabile poliziotto."


    Ciao sono Bellatrix, ho letto il libro e devo dire che mi è molto piaciuto. ipersonaggi sono originali a partire dal banditore. Senza contare gli spunti che mi ha dato circa il medioevo. Ho intenzione di leggere anche gli altri libri di questo autore, tu li hai letti ( posso darti del tu?) quale mi consigli. Ciao e grazie .
    Ultima modifica di elisa; 01-30-2011 alle 08:39 AM. Motivo: edit caratteri

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    150
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito

    Davvero bello questo romanzo della Vargas. Originale, scorrevole, personaggi minuziosamente descritti. I riferimenti al Medioevo, alla peste... e piu' in generale ad un'epoca ricca di mistero tiene viva l'attenzione fino all'ultima parola; la scrittrice con la sua abilita' nello stile e le sue competenze specifiche, e' riuscita a farne un mix davvero accattivante.
    E su tutti naturalmente lui, il Commissario Adamsberg, totalmente ammaliata fin dalla sua prima passeggiatina riflessiva...sandali finali compresi

    decisamente consigliato

  4. #4
    da sudovest
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terra Lat. 41°54´N; Long. 12°29´E
    Messaggi
    1880
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da darida Vedi messaggio
    Davvero bello questo romanzo della Vargas. Originale, scorrevole, personaggi minuziosamente descritti. I riferimenti al Medioevo, alla peste... e piu' in generale ad un'epoca ricca di mistero tiene viva l'attenzione fino all'ultima parola; la scrittrice con la sua abilita' nello stile e le sue competenze specifiche, e' riuscita a farne un mix davvero accattivante.
    E su tutti naturalmente lui, il Commissario Adamsberg, totalmente ammaliata fin dalla sua prima passeggiatina riflessiva...sandali finali compresi

    decisamente consigliato
    m'associo al consiglio dell'ineffabile

    Credo la Vargas sia tra le migliori autrici di gialli attualmente in circolazione. Parti in fretta e non tornare è forse il suo titolo migliore in assoluto.

    http://www.forumlibri.com/forum/show...erg#post207400

  5. #5
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Parti in fretta e non tornare è davvero fantastico.
    Ho letto tutti i libri della Vargas, mi manca solo l'ultimo, Un luogo incerto, ma da L'uomo dei cerchi azzurri, passando per L'uomo a rovescio, allo strabiliante Nei boschi eterni, che ho adorato, credo che stabilire quale sia il migliore è incredibilmente difficile.

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    150
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Zefiro Vedi messaggio
    m'associo al consiglio dell'ineffabile

    Credo la Vargas sia tra le migliori autrici di gialli attualmente in circolazione. Parti in fretta e non tornare è forse il suo titolo migliore in assoluto.

    http://www.forumlibri.com/forum/show...erg#post207400
    Bene!
    allora io ho iniziato dalla fine
    vabbe', per essere coerente: prima-L'uomo a rovescio- dopo -L'uomo dei cerchi azzurri- poi li ribalto nella caveza

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    150
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito a proposito della trilogia Adamsberg

    "L'uomo a rovescio-, lo sconsiglio perchè la trama in se è insulsa, i personaggi poco sottolineati.
    Il commissario sembra una comparsa.
    L'ambientazione ridicola.
    Basta?"

    scrive un'amica di un altro forum

    queste son cose che nel loro piccolo confondono

    aspetto il rintocco bello sonoro di un'altra campana prima di continuare, mi è piaciuto davvero molto Parti in fretta...meglio un arrivederci e grazie ad una, anche tiepida, delusione

  8. #8
    da sudovest
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terra Lat. 41°54´N; Long. 12°29´E
    Messaggi
    1880
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da darida Vedi messaggio
    "L'uomo a rovescio-, lo sconsiglio perchè la trama in se è insulsa, i personaggi poco sottolineati.
    Il commissario sembra una comparsa.
    L'ambientazione ridicola.
    Basta?"

    scrive un'amica di un altro forum

    queste son cose che nel loro piccolo confondono

    aspetto il rintocco bello sonoro di un'altra campana prima di continuare, mi è piaciuto davvero molto Parti in fretta...meglio un arrivederci e grazie ad una, anche tiepida, delusione
    darida: come negarti uno scampanellio?

    la mia sulla Vargas, l'ho scritto in varie parti del forum è la seguente: tutto ciò che ha scritto finora è cerrtamente sopra la media che si vede in giro in ambito giallistico, tra i contemporanei intendo, non sto qui parlando dei grandi classici tipo Simenon, Doyle, Christie etc....

    Non ho mai letto finora qualcosa di suo che mi abbia completamente deluso. Piaciuto di più e piaciuto di meno naturalmente, come ogni altro autore del resto, si.

    A mio parere "Parti in fretta e non tornare" è la cosa migliore in assoluto lei abbia mai scritto, forse perchè attinente il suo expertise specifico: sull'argomento peste in epoca medioevale lei è una autorità di livello internazionale. Questo romanzo è, rispetto a tutti gli altri suoi romanzi, a parer mio un gradino più in su.

    Su "l'uomo a rovescio" io non sarei così tranchant, è comunque un ottimo giallo, ma non aspettarti il medesimo livello di "Parti in fretta..." Se vuoi leggerne un altro prima di cambiare autore e magari tornare sulla Vargas in seguito mi sento di consigliarti senza dubbio L'uomo dei cerchi azzurri. Bella struttura, ottimo crescendo, notevole finale. Sono sicuro che l'apprezzerai. Questo almeno, non lo salterei.
    Sul resto magari, puoi tornare tranquillamente dopo e credo che comunque, dall'autrice in generale non resterai delusa.

  9. #9
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Cari Zefiro e Darida, scusate se mi intrometto nel vostro scambio sulla Vargas, ma siccome mi piace moltissimo e la trovo geniale, volevo spendere due paroline in più su quello che penso.

    Prima di tutto voglio dire che la Vargas non si può paragonare a Simenon, Doyle, Christie etc.. non tanto per la grandezza di questi ultimi, quanto per il fatto che il suo tipo di giallo non ha nulla a che vedere con il giallo "classico".
    I suoi personaggi sono surreali, in certi casi li potrei definire anche fiabeschi o poetici, in più le trame dei suoi libri sono stratificate su un filo conduttore comune che è la storia personale di Adamsberg, che si può seguire nei vari libri se si leggono in ordine di uscita, fino a culminare con il grandissimo "Nei boschi eterni", che per me è il migliore.
    Questo filo si perde e non rende quanto dovrebbe se i libri si leggono in ordine sparso.
    Per questo io consiglio sempre di leggerli in ordine.

    In conlcusione se una persona cerca una sorta di giallo "neoclassico", nel senso dello stile di Simenon & co. ambientato nei tempi moderni, resterà deluso.
    Altrimenti, se saprà guardare oltre la cortina dello strettamente realistico, potrà volare alto, perché i personaggi e i libri della Vargas, secondo me, ti portano oltre il senso letterale della trama poliziesca.

  10. #10
    da sudovest
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terra Lat. 41°54´N; Long. 12°29´E
    Messaggi
    1880
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dory Vedi messaggio
    Cari Zefiro e Darida, scusate se mi intrometto nel vostro scambio sulla Vargas, ma siccome mi piace moltissimo e la trovo geniale, volevo spendere due paroline in più su quello che penso.

    Prima di tutto voglio dire che la Vargas non si può paragonare a Simenon, Doyle, Christie etc.. non tanto per la grandezza di questi ultimi, quanto per il fatto che il suo tipo di giallo non ha nulla a che vedere con il giallo "classico".
    I suoi personaggi sono surreali, in certi casi li potrei definire anche fiabeschi o poetici, in più le trame dei suoi libri sono stratificate su un filo conduttore comune che è la storia personale di Adamsberg, che si può seguire nei vari libri se si leggono in ordine di uscita, fino a culminare con il grandissimo "Nei boschi eterni", che per me è il migliore.
    Questo filo si perde e non rende quanto dovrebbe se i libri si leggono in ordine sparso.
    Per questo io consiglio sempre di leggerli in ordine.

    In conlcusione se una persona cerca una sorta di giallo "neoclassico", nel senso dello stile di Simenon & co. ambientato nei tempi moderni, resterà deluso.
    Altrimenti, se saprà guardare oltre la cortina dello strettamente realistico, potrà volare alto, perché i personaggi e i libri della Vargas, secondo me, ti portano oltre il senso letterale della trama poliziesca.
    yes concordo su tutto parola per parola.

    Il mio riferimento ai grandi classici non era in realtà d'assimilazione di genere, tema sul quale concordo in toto con quanto scritto da Dory, ma semplicemente per dire che tra i viventi contemporanei a parer mio la Vargas si nota.

    Ciò detto, se un po' ho imparato a conoscere darida che è esigente un bel po', spiccia e stufarella assai, (darida se neghi mi metto a ridere t'avviso!!!! Anzi, già rido da subito... ) confermo il consiglio per l'uomo dei cerchi azzurri prima di passare ad altro.
    Ultima modifica di Zefiro; 03-01-2011 alle 04:26 PM.

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    150
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Zefiro Vedi messaggio
    yes concordo su tutto parola per parola.

    Il mio riferimento ai grandi classici non era in realtà d'assimilazione di genere, tema sul quale concordo in toto con quanto scritto da Dory, ma semplicemente per dire che tra i viventi contemporanei a parer mio la Vargas si nota.

    Ciò detto, se un po' ho imparato a conoscere darida che esigente un bel po', spiccia e stufarella assai, (darida se neghi mi metto a ridere 'tavviso!!!! Anzi, già rido... ) confermo il consiglio per l'uomo dei cerchi azzurri
    non nego affatto, mister
    e come un ineffabile libro aperto ti diro': aggiudicato L'uomo dei cerchi azzurri per 'sto giro e per il prossimo, Nei boschi eterni, come suggerito dalla nostra pesciolina narratrice

  12. #12
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da darida Vedi messaggio
    non nego affatto, mister
    e come un ineffabile libro aperto ti diro': aggiudicato L'uomo dei cerchi azzurri per 'sto giro e per il prossimo, Nei boschi eterni, come suggerito dalla nostra pesciolina narratrice
    Come ho detto, il mio consiglio è di leggerli in ordine cronologico, quindi, a rigore, prima di leggere Nai bosci eterni dovresti leggere Sotto i venti di nettuno. Devo dire che l'ho trovato un filo sotto gli altri, ma se ti va di seguire la storia del commissario Adamsberg, dovresti fare così, altrimenti non capirai alcuni passaggi.

  13. #13
    +Dreamer+ Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    3704
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Questo è entrato di diritto nella mia lista di gialli preferiti, divorato in soli due giorni grazie a una trama originale, ben scritta e strutturata, che sa tenere col fiato sospeso fino all'ultima pagina e con un Adamsberg più geniale che mai.
    Questa scrittrice semplicemente incanta con le parole, sicuramente leggerò altro di suo.

  14. #14
    Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    97
    Thanks Thanks Given 
    6
    Thanks Thanks Received 
    6
    Thanked in
    5 Posts

    Predefinito

    Molto bello! interessante la trama e le spiegazioni storiche-sociologiche che fanno da sfondo alle vicende dei personaggi. Ho adorato la precisione nel descrivere personaggi e azioni, anche originali (come il personaggio dell'urlatore di notizie), anche se specialmente nei primi capitoli ho trovato la lettura un po' pesante. L'attenzione ai piccoli dettagli si apprezza molto di più quando la storia è bene avviata!! E infatti poi da un certo punto in poi è impossibile fermare la lettura

    Consigliato per gli amanti del giallo e della storia!

  15. #15

    Predefinito

    Molto bello, probabilmente uno dei migliori che ho letto finora della Vargas. Originale, scorrevole, tiene incollati alle pagine fino alla fine. Soliti personaggi splendidamente caratterizzati e profondamente umani.
    Lo consiglio!

Discussioni simili

  1. Vargas, Fred - L'uomo a rovescio
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 08-24-2017, 12:11 PM
  2. Vargas, Fred - Chi è morto alzi la mano
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 25
    Ultimo messaggio: 11-10-2015, 05:55 PM
  3. Uhlman, Fred - L'amico ritrovato
    Da Poirot nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 69
    Ultimo messaggio: 11-10-2015, 10:19 AM
  4. Vargas, Fred - Io sono il tenebroso
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 09-08-2015, 09:08 PM
  5. Vargas, Fred - Nei Boschi Eterni
    Da dadax70 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 05-13-2011, 03:13 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •